Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Radiohead - Ok Computer (Parlophone)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Radiohead - Ok Computer
Autore: Radiohead
Titolo: Ok Computer
Anno: 1997
Produzione:
Genere: pop / brit /

Voto:



Cosa dire di questo album che non sia stato detto? Considerato da più parti come il disco più significativo degli ultimi anni (ma onestamente quelli che lo hanno scritto sono stati depennati dalla lista dei critici: quanti dischi ascoltano mediamente?), allo stesso modo provoca sensazioni di disgusto e perplessità.

La verità? Questa volta non sta nel mezzo. Il disco, lo diciamo subito per evitare fraintendimenti, è un capolavoro. Ma certo, magari aiutati dal senno del poi, non è questa pietra miliare della musica moderna. E' semplicemente un parto intelligente di una band fino ad allora parecchio modesta orientata su un brit-rock di maniera.

La svolta di Tom Yorke e soci quale è? Quella di inserire nel consueto tappeto di melodie facili (ma mai banali) e di chitarre di ispirazione grunge un po' di barocchismo prog. E lo sentiamo subito. Il riff di Airbag sembra una versione semplificata dei King Crimson. O la costruzione di Paranoid Android è un palese tributo a "Bohemian Rapsody" dei Queen. L'aspetto da nerd sfigati ce li rende più simpatici rispetto agli Yes, magari li avvicina al mondo indie (forse in USA certamente non in Europa), ma niente ci toglie dal pensiero che i nostri stanno pensando al pop in ottica prog (che per molti snob vuol dire "spazzatura").

Ecco che un titolo come "Ok Computer" ci distrae facendoci pensare alla modernità. Niente di più sbagliato. La modernità verrà plagiata nel successivo "Kid A", qua dentro potremmo essere tranquillamente negli anni 70.

Apprezziamo però il grande lavoro dietro a questo disco, i suoni (invero non perfetti), i particolari ma soprattutto le canzoni: vere protagoniste del disco.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 5058 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Radiohead - AmnesiacRadiohead
Amnesiac
Radiohead - In RainbowsRadiohead
In Rainbows
Radiohead - Kid ARadiohead
Kid A
Radiohead - The King Of LimbsRadiohead
The King Of Limbs

NEWS


18/11/2011 Quattro Date In Italia
15/05/2006 Disco Solista di Tom Yorke
26/04/2005 Download Benefico

tAXI dRIVER consiglia

Stands, The - Horse FabulousStands, The
Horse Fabulous
LaLa's
La's
Oasis - Definitely MaybeOasis
Definitely Maybe
Blur - Best OfBlur
Best Of
Stereophonics - Live From DakotaStereophonics
Live From Dakota
Smiths, The - The Queen Is DeadSmiths, The
The Queen Is Dead
Radiohead - Ok ComputerRadiohead
Ok Computer
Blur - Think TankBlur
Think Tank