Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Elder - Omens (Stickman)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Elder - Omens
Autore: Elder
Titolo: Omens
Etichetta: Stickman
Anno: 2020
Produzione: Peter Deimel
Genere: rock / psych / progressive

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Una dozzina di anni fa si affacciò sulla scena stoner doom una band capace di mescolare sapientemente psichedelia e progressive con riff heavy: Elder, da Boston. Il primo omonimo e, soprattutto, il secondo "Dead Roots Stirring" entrarono in heavy rotation negli stereo degli appassionati e nelle classifiche di fine anno dei magazine specializzati. Dopo il terzo disco "Lore" alzarono l'asticella progressive e abbracciarono un sound che in più punti ricordava i Motorpsycho, testimoniato dal passaggio alla Stickman Records, etichetta tedesca nota proprio per ospitare i folli norvegesi.

"Omens" è l'ennesima svolta verso un terreno ancora più sperimentale. La novità più evidente sono le tastiere di Fabio Cuomo (Eremite, Mope) che donano un sapore vintage e spaziale che ben si sposa ai riff di Disalvo. Riff ormai dal sapore rock e ben poco hard & heavy, con una chitarra che spesso si lancia in divagazioni acide dal gusto post-rock.

Sebbene non si possa definire un capolavoro (pecca un po' di prolissità e le linee vocali non sempre sono a fuoco), "Omens" è un disco non facile e proprio per questo stimolante, ricco di idee e capace di massaggiare i neuroni al punto giusto. Se avrete pazienza saprà donare parecchie soddisfazioni.

[Dale P.]

Canzoni significative: Halcyon, Embers.


Questa recensione é stata letta 916 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Elder - & Kadavar - EldovarElder
& Kadavar - Eldovar
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Elder - The Gold & Silver SessionsElder
The Gold & Silver Sessions

NEWS


21/10/2022 A Novembre "Innate Passage"

tAXI dRIVER consiglia

Comets On Fire - AvatarComets On Fire
Avatar
Deafbrick - DeafbrickDeafbrick
Deafbrick
Altin Gun - GeceAltin Gun
Gece
Deafkids - & Rakta - Live At Sesc PompeiaDeafkids
& Rakta - Live At Sesc Pompeia
Morkobot - MorkobotMorkobot
Morkobot
Motorpsycho - PhanerothymeMotorpsycho
Phanerothyme
Rose Windows - The Sun DogsRose Windows
The Sun Dogs
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Motorpsycho - Kingdom Of OblivionMotorpsycho
Kingdom Of Oblivion
Love - Forever ChangesLove
Forever Changes