Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

My Colours - Cassilis (Slow Growth)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Cassilis - My Colours
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione:
Genere: punk / post-hardcore / screamo



Di base a Philadelphia, la band e' un quartetto che annovera membri di Boy Problems, Boys & Sex, Make Me, Snowing, and The Lady Is Not For Burning. Sul loro curriculum i Cassilis riportano un Ep di sei tracce nel 2008, "The Place Where We Meet To Seek The Highest Is Underground", e uno split con gli Storm The Bastille l'anno seguente. Se non ne avete mai sentito parlare, non preoccupatevi, quel che conta e' non farsi sfuggire "My Colors".

Qui ci sono dieci brani che fluiscono senza tregua uno dopo l'altro. Un impasto di nervi e acciaio che ha recepito alla lettera i dogmi di Converge, Botch e Coalesce, i Cassilis sono un meteorite spigoloso di post-core che trasporta la voce al limite della lacerazione delle corde vocali di Jon Weed, usignolo al catrame che strilla come un ossesso.

La qualita' migliore di questi quattro disagiati e' la rapidita' con cui sviluppano i loro monologhi isterici. Strutture compresse, basso iperdistorto che trivella il suolo, chitarra che erige un muro di suono compatto dalle cui fessure sbucano lame contorte e arrugginite. Il sound cannibale emerge da quei grumi di fango tra cui si dimenano anche gli Unsane ("Dirt Shirt", "Gipsy", la title-track), ma l'attacco di "Judgment Dude" lascia lo stesso sapore di sangue in bocca come nei primi Mastodon. Si va da poco pi├╣ di un minuto a meno di tre di durata con "Swallowing Cities", "Who The Fuck Is Gil Lewin" e "Carcassone" che sono invero assalti belluini alla scatola cranica.

I Cassilis ci lanciano addosso furia a secchielli col loro screamo-post-core. Roba che affonda dritta nelle viscere.

P.S: sulla pagina Bandcamp del gruppo (http://cassilis.bandcamp.com/) potete ascoltare l'intero album che, se pu├▓ interessarvi, esce pure in audiocassetta.

[Marco Giarratana]


Questa recensione Ú stata letta 2115 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Converge - No HeroesConverge
No Heroes
Antithesis - AntithesisAntithesis
Antithesis
Gerda - Cosa Dico Quando Non ParloGerda
Cosa Dico Quando Non Parlo
Dillinger Escape Plan - & Mike Patton Irony Is A Dead SceneDillinger Escape Plan
& Mike Patton Irony Is A Dead Scene
Dillinger Escape Plan - Miss MachineDillinger Escape Plan
Miss Machine
Converge - You Fail MeConverge
You Fail Me
Cassilis - My ColoursCassilis
My Colours
Inferno - InfernoInferno
Inferno
Comity - As Everything Is A TragedyComity
As Everything Is A Tragedy
Death Of Anna Karina - New Liberalistic PleasuresDeath Of Anna Karina
New Liberalistic Pleasures