Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore [ metal ] grunge rock alternative

Black Masses - Electric Wizard (Rise Above)


Electric Wizard - Black Masses
metal / doom / psych

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Voto utenti (244):

Etichetta: Rise Above
Produzione: Liam Watson
Anno: 2010

Scheda autore: Electric Wizard


Compra Electric Wizard su Taxi Driver Store


Buon lavoro per alcuni, inascoltabile per altri, l'uscita di Black Masses ha nettamente diviso i suoi ascoltatori generando un gran numero di [inutili] discussioni su quanto quest'album possa essere un passo indietro o una svolta nella carriera degli Electric Wizard. Il cambiamento c'e' e non si puo' ovviamente pretendere che una band ripeta se stessa dall'inizio alla fine per attitudine e stile. Certo e' che mutare non dovrebbe voler dire produrre un disco che, in buona parte, non puo' dirsi buono. Le innovazioni sono sempre ben accette, ma per Black Masses si parla piu' di monotonia e poca originalita'.

Il suo arrivo era stato preceduto da anticipazioni in giro per il web che prospettavano qualcosa di meno scontato o, almeno, questo era cio' in cui speravamo. Purtroppo le uniche tracce che si distinguono dalle altre sono le prime due, Black Mass e Venus In Furs. Sono le sole che riescano ad attrarre e rimanere in testa. Il rallentamento a partire dai quattro minuti e rotti in poi di Black Mass e' potente e coinvolgente cosi' come il giro di Venus In Furs. Con una partenza del genere ci si aspetta una salita, un miglioramento o quanto meno una prosecuzione della buona qualita' iniziale. Cosi' non e'. Si nota fin da subito una registrazione, direi volutamente, molto confusionaria e meno pesante rispetto al passato: basso e batteria sono poco presenti, non sostengono i riff ne' le linee vocali che sfociano in ripetitivita' pezzo dopo pezzo. Gli Electric Wizard suonano Doom Metal, genere che, a differenza di quanto emerge da questo album, non significa banalita'; proprio come loro hanno sempre dimostrato.

Satyr IX esplora esplicitamente il mondo horror risollevando per un attimo il corso dell'album, ma e' seguita nuovamente da due tracce orecchiabili ma davvero poco interessanti. Crypt Of Drugula e' strumentale, funeraria e conclude con un battito di cuore questo lavoro piu' indirizzato verso sonorita' settantiane, psichedeliche e meno soffocanti.

Con Black Masses seguono la strada degli ultimi due album - We Live e Witchcult Today - lasciando da parte, per fortuna, l'episodio di The Processean, EP del 2008 quanto mai noioso. Questi sono gli Electric Wizard attuali. Rimangono una band cult per questo tipo di musica che spero possa dare di piu', molto di piu', in futuro.

[Margherita Garello]

Canzoni significative: Black Mass, Venus In Furs, Satyr IX

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione Ú stata letta 2975 volte!



NEWS


08/09/2014 Il Videoclip di SadioWitch
22/10/2011 Nuovo Materiale in Arrivo
03/12/2010 Tour Europeo e Tre Date In Italia
25/10/2010 Nuovi Brani Online
27/07/2009 Data Unica In Italia

tAXI dRIVER consiglia

Rose Kemp - Golden ShroudRose Kemp
Golden Shroud
Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Cough - Ritual AbuseCough
Ritual Abuse
Jex Thoth - Jex ThothJex Thoth
Jex Thoth