Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

Figure 8 - Elliott Smith (Dreamworks)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Elliott Smith - Figure 8
Voto:
Anno: 2000
Produzione: Tom Rothrock
Genere: indie / pop / rock
Scheda autore: Elliott Smith



Abbandonata un'indie da molto tempo (la Kill Rock Stars di Olympia), Elliott Smith abbandona definitivamente anche il folk. Si lascia accompagnare da una vera rock band e confeziona uno dei suoi migliori dischi. L'inizio è folgorante. Son Of Sam è una di quelle canzoni che si fanno amare fin da subito mentre Somebody That I Used To Know ci riporta al repertorio più classico del grande cantautore. Chi ha amato i primi dischi di Elliott Smith (quelli più intimi: solo lui e la sua chitarra) non potrà che storcere il naso e pensare con rimpianto che quei tempi non torneranno più. Elliott Smith ha trovato infatti la sua dimensione ideale come ottimo cantautore di stampo rock con rare divagazioni folk. Lui rimarrà comunque un prodotto per pochi, con quel marchio di una major che stona come quando i Mudhoney incidevano per la Reprise o i Melvins per la Atlantic. La sua è infatti una realtà per piccoli numeri ma allo stesso tempo per i veri amanti della musica. Quella bella, quella suonata col cuore. E' sempre la stessa canzone, Elliott Smith non inventa nulla di nuovo, ma la fa così bene che è impossibile non fermarci ad ascoltarlo.

Uno dei dischi più belli e veri ascoltati quest'anno.

Elliott Smith non sbaglia mai un colpo.

[Dale P.]

Canzoni significative: Son Of Sam, Somebody That I Used To Know.


Questa recensione é stata letta 4005 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Tbh - Tutti Contro BobTbh
Tutti Contro Bob
Pecksniff - Elementary WatsonPecksniff
Elementary Watson
Devendra Banhart - Rejoicing In The HandsDevendra Banhart
Rejoicing In The Hands
Angel Olsen - All MirrorsAngel Olsen
All Mirrors
Odawas - The Aether EaterOdawas
The Aether Eater
Elliott Smith - Figure 8Elliott Smith
Figure 8
Jason Collett - Motor Motel Love SongsJason Collett
Motor Motel Love Songs
Perturbazione - Waiting To HappenPerturbazione
Waiting To Happen
Ardecore - ArdecoreArdecore
Ardecore
Beck - Sea ChangeBeck
Sea Change