Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Daughters - Daughters (Hydra Head)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Daughters - Daughters
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Hydra Head
Anno: 2010
Produzione: Kaith Souza
Genere: rock / noise / mathrock



I più accorti già sapranno chi siano i Daughters. Sanno che non sono esattamente personaggi di primo pelo perché stanno in giro da quasi una decina d'anni e proprio di recente due membri fondatori hanno mollato la band, il bassista Samuel Walker ed il chitarrista Nicholas Sadler. È probabile che l'avventura del gruppo si chiuda qui, con un album d'esordio per Robotic Empire e due, questo omonimo incluso nel conteggio, per Hydra Head. Chi, prima d'oggi, non sapeva invece dell'esistenza delle quattro "figliolette" (ma sono tutti maschietti in line-up) si prepari a farsi investire da un concentrato escoriante di math-core, noise e colate di patterns elettronici che aumentano pericolosamente il battito ritmico, quando necessario. Immaginate i Quicksand che fanno a cazzotti coi Wolf Eyes, aggiungete un po' dell'irruenza dei Refused, le dermatiti dei Parts & Labor e il delirium tremens dei Locust. Vi piace la mistura? Bene, servitevene pure, anche se il sapore potrebbe differire leggermente da quello supposto, perché i Daughters sono una centrifuga anarchica che simula un disordine urbano pauroso. Smembrano tutto il filone dell'indie newyorkese e lo rivisitano secondo gli stilemi di un grind geneticamente modificato che, in episodi come "Our Queens (One Is Many, Many Are One)", "Sweet Georgia Bloom", "The First Supper", The Theatre Goer" e "The Hit" dà vita a Frankenstein con in mano un defibrillatore sonoro. Nonostante ciò, l'apparato strutturale di queste nuove otto composizioni si rivela un pizzico più intelligibile rispetto ai precedenti "Canada Songs" e "Hell Songs", vi lasciamo quindi immaginare di cosa fossero capaci i quattro ragazzacci di Rhode Island in quelle circostanze. Hanno abbandonato ogni traccia di screaming hardcore nel cantato, ma per carità, non siate tanto tonti da aspettarvi melodie o chissà quale altro sostegno che vi guidi a tracciare la mappa di questo disco, ad imbattervi in un cortocircuito cerebrale ci mettereste un nanosecondo. Il consiglio è quindi molto semplice: o li prendete con le molle, o li prendete con le pinze. Dovete soltanto scegliere l'attrezzo a voi più adatto.

[Marco Giarratana]


Questa recensione é stata letta 2519 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Daughters - Hell SongsDaughters
Hell Songs

NEWS


04/04/2009 Nuove Uscite

tAXI dRIVER consiglia

Eva Kant - Stand Up And KissEva Kant
Stand Up And Kiss
 AA.VV.
PO Box 52
Permanent Fatal Error - Law SpeedPermanent Fatal Error
Law Speed
Il Teatro Degli Orrori - DellIl Teatro Degli Orrori
Dell'Impero Delle Tenebre
Dead Elephant - ThanatologyDead Elephant
Thanatology
61 Winter61 Winter's Hat
Wallace Mail Series 5
Oneida - Happy New YearOneida
Happy New Year
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Putiferio - Ate Ate AtePutiferio
Ate Ate Ate
AA.VV. - FragmentsAA.VV.
Fragments