Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

The Design - Into The Moat (Metal Blade)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Into The Moat - The Design
Voto:
Etichetta: Metal Blade
Anno: 2005
Produzione:
Genere: metal / progressive / post-hardcore
Scheda autore: Into The Moat



Chi sono gli Into The Moat?? Hanno circa 23 anni a testa, un contratto importante con la Metal Blade e vengono dalla California. La cosa più importante è che suonano un mix fra due delle entità più estreme e "avanti" dell'universo metal moderno: Meshuggah e Dillinger Escape Plan.

Break jazzistici di scuola Cynic, batteria agitatissima stile Lethargy, riff potenti alla Meshuggah, scale velocissime alla DEP e voce in growl arrabbiatissima.

Abbiamo davanti la "new sensation" del post-metal-core?? Si e no. Il no deriva da alcuni dubbi in fase di songwriting. I brani sono un susseguirsi vorticoso di stacchi, riff, assoli senza un minimo di ripetizione o una vaga idea di ritornello, Come avveniva con i misconosciuti (proprio per questo motivo) Lethargy. Questo rende la band indigeribile per il 99% del pianeta Terra.

Ma chi apprezza la violenza sonora espressa sottoforma di delirio tecnico deve segnarsi la band e comprare questo splendido album. Per poi dire "Io li conoscevo già da anni!".

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 5423 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


04/05/2005 Guarda Il Video

tAXI dRIVER consiglia

Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Hull - Beyond The Lightless SkyHull
Beyond The Lightless Sky
Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Meshuggah - Contraddiction CollapseMeshuggah
Contraddiction Collapse
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Sadist - SadistSadist
Sadist
Test Switch Isolator - LetTest Switch Isolator
Let's Dance
Into The Moat - The DesignInto The Moat
The Design
Blood Incantation - Hidden History Of Human RaceBlood Incantation
Hidden History Of Human Race
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold