´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

My Colours - Cassilis (Slow Growth)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Cassilis - My Colours
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione:
Genere: punk / post-hardcore / screamo



Di base a Philadelphia, la band e' un quartetto che annovera membri di Boy Problems, Boys & Sex, Make Me, Snowing, and The Lady Is Not For Burning. Sul loro curriculum i Cassilis riportano un Ep di sei tracce nel 2008, "The Place Where We Meet To Seek The Highest Is Underground", e uno split con gli Storm The Bastille l'anno seguente. Se non ne avete mai sentito parlare, non preoccupatevi, quel che conta e' non farsi sfuggire "My Colors".

Qui ci sono dieci brani che fluiscono senza tregua uno dopo l'altro. Un impasto di nervi e acciaio che ha recepito alla lettera i dogmi di Converge, Botch e Coalesce, i Cassilis sono un meteorite spigoloso di post-core che trasporta la voce al limite della lacerazione delle corde vocali di Jon Weed, usignolo al catrame che strilla come un ossesso.

La qualita' migliore di questi quattro disagiati e' la rapidita' con cui sviluppano i loro monologhi isterici. Strutture compresse, basso iperdistorto che trivella il suolo, chitarra che erige un muro di suono compatto dalle cui fessure sbucano lame contorte e arrugginite. Il sound cannibale emerge da quei grumi di fango tra cui si dimenano anche gli Unsane ("Dirt Shirt", "Gipsy", la title-track), ma l'attacco di "Judgment Dude" lascia lo stesso sapore di sangue in bocca come nei primi Mastodon. Si va da poco pi├╣ di un minuto a meno di tre di durata con "Swallowing Cities", "Who The Fuck Is Gil Lewin" e "Carcassone" che sono invero assalti belluini alla scatola cranica.

I Cassilis ci lanciano addosso furia a secchielli col loro screamo-post-core. Roba che affonda dritta nelle viscere.

P.S: sulla pagina Bandcamp del gruppo (http://cassilis.bandcamp.com/) potete ascoltare l'intero album che, se pu├▓ interessarvi, esce pure in audiocassetta.

[Marco Giarratana]


Questa recensione Ú stata letta 2086 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Million Dead - A Song To RuinMillion Dead
A Song To Ruin
Cave In - Until Your Heart StopsCave In
Until Your Heart Stops
Converge - No HeroesConverge
No Heroes
Antithesis - AntithesisAntithesis
Antithesis
Cave In - White SilenceCave In
White Silence
Soul Glo - The Nigga Is MeSoul Glo
The Nigga Is Me
Cave In - Perfect Pitch BlackCave In
Perfect Pitch Black
Handsome - HandsomeHandsome
Handsome
Laghetto - Sonate In Bu Minore Per 400 Scimmiette UrlantiLaghetto
Sonate In Bu Minore Per 400 Scimmiette Urlanti
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson