Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore metal grunge [ rock ] alternative

There's No 666 in Outer Space - Hella (Ipecac)


Hella - There's No 666 in Outer Space
rock / progressive / indie

Voto:
Produzione:
Originalitą:
Tecnica:

Voto utenti (248):

Etichetta: Ipecac
Produzione:
Anno: 2007




Dopo il culto underground, i dischi acustici, quelli elettronici e quelli "divisi in casa" arriva il mostro prog.

Un mostro che potremo prendere come uno scherzo, una curiositą per i fan, una sperimentazione fuori dalle righe. Un vezzo del tipo "chissą come sarebbero i nostri pezzi se fossero suonato da una vera band". Se cosģ fosse non ci sarebbe problema: bolleremmo "There's No 666 in Outer Space" come un prodotto adatto ai curiosi, magari cercando di tirare fuori una discussione sul fatto che in fondo, sotto voce, seconda chitarra e basso, Zack Hill e Spencer Seim stiano continuando a fare le stesse cose di un tempo.

C'č un perņ, ovvero una grossa puzza di truffa che circonda il tutto. Il disco č la prima uscita del 2007 della Ipecac di Mike Patton, quindi una bella prioritą degli uffici stampa. In secondo piano l'album non č altro che una brutta imitazione dei Mars Volta. Se poi contiamo che gią i Mars Volta stanno iniziando a stufarci il quadro č completo. Ovvero che dopo "In The Absence Of Truth" questo č il secondo pacco che ci tira la Ipecac.

Consideriamo inoltre che attualmente i Mars Volta godono del credito di tutti, possiamo quasi giurare che questa sia una mossa di marketing bella e buona. Niente in contrario, sia chiaro, di qualcosa bisogna pur campare. Il problema č quando perdiamo una band per cattivo gusto nei riferimenti (come successe, guarda caso, agli Isis). Questo perchč la voce del nuovo arrivato Aaron Ross č un fastidioso incrocio fra Les Claypool e Cedric Bixler, incapace di chiudere la bocca e riprendere fiato almeno per un secondo.

La musica č essenzialmente un vorticoso math-prog-rock in cui i due Hella suonano essenzialmente come hanno sempre fatto per anni, aggiungendo qualche apertura per dare un vago senso di ritornello o bridge. In questo marasma sonoro di dubbio gusto non c'č un passaggio degno di nota, nč qualcosa che stimoli ulteriori ascolti, se non il chaos che alberga all'interno di queste strutture traballanti.

Un disco che si spiegherą col tempo: io voto per lo scherzo, purtroppo temo che sia un nuovo corso a tutti gli effetti.

[Maso]

Canzoni significative: The Ungratefully Dead.


Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 3379 volte!



NEWS


10/08/2011 Ascolta Yubacore
02/06/2011 Dettagli Sul Nuovo Disco
13/03/2009 Tornano un Duo

tAXI dRIVER consiglia

Porcupine Tree - Fear Of A Blank PlanetPorcupine Tree
Fear Of A Blank Planet
Grails - DoomsdayerGrails
Doomsdayer's Holiday
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
Atto IV - Stati AlteratiAtto IV
Stati Alterati
Mars Volta - Tremulant EPMars Volta
Tremulant EP