Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Darkthrone - Too Old Too Cold EP (Moonfog)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Darkthrone - Too Old Too Cold EP
Autore: Darkthrone
Titolo: Too Old Too Cold EP
Anno: 2006
Produzione:
Genere: metal / punk /

Voto:



E' tornata la band più marcia del pianeta, un gruppo che dopo aver scritto alcune tra le pagine più significative del black metal norvegese prima scuola, si presenta ora spartendo calci nel culo a Dimmu Borgir, Cradle of filth e compagnia bella con un punk rock grezzo e sporco. E' finita l'era dei crocifissi insanguinati e dei ceroni in faccia, questi sono 4 pezzi brevi, fatti di due accordi, stop'n'go e tanto tanto odio. Il nichilismo dell punk\hc dei primi anni '80 viene qui rivisitato nella prospettiva ampliata e corretta dell'anticristianesimo radicale... suoni al limite della 'saletta', voci oltretombali con delay lontanissimi, testi al limite del grottesco, assoli tipicamente thrash\retro, una sconcertante cover di Siouxsie and the Banshees.

Questi sono i Darkthrone nel 2006: un tributo alle origini del rock più aggressivo, e una valida alternativa alle mammolette neo rock'n'roll in circolazione già da (troppo) tempo.

[Morgan]

Canzoni Significative: Graveyard slut

Questa recensione é stata letta 2997 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Darkthrone - Eternal HailsDarkthrone
Eternal Hails
Darkthrone - Old StarDarkthrone
Old Star

tAXI dRIVER consiglia

Darkthrone - Too Old Too Cold EPDarkthrone
Too Old Too Cold EP