Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Downset - Universal (Hawino)

Ultime recensioni

Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage

Downset - Universal
Autore: Downset
Titolo: Universal
Anno: 2004
Produzione:
Genere: punk / hardcore / crossover

Voto:



Nel vecchio "Check Your People" i Downset richiavano alle armi i loro fan all'urlo di "Together". Pochi risposero, distratti da tanto rap-core e nu-metal che girava in quel periodo. Per la band altri anni di oblio e incazzature (la prova l'etichetta che produce l'album: la piccola Hawino). E' il turno del ritorno a testa bassa, stanchi di anni passati a predicare senza ricevere la meritata attenzione. I ragazzi evidentemente non hanno mai avuto molta fortuna.

Tra i primi a portare alle masse il cosidetto rap-core, (all'epoca il massimo del crossover) furono surclassati dalla bomba Rage Against The Machine. Poi venne il nu-metal e per dei ragazzi bruttini, poco carismatici e senza piercing fu la fine. Il disco per la Epitaph fu per una scossa potentissima. Chi ha avuto modo di sentirlo sta tremando ancora adesso!!

Purtroppo questo "Universal" non allo stesso incredibile livello. La differenza?? L'intenzione che muove la band. Con "Check Your People" i Downset cercarono di gridare al mondo tutto quello che non andava, sputandogli in faccia con una violenza inaudita. E vennero ignorati. Ora tornano, la rabbia si trasformata in insoddisfazione. La band meno brutale, la voce di Rey Oropeza sembra quasi stanca di lottare, tutto il disco permeato da questo mood. Le canzoni risultano anche parecchio pi orecchiabili del solito e meno urlate. "Universal" risulta quindi un album adatto solo ai fan a cui per preferiranno il vecchio "Check Your People".

[Dale P.]

Canzoni significative: Forever.

Questa recensione stata letta 3538 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Downset - Check Your PeopleDownset
Check Your People

tAXI dRIVER consiglia

 Costruzione 02
Demo 2003
Scowl - How Flowers Grown Scowl
How Flowers Grown
Dwarves - Blood Guts & PussyDwarves
Blood Guts & Pussy
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
 AA.VV.
Time To Move
Black Flag - My WarBlack Flag
My War
AA.VV. - Night Of The Speed DemonsAA.VV.
Night Of The Speed Demons
Minor Threat - Minor ThreatMinor Threat
Minor Threat
NoMeansNo - WrongNoMeansNo
Wrong
Soul Glo - Diaspora ProblemsSoul Glo
Diaspora Problems