Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Cassilis - My Colours (Slow Growth)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

Cassilis - My Colours
Titolo: My Colours
Anno: 2011
Produzione:
Genere: punk / post-hardcore / screamo

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Di base a Philadelphia, la band e' un quartetto che annovera membri di Boy Problems, Boys & Sex, Make Me, Snowing, and The Lady Is Not For Burning. Sul loro curriculum i Cassilis riportano un Ep di sei tracce nel 2008, "The Place Where We Meet To Seek The Highest Is Underground", e uno split con gli Storm The Bastille l'anno seguente. Se non ne avete mai sentito parlare, non preoccupatevi, quel che conta e' non farsi sfuggire "My Colors".

Qui ci sono dieci brani che fluiscono senza tregua uno dopo l'altro. Un impasto di nervi e acciaio che ha recepito alla lettera i dogmi di Converge, Botch e Coalesce, i Cassilis sono un meteorite spigoloso di post-core che trasporta la voce al limite della lacerazione delle corde vocali di Jon Weed, usignolo al catrame che strilla come un ossesso.

La qualita' migliore di questi quattro disagiati e' la rapidita' con cui sviluppano i loro monologhi isterici. Strutture compresse, basso iperdistorto che trivella il suolo, chitarra che erige un muro di suono compatto dalle cui fessure sbucano lame contorte e arrugginite. Il sound cannibale emerge da quei grumi di fango tra cui si dimenano anche gli Unsane ("Dirt Shirt", "Gipsy", la title-track), ma l'attacco di "Judgment Dude" lascia lo stesso sapore di sangue in bocca come nei primi Mastodon. Si va da poco più di un minuto a meno di tre di durata con "Swallowing Cities", "Who The Fuck Is Gil Lewin" e "Carcassone" che sono invero assalti belluini alla scatola cranica.

I Cassilis ci lanciano addosso furia a secchielli col loro screamo-post-core. Roba che affonda dritta nelle viscere.

P.S: sulla pagina Bandcamp del gruppo (http://cassilis.bandcamp.com/) potete ascoltare l'intero album che, se può interessarvi, esce pure in audiocassetta.

[Marco Giarratana]


Questa recensione é stata letta 2275 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Full Effect - ReconcilementFull Effect
Reconcilement
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Engineer - Crooked VoicesEngineer
Crooked Voices
Laghetto - Sonate In Bu Minore Per 400 Scimmiette UrlantiLaghetto
Sonate In Bu Minore Per 400 Scimmiette Urlanti
Dillinger Escape Plan - Under The Running BoardDillinger Escape Plan
Under The Running Board
Infarto Scheisse! - The Infarto Scheisse!Infarto Scheisse!
The Infarto Scheisse!
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Hurt Process - Drive By MonologueHurt Process
Drive By Monologue
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson