´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Time To Repent - Devil (Soulseller)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Devil - Time To Repent
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione:
Genere: metal / doom / heavy



I Devil vengono dalla fredda Norvegia e potrebbero essere considerati la risposta europea degli americani Orchid. Chi non conosce il gruppo di San Francisco sappia che stiamo parlando di una delle migliori riproposizioni del Sabbath sound sentita negli ultimi tempi.

Ma se il gruppo californiano si prodiga nella rilettura dei primi Black Sabbath, i Devil seguono la strada di "Sabotage", ovvero la parte piu' metallica della leggendaria band di Birmingham.

Nonostante cio' sarebbe riduttivo considerare il disco d'esordio del quintetto scandinavo come una semplice copiatura ed, anzi, "Time To Repent" dimostra una certa ventata di freschezza sciorinando una serie di riff di chitarra che catturano l'attenzione rimanendo percio' ben impressi nella mente.

A partire dalla titletrack, con il suo incedere scattante strizza l'occhio ai gloriosi Blue Oyster Cult, oppure "Break The Curse" ha un qualcosa che rimanda ai Metallica dei tempi d'oro, "At The Blacksmith's" e' puro godimento sabbathiano dei mid seventies, mentre "Death Of A Sorcerer" infila elementi folk in un tessuto tipicamente doom.

Si dira', sempre la solita roba, ma se fatta in questo modo questa roba va assolutamente ascoltata ed apprezzata. Fino a prova contraria.

[Cristiano Roversi]

Canzoni significative: Time To Repent, Break The Curse, At The Blacksmith's, Death Of a Sorcerer.


Questa recensione Ú stata letta 2073 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Cough - Ritual AbuseCough
Ritual Abuse
Mammoth Weed Wizard Bastard - Yn Ol I AnnwnMammoth Weed Wizard Bastard
Yn Ol I Annwn
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
Blood Ceremony - The Eldritch DarkBlood Ceremony
The Eldritch Dark
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Jex Thoth - Jex ThothJex Thoth
Jex Thoth
The DevilThe Devil's Blood
The Thousandfold Epicentre