Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Sounds Of Liberation - Chè (Mans Ruin)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Chè - Sounds Of Liberation
Voto:
Etichetta: Mans Ruin
Anno: 2000
Produzione:
Genere: rock / stoner / psych
Scheda autore: Chè



Dalla label di Frank Kozic arrivano un sacco di cose. Belle e brutte. Diciamo che nell'ambito stoner e punk pubblica di tutto. Anzi pubblica tutto quello che incidono i suoi amici. Tra queste cose troviamo molta merda che spesso cerca di venderci come fosse oro. Non è questo il caso. Anche perchè vi basta conoscere i tre musicisti che formano i Chè: Dave Dinsmore (Unida) al basso, Brant Bjork (Kyuss) alla chitarra e alla voce e Alfredo Hernandez (Fu Manchu, Kyuss, QOTSA). Secondo voi che musica fanno? Se avete risposto stoner avete indovinato. I tre ci offrono una versione leggermente meno accessibile dei QOTSA, diciamo orientati agli sperimentalismi del primo disco senza le influenze robotiche. Speriamo che i Queens Of The Stone Age inizino realmente a fare scuola anche perchè questo è un gran disco. Lo stoner è un genere molto limitato per definizione e i QOTSA e, ora i Chè, sono riusciti ad andare oltre e a creare un suono splendido.

L'unico difetto del disco che altrimenti sarebbe stato un vero classico è la voce di Brant purtroppo non all'altezza nè di Jhon Garcia nè di Josh Homme. Rimane sempre molto calma e quindi non da particolarmente fastidio ma dovete capire che Brant non è un cantante. Diciamo che è una versione primitiva di Josh Homme. Ma la voce ha poco spazio nel disco, in genere si passa il tempo a farsi trascinare dal suono della chitarra e a farsi scuotere dalla batteria, vere forze motrici del disco. In sostanza, questo gruppo promette molto, vedremo se in futuro riuscirà a mantenere qualcosa. Ora come ora è sotto solo ai maestri del genere. Ovvero QOTSA, Unida e Nebula.

Ottima mossa Frank. Ora aspettiamo il disco dei Melvins.

[Dale P.]

Canzoni significative: Pray For Rock, The Knife.


Questa recensione é stata letta 4017 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

15/07/2004GenovaGoa Boa 2004
22/01/2003MilanoAlcatraz
15/06/2007VeneziaHeineken Jammin Festival
12/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 1
14/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 3

tAXI dRIVER consiglia

Om - BBC Radio 1Om
BBC Radio 1
Queens Of The Stone Age - Feel Good Hit Of The SummerQueens Of The Stone Age
Feel Good Hit Of The Summer
Colt 38 - Colt ThirtyeightColt 38
Colt Thirtyeight
Brant Bjork - JacoozziBrant Bjork
Jacoozzi
Motorpsycho - BarracudaMotorpsycho
Barracuda
Fu Manchu - DaredevilFu Manchu
Daredevil
Danava - Hemisphere Of ShadowsDanava
Hemisphere Of Shadows
Ojm - VolcanoOjm
Volcano
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Queens Of The Stone Age - Rated RQueens Of The Stone Age
Rated R