Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Musica Per Robot - Dilaila (Il Re Non Si Diverte)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Dilaila - Musica Per Robot
Voto:
Anno: 2005
Produzione:
Genere: pop / brit /
Scheda autore: Dilaila



Perchè mai dovrei comprare il cd di una band che suona UGUALE ai Radiohead di The Bends e di Ok Computer? E quando dico uguale intendo gli stessi accordi, gli stessi suoni, gli stessi assoli, gli stessi stacchi. Anche la voce non si distacca dalla lagnosa autoreferenzialità di Thom Yorke.

"Musica Per Robot" (e anche il titolo non è sintomo di originalità) sembra quindi uno di dei tanti dischi inglesi che sono usciti nel post-boom-radioheadiano. Una versione pizza e mandolino degli Starsailor. I Muse dei brani più raccolti senza gli arrangiamenti barocchi.

Purtroppo è un disco che non ha motivo di esistere per la sua totale dipendenza verso i modelli originali. Dilaila sono il perfetto esempio di come spesso i musicisti bravi e dotati non abbiano un'idea che sia una.

Formalmente, infatti, il disco è perfetto. Ma se penso che con i soldi del loro CD posso comprarmi sia The Bends che Ok Computer ho paura che questo disco rimarrà negli scaffali dei negozi a prendere polvere e finendo velocemente nel catalogo nice price.

E' anche vero che non sono i "critici" che fanno vendere un disco: azzeccando il singolo giusto, potranno anche permettersi di campare di musica.

[Dale P.]

Canzoni significative: Occhi Di Vetro.

Questa recensione é stata letta 2931 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


27/03/2006 Free Download

tAXI dRIVER consiglia

Smiths, The - The Queen Is DeadSmiths, The
The Queen Is Dead
LaLa's
La's
Blur - Best OfBlur
Best Of
Stereophonics - Live From DakotaStereophonics
Live From Dakota
Blur - Think TankBlur
Think Tank
Oasis - Definitely MaybeOasis
Definitely Maybe
Radiohead - Ok ComputerRadiohead
Ok Computer
Stands, The - Horse FabulousStands, The
Horse Fabulous