Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Gold & Silver Sessions - Elder (Blues Funeral)

Ultime recensioni

Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History
Black Magick SS - Rainbow NightsBlack Magick SS
Rainbow Nights
Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog

Elder - The Gold & Silver Sessions
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Blues Funeral
Anno: 2019
Produzione: Emanuele Baratto
Genere: rock / stoner / psych



Gli Elder, da Boston ma da qualche anno a Berlino, sono una band che pur essendo classificata come "stoner" ha ormai trasceso i confini del genere, un po' come avviene con i compagni di etichetta Motorpsycho. Se l'omonimo e "Dead Root Stirring" avevano un sound "doom", con "Lore" hanno mostrato di muoversi con maestria in territori heavy psichedelici. Nell'ultimo "Reflections Of A Floating World" la band ha ormai un sound definito e personale ma non incasellabile: un po' prog, un po' psichedelico, un po' hard rock. Con "The Gold & Silver Sessions" spostano ancora una volta l'asticella: un disco per niente heavy e che potremmo definire "kraut rock". Evidentemente la nuova casa ha fatto bene a Nick Disalvo: chissà quante primizie deve aver scoperto nei negozi di dischi berlinesi. Can, Kraftwerk, Neu, Tangerine Dream, Amon Duul? Il disco (in realtà un EP di mezzora) sembra uscito da quella stagione sperimentale e psichedelica, in pratica è figlio del progetto "Gold And Silver" dove Nick e famiglia si sbizzarrivano tra psichedelia, prog e post rock e con cui pubblicò nel 2014 l'ottimo "Azurite & Malachite".

"Gold And Silver" è una parentesi, un gioco, un'esplorazione ma è dannatamente bello. Un disco da far suonare nel piatto a fine giornata, seduti su un divano e con una lampada multicolorata rotante. E non sono necessarie droghe per funzionare.

[Dale P.]

Canzoni significative: Illusory Motion, Im Morgengrauen, Weißensee.


Questa recensione é stata letta 201 volte!
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Elder - OmensElder
Omens

tAXI dRIVER consiglia

Om - Advaitic SongsOm
Advaitic Songs
Dead Meadow - Dead MeadowDead Meadow
Dead Meadow
Clutch - Strange Cousins From The WestClutch
Strange Cousins From The West
Zippo - MaktubZippo
Maktub
Earth - Primitive And DeadlyEarth
Primitive And Deadly
Desert Sessions - Vol 9 - 10Desert Sessions
Vol 9 - 10
Uncle Acid And The Deadbeats - Blood LustUncle Acid And The Deadbeats
Blood Lust
Masters Of Reality - FlikMasters Of Reality
Flik'n'Flight
Kyuss - Muchas Gracias - The BestKyuss
Muchas Gracias - The Best
Queens Of The Stone Age - Rated RQueens Of The Stone Age
Rated R