Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Mathreyata - Dark Buddha Rising (Svart)

Ultime recensioni

Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On

Dark Buddha Rising - Mathreyata
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Svart
Anno: 2020
Produzione: Dark Buddha Rising
Genere: metal / drone / psych
Scheda autore: Dark Buddha Rising



La musica dei Dark Buddha Rising si potrebbe definire metal psichedelico. Una dose di doom, una dose di psichedelia e, infine, una dose di kraut. Sostanzialmente gli ingredienti non sono mai cambiati fin dagli esordi eppure il risultato, disco dopo disco, è sempre stato ineccepibile. Forse un po' troppo particolari per il grande pubblico ma sicuramente mai banali.

Il loro palco preferito è ovviamente quello del Roadburn in cui inevitabilmente trovano i favori del pubblico all'unanimità. Nell'edizione 2018 divisero il palco con gli Oranssi Pazuzu, generando la Waste Of Space Orchestra, il cui unico disco è una delle uscite più interessanti degli ultimi anni.

"Mathreyata" prosegue il lungo (lunghissimo) discorso del Buddha oscuro tornando alla Svart Records dopo un paio di pubblicazioni per Neurot ("Inversum" e "II"). Ecco, un modo per spiegare il sound dei finlandesi è proprio prendere i vecchi capi di etichetta Neurosis e spogliarli di tutta l'eccessività "hardcore", "sludge" e "metal" e lasciarli solo di momenti intimi e oscuri, sebbene "Mathreyata" inizi con un riffone monolitico e urla belluine.

Se amate il drone, il doom, la psichedelia, il kraut e il post-rock più dilatato (alla Godspeed You Black Emperor) amerete anche questo disco. Altrimenti rivedete i vostri gusti, fatevi piacere i generi di cui sopra e ripassate di qua. "Mathreyata" è un piccolo grande capolavoro di cui sentivamo il bisogno da affiancare a "Mestarin Kynsi" degli Oranssi Pazuzu.

[Dale P.]

Canzoni significative: Sunyaga, Nagathma.


Questa recensione é stata letta 209 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
The Dead C - Rare RaversThe Dead C
Rare Ravers
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Alexander Tucker - Third MouthAlexander Tucker
Third Mouth
Khanate - Capture & ReleaseKhanate
Capture & Release
Khlyst - Chaos Is My NameKhlyst
Chaos Is My Name
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Imbogodom - The Metallic YearImbogodom
The Metallic Year
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit