Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Opus Eponymous - Ghost (Rise Above)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Ghost - Opus Eponymous
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Rise Above
Anno: 2010
Produzione:
Genere: metal / hard rock / heavy
Scheda autore: Ghost


Compra Ghost su Taxi Driver Store


Parliamoci chiaro: Lee Dorian sbaglia di rado. Sia che si parli dei Cathedral sia che si parli della Rise Above, la sua etichetta. Casa di Orange Goblin, Electric Wizard, Witchcraft, Grand Magus, Church Of Misery, Blood Ceremony, senza scordare cose piu' sbilenche come Astra, Diagonal e Litmus.

I Ghost sono la sua nuova scoperta. Si presentano sul palco con aspetto satanico mixato da zombie, papa, Mercyful Fate, e suonano un hard rock figlio sia di King Diamond, sia della NWOBHM, sia dei Blue Oyster Cult con una forte dose di ritornelli power pop ed effettacci tastierosi che fanno film horror anni 70.

I Ghost sembrano una band da fumetto horror: i testi e l'immaginario, le musiche oscure ma orecchiabili, tutto sembra voler colpire il ragazzino che nel 1979 ignaro che mette il piatto nel vinile, infila le cuffie e imbraccia un libro di Lovecraft. Quei ragazzini sono cresciuti, i Ghost nel 79 non c'erano, ma chiunque abbia capito quello spirito non potra' che amare i Ghost.

Sia chiaro, non si parla di effettacci da Lordi: i Ghost sono gente con gusto.

Sicuramente e' una band di cui tanti non troveranno la ragione, ma se metterete il loro disco in loop vi accorgerete che non sbagliano nessuno dei brani dell'esordio. E soprattutto non riuscirete piu' a toglierlo dal lettore!

[Dale P.]

Canzoni significative: Con Clavi Con Dio, Ritual, Elizabeth, Stand By Him..

Questa recensione Ú stata letta 2744 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

14/04/2011TilburgRoadburn Festival 2011 Day 1

NEWS


18/12/2012 Nuovo Brano Online

tAXI dRIVER consiglia

Idle Hands - ManaIdle Hands
Mana
Black Label Society - 1919 EternalBlack Label Society
1919 Eternal
Black Sabbath - We Sold Our Soul For RockBlack Sabbath
We Sold Our Soul For Rock'n'Roll
Black Sabbath - Past LivesBlack Sabbath
Past Lives
Black Sabbath - ParanoidBlack Sabbath
Paranoid
Tony Iommi - The 1996 Dep SessionsTony Iommi
The 1996 Dep Sessions
Ghost - Opus EponymousGhost
Opus Eponymous