´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Helms Alee - Keep This Be The Way (Sargent House)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Helms Alee - Keep This Be The Way
Autore: Helms Alee
Titolo: Keep This Be The Way
Etichetta: Sargent House
Anno: 2022
Produzione: Helms Alee
Genere: rock / alternative / sludge

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Keep This Be The Way





Seguo gli Helms Alee fin dagli esordi sulla mitica Hydra Head Records, li amo, mi piace il loro stile e trovo che la batterista Annie Hozoji Matheson-Margullis sia la perfetta erede di Dale Crover. Devo anche essere sincero: secondo me non hanno mai fatto un disco capolavoro. Che Ŕ una delle cose che mi piace di loro, ovvero non ricercare nŔ il singolone nŔ una coerenza stilistica all'interno del disco, un po' come facevano i Melvins ai primi tempi.

"Keep This Be The Way" secondo me Ŕ il loro primo disco che potrebbe piacere anche ai non strani come me. C'Ŕ tanta varietÓ, forse anche pi¨ del solito, ma le canzoni sono tutte perfettamente a fuoco pur mantenendo quello stile sbilenco che li porta a scegliere sempre la soluzione meno scontata. Forse mi piace particolarmente perchŔ ha anche tante influenze grunge ("Tripping Up The Stairs" Ŕ paro paro "Scentless Apprentice" dei Nirvana) ma anche per le derive dark cantautoriali alla Marissa Nadler ("How Party Do You Hard?"). C'Ŕ anche il violoncello di Lori Goldston (Unplugged in New York dei Nirvana e Earth...tanto per), il sassofono di Joel Cuplin che per qualche motivo mi rimanda a Stag dei Melvins. E c'Ŕ pure la cover di Big Louise di Scott Walker. Insomma ce n'Ŕ abbastanza per saziare l'ascoltatore pi¨ esigente.

Finalmente un gran disco (non che i precedenti siano da buttare eh)!

[Dale P.]

Canzoni significative: See Sights, Smell Smells; Do Not Expose To The Burning Sun.


Questa recensione Ú stata letta 369 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Helms Alee - Night TerrorHelms Alee
Night Terror
Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca

NEWS


02/06/2011 A Giugno Il Nuovo Disco

tAXI dRIVER consiglia

Oceansize - FramesOceansize
Frames
Waax - Big GriefWaax
Big Grief
Margaritas Podridas - Margaritas PodridasMargaritas Podridas
Margaritas Podridas
Motorpsycho - TimothyMotorpsycho
Timothy's Monster
Helms Alee - NoctilucaHelms Alee
Noctiluca
Division Of Laura Lee - Black CityDivision Of Laura Lee
Black City
Strokes, The - Room On FireStrokes, The
Room On Fire
Afterhours - Siam Tre Piccoli PorcellinAfterhours
Siam Tre Piccoli Porcellin
Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood
Grinderman - GrindermanGrinderman
Grinderman