Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Doomsdayer's Holiday - Grails (Temporary Residence)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Grails - Doomsdayer's Holiday
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Temporary Residence
Anno: 2008
Produzione: Randall Dunn
Genere: rock / progressive / psych
Scheda autore: Grails

MP3: Reincarnation Blues


Non so se conoscete i film di genere, quella branchia di cinema a cavallo fra il mainstream e l'underground nato sul finire degli anni 60 che ha generato piccoli capolavori arrivati a noi sotto forma di "culto". Questo disco dei Grails, forse complice il teaser pubblicato dalla band stessa, sembra a tutti gli effetti una colonna sonora di uno di questi film, sospesi tra violenza, thriller, sesso spicciolo e arte.

Abbandonate quasi del tutto le sonorità "folk classicheggianti" degli esordi i nostri confezionano un album impalpabile e proprio per questo affascinante, condito di aperture drammatiche, vaghi groove psichedelici, atmosfere sognanti, introspezioni jazz e noise industriale.

E' certamente il loro album più scuro, quasi cieco nel suo procedere senza dare appigli all'ascoltatore ma sviandolo con progressioni volutamente a vuoto, come fossero giustificabili solo tramite l'associazione con una pellicola. Pellicola che può essere il classico di Sergio Martino "Tutti i Colori Del Buio", in cui le divagazioni accompagnano uccisioni efferate, trip, visioni, flashback e inseguimenti al buio.

Un disco ovviamente non per tutti, per quanto magico, ma adatto a coloro che amano le particolari colonne sonore di quei film sospese tra profumi orientali e nera inquietudine.

"Doomsdayer's Holiday" sembra una gemma oscura degli anni 70 e così va trattata.

Onore ad una band sempre in crescita e con coraggio da vendere.

[Dale P.]

Canzoni significative: Reincarnation Blues, Predestination Blues, Acid Rain.

Questa recensione é stata letta 3000 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Grails - Black Tar Prophecies VolGrails
Black Tar Prophecies Vol's 1,2, & 3
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Grails - RedlightGrails
Redlight

NEWS


18/09/2012 Split Con Pharoah Overlord
27/01/2011 Il Nuovo Album a Marzo

tAXI dRIVER consiglia

Mars Volta - Frances The MuteMars Volta
Frances The Mute
Alhambra - Luna NuovaAlhambra
Luna Nuova
Guapo - Black OniGuapo
Black Oni
Nippon And The Simbol - UniversonbangaorfeoNippon And The Simbol
Universonbangaorfeo
Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Skeleton Key - ObtainiumSkeleton Key
Obtainium
Anima Morte - The Nightmare Becomes RealityAnima Morte
The Nightmare Becomes Reality
Grails - DoomsdayerGrails
Doomsdayer's Holiday
Area - Arbeit Macht FreiArea
Arbeit Macht Frei
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI