Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

VI - Fucking Champs, The (Drag City)

Ultime recensioni

Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies

Fucking Champs, The - VI
Voto:
Etichetta: Drag City
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / progressive / postrock



Addentrarsi in un lavoro dei Fucking Champs è come aprire un album di fotografie naif dei Judas Priest che gettano borchie e ridicola marzialità a favore di una genuina semplcitià rock e radicalità indipendente, ma al contempo lontano dall'indie snob ed asessuato. La loro discografia è costellata di piccoli cammei che, in un modo o nell'altro, fanno ribrezzo al machismo decaduto del metallaro medio e la gioia di quelli più avveduti e curiosi, nonché l'ovvio consenso di nerd e cultisti dell'eclettismo a là Motorpsycho. Questo sesto capitolo della saga non è da meno. Ci sono riff che sballonzolano da una parte e dall'altra (e non ve n'è UNO che non sia memorabile), le grandissime progessioni (prendete 'A Forgotten Chapter In The History Of Ideas': punk, rock, stoner e NWOBHM in sei minuti!) e gli intervalli "neoclassici" (gli apici non sono casuali: esemplare 'Champs Fanfare'). Insomma, ne converrete che cercare un solo riferimento per un disco dei Fucking Champs è praticamente impossibile: spuntano nomi e rimandi in ogni parte, in uno schizofrenico susseguirsi di istantanee. Riflettendoci, potrebbero venir annoverati tra le più radicali, creative e riuscite rappresentazione della frammentazione musicale dei nostri tempi. Alcuni lamentano l'assenza di vocals o la scarsa dinamica; addirittura ho sentito gente che li taccia di scrivere solo "canzoncine da videogame in chiave progressiva". Da queste parti ce ne infischiamo e un certo minestrone musicale la sosteniamo con buoni voti, a maggior ragione se non ha la pretesa di essere fico.

[Mirko Quaglio]


Questa recensione é stata letta 2750 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Alhambra - Luna NuovaAlhambra
Luna Nuova
King Crimson - In The Court Of Crimson KingKing Crimson
In The Court Of Crimson King
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI
Mars Volta - Tremulant EPMars Volta
Tremulant EP
Mars Volta - LiveMars Volta
Live
Area - Arbeit Macht FreiArea
Arbeit Macht Frei
Mars Volta - Frances The MuteMars Volta
Frances The Mute
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Grails - DoomsdayerGrails
Doomsdayer's Holiday