Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental pop elettronica

Chernobyl - Hildur Gušnadóttir (Deutsche Grammophon)

Ultime recensioni

Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today

Hildur Gušnadóttir - Chernobyl
Voto:
Produzione:
Originalitą:
Tecnica:

Anno: 2019
Produzione: Sam Slater
Genere: colonna sonora / sperimentale / classica
Scheda autore: Hildur Gušnadóttir



Non conoscere Hildur Gušnadóttir vuol dire essersi persi alcune delle cose migliori degli ultimi anni. Nata in Islanda nel 1982, violoncellista classica, ha collaborato con Ben Frost, Pan Sonic, Mum, The Knife. E' apparsa in "Life Metal" dei Sunn O))) riuscendo a svettare con il proprio tocco tra i giganti del drone metal. E' assolutamente di primo piano il suo lavoro come compositrice di colonne sonore: Sicario, The Revenant, Arrival, Mary Magdalene (con il compianto Jóhann Jóhannsson) fino all'attuale blockbuster Joker, sono alcuni dei titoli in cui č possibile ascoltare Hildur.

Chernobyl č una delle serie pił belle mai realizzate e se non l'avete ancora vista recuperate la visione al pił presto. La colonna sonora č parte integrante della visione, a metą tra il thriller, il drammatico e il documentario. Hildur si č posta la domanda "se fosse possibile ascoltarla, come suonerebbe la radioattivitą?", contando che l'impatto č sia invisibile che devastante la risposta non era semplice. Decise di affrontare la questione a modo suo, andando in Lituania in una centrale nucleare semi-dismessa e registrandone i suoni. Da qui č partita per creare la colonna sonora, priva di strumenti; l'unica eccezione č quella del coro, per far risaltare il lato umano della tragedia.

La colonna sonora di Chernobyl č quindi un prodotto di bellezza sopraffina, eleganza e ricerca, ma anche un piacere ascoltare a prescindere dalla visione della serie.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 193 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Mike Patton - Kaada - RomancesMike Patton
Kaada - Romances
Hildur Gušnadóttir - ChernobylHildur Gušnadóttir
Chernobyl