Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Figure 8 - Elliott Smith (Dreamworks)

Ultime recensioni

Kowloon Walled City - PieceworkKowloon Walled City
Piecework
Slowshine - Living LightSlowshine
Living Light
Unto Others - StrenghtUnto Others
Strenght
Space Afrika - Honest LabourSpace Afrika
Honest Labour
Dead Sara - It AinDead Sara
It Ain't Tragic
Big Brave - & The Body - Leaving None But Small BirdsBig Brave
& The Body - Leaving None But Small Birds
XX'ed Out
We All Do Wrong
Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On

Elliott Smith - Figure 8
Voto:
Anno: 2000
Produzione: Tom Rothrock
Genere: indie / pop / rock
Scheda autore: Elliott Smith



Abbandonata un'indie da molto tempo (la Kill Rock Stars di Olympia), Elliott Smith abbandona definitivamente anche il folk. Si lascia accompagnare da una vera rock band e confeziona uno dei suoi migliori dischi. L'inizio è folgorante. Son Of Sam è una di quelle canzoni che si fanno amare fin da subito mentre Somebody That I Used To Know ci riporta al repertorio più classico del grande cantautore. Chi ha amato i primi dischi di Elliott Smith (quelli più intimi: solo lui e la sua chitarra) non potrà che storcere il naso e pensare con rimpianto che quei tempi non torneranno più. Elliott Smith ha trovato infatti la sua dimensione ideale come ottimo cantautore di stampo rock con rare divagazioni folk. Lui rimarrà comunque un prodotto per pochi, con quel marchio di una major che stona come quando i Mudhoney incidevano per la Reprise o i Melvins per la Atlantic. La sua è infatti una realtà per piccoli numeri ma allo stesso tempo per i veri amanti della musica. Quella bella, quella suonata col cuore. E' sempre la stessa canzone, Elliott Smith non inventa nulla di nuovo, ma la fa così bene che è impossibile non fermarci ad ascoltarlo.

Uno dei dischi più belli e veri ascoltati quest'anno.

Elliott Smith non sbaglia mai un colpo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Son Of Sam, Somebody That I Used To Know.


Questa recensione é stata letta 4060 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Ardecore - ArdecoreArdecore
Ardecore
Angel Olsen - All MirrorsAngel Olsen
All Mirrors
Enon - High SocietyEnon
High Society
AA.VV. - Lo Zecchino DAA.VV.
Lo Zecchino D'Oro Dell'Underground
Pecksniff - The Book Of Stanley CreepPecksniff
The Book Of Stanley Creep
Maisie - Bacharach For President...Maisie
Bacharach For President...
Vincent Gallo - WhenVincent Gallo
When
Breakfast - BreakfastBreakfast
Breakfast
Moldy Peaches, The - The Moldy PeachesMoldy Peaches, The
The Moldy Peaches
Stephen Malkmus - Jenny And The Ess-dogStephen Malkmus
Jenny And The Ess-dog