Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Eight Bells - Legacy Of Ruins (Prophecy)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Eight Bells - Legacy Of Ruins
Autore: Eight Bells
Titolo: Legacy Of Ruins
Etichetta: Prophecy
Anno: 2022
Produzione: Billy Anderson
Genere: metal / post-metal / progressive

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Legacy Of Ruins





E' da metà anni 90 che la chitarrista Melynda Jackson sforna dischi su dischi prima con i SubArachnoid Space e ora con gli Eight Bells, band di cui è titolare. Non temete però di non aver mai sentito nè gli uni nè gli altri: la loro fama è decisamente di culto e non hanno mai raggiunto grandi platee, anzi.

Eight Bells sono la continuazione del progetto SubArachnoid Space (infatti l'ultimo disco portava proprio questo nome) e vede Melynda barcamenarsi in un songwriting molto complesso e per questo non privo di avversità. Alla lontana siamo dalle parti delle amiche Subrosa e Amber Asylum, quindi un doom metal progressivo con arrangiamenti ricchi di svarioni di vario genere. Melynda flirta con il progressive, il post metal e il black metal portando l'ascoltatore in lidi piuttosto stravaganti. La proposta però è decisamente contorta e priva di appigli per l'ascoltatore casuale che si ritrova con un mescolone non proprio fluido e non ascrivibile ad un filone preciso. Ciò non è certamente un difetto ma un avvertimento agli ascoltatori più "casuali" e con poco tempo a disposizione per affrontare un viaggio irto di ostacoli.

[Dale P.]

Canzoni significative: The Well, Premonition

Questa recensione é stata letta 403 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Pelican - Pelican EPPelican
Pelican EP
GGGOLDDD - This Shame Should Not Be MineGGGOLDDD
This Shame Should Not Be Mine
Callisto - True Nature UnfoldCallisto
True Nature Unfold
Vanessa Van Basten - La Stanza Di SwedenborgVanessa Van Basten
La Stanza Di Swedenborg
Isis - PanopticonIsis
Panopticon
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Burnt By The Sun - Heart Of DarknessBurnt By The Sun
Heart Of Darkness