Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Grails - Doomsdayer's Holiday (Temporary Residence)

Ultime recensioni

Henrik Palm - Nerd IconHenrik Palm
Nerd Icon
Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis

Grails - Doomsdayer's Holiday
Autore: Grails
Titolo: Doomsdayer's Holiday
Etichetta: Temporary Residence
Anno: 2008
Produzione: Randall Dunn
Genere: rock / progressive / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:


MP3: Reincarnation Blues


Non so se conoscete i film di genere, quella branchia di cinema a cavallo fra il mainstream e l'underground nato sul finire degli anni 60 che ha generato piccoli capolavori arrivati a noi sotto forma di "culto". Questo disco dei Grails, forse complice il teaser pubblicato dalla band stessa, sembra a tutti gli effetti una colonna sonora di uno di questi film, sospesi tra violenza, thriller, sesso spicciolo e arte.

Abbandonate quasi del tutto le sonorità "folk classicheggianti" degli esordi i nostri confezionano un album impalpabile e proprio per questo affascinante, condito di aperture drammatiche, vaghi groove psichedelici, atmosfere sognanti, introspezioni jazz e noise industriale.

E' certamente il loro album più scuro, quasi cieco nel suo procedere senza dare appigli all'ascoltatore ma sviandolo con progressioni volutamente a vuoto, come fossero giustificabili solo tramite l'associazione con una pellicola. Pellicola che può essere il classico di Sergio Martino "Tutti i Colori Del Buio", in cui le divagazioni accompagnano uccisioni efferate, trip, visioni, flashback e inseguimenti al buio.

Un disco ovviamente non per tutti, per quanto magico, ma adatto a coloro che amano le particolari colonne sonore di quei film sospese tra profumi orientali e nera inquietudine.

"Doomsdayer's Holiday" sembra una gemma oscura degli anni 70 e così va trattata.

Onore ad una band sempre in crescita e con coraggio da vendere.

[Dale P.]

Canzoni significative: Reincarnation Blues, Predestination Blues, Acid Rain.

Questa recensione é stata letta 3315 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Grails - RedlightGrails
Redlight

NEWS


18/09/2012 Split Con Pharoah Overlord
27/01/2011 Il Nuovo Album a Marzo

tAXI dRIVER consiglia

Grails - DoomsdayerGrails
Doomsdayer's Holiday
Alhambra - Luna NuovaAlhambra
Luna Nuova
Area - Arbeit Macht FreiArea
Arbeit Macht Frei
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI
Skeleton Key - ObtainiumSkeleton Key
Obtainium
Guapo - Black OniGuapo
Black Oni
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
King Crimson - In The Court Of Crimson KingKing Crimson
In The Court Of Crimson King
Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Mars Volta - LiveMars Volta
Live