Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Festa Mesta - Festa Mesta (DEMO)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

Festa Mesta - Festa Mesta
Titolo: Festa Mesta
Anno: 2005
Produzione:
Genere: rock / alternative /

Voto:



La band incarna alla perfezione la band pop-rock del passato e del futuro: ebbene sì, tra un ululato ed un assolo, tra uno stacco di basso ed una romantica chitarra, i “Festa Mesta” ci ricordano ciò che da tempo avevo rimosso, gli anni ’80 e le loro sonorità e ciò che non si riesce proprio a zittire, la radio dei giorni nostri.

Regolarmente romantica la band si propone con il demo “Toy”, di solo tre tracce, ma comunque rappresentative.

Sfortunatamente non sono riuscito ad apprezzare a pieno il lavoro del gruppo, per colpa di una registrazione sciagurata che fino alla fine, ha nascosto al mio orecchio, alternativamente: voce, prima chitarra e seconda chitarra, a seconda di chi avesse in quel momento il volume più basso.

Intuisco che la band sfrutta a pieno le sonorità rock del passato cercando, in qualche passaggio, una evoluzione ad ambientazioni pseudo-psichedeliche, piacevoli stacchi in un susseguirsi di strofe e ritornelli.

[ADam]

Questa recensione é stata letta 3443 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Oceansize - FramesOceansize
Frames
Yeah Yeah Yeahs - Fever To TellYeah Yeah Yeahs
Fever To Tell
Motorpsycho - BlissardMotorpsycho
Blissard
White Stripes - White Blood CellsWhite Stripes
White Blood Cells
Black Midi - CavalcadeBlack Midi
Cavalcade
Tre Allegri Ragazzi Morti - Le OriginiTre Allegri Ragazzi Morti
Le Origini
Meat Puppets - Golden LiesMeat Puppets
Golden Lies
Giorgio Canali - Giorgio Canali & RossofuocoGiorgio Canali
Giorgio Canali & Rossofuoco
Mudhoney - Since WeMudhoney
Since We've Become Translucent
Tomahawk - Mit GasTomahawk
Mit Gas