´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie [ experimental ] pop elettronica

Jerusalem In My Heart - Qalaq (Constellation)

Ultime recensioni

Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII
Rid Of Me - Access To The LonelyRid Of Me
Access To The Lonely
Green Lung - This Heathen LandGreen Lung
This Heathen Land
Ragana - DesolationRagana
Desolation's Flower
Reverend Kristin Michael Hayter - Saved!Reverend Kristin Michael Hayter
Saved!
Svalbard - The Weight Of The MaskSvalbard
The Weight Of The Mask
Wolves In The Throne Room - Crypt of Ancestral KnowledgeWolves In The Throne Room
Crypt of Ancestral Knowledge
Boris - & Uniform - Bright New DiseaseBoris
& Uniform - Bright New Disease
Paroxysm Unit - Fragmentation StratagemParoxysm Unit
Fragmentation Stratagem
Agriculture - AgricultureAgriculture
Agriculture

Jerusalem In My Heart - Qalaq
Titolo: Qalaq
Etichetta: Constellation
Anno: 2021
Produzione: Radwah Ghazi Moumneh
Genere: experimental / elettronica / folk

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Qalaq





Nel vedere il bicchiere mezzo pieno della pandemia che ha colpito tutto il mondo potremo ringraziarla per aver spinto i musicisti a prendere nuove strade. Mentre le band "normali" hanno perso per l'impossibilitÓ di vedersi, i solisti hanno realizzato dischi in solitudine o tramite insperate collaborazioni nate virtualmente.

Per esempio "Qalaq", nuovo album di Radwah Ghazi Moumneh aka Jerusalem In My Heart, Ŕ costruito proprio sfruttando la possibilitÓ di collaborare tramite scambi di file.

Ad aprire il disco il devastante drumming "free metal" di Greg Fox, giÓ nei Liturgy, Ben Frost, Zs, Ex Eye, Colin Stetson. GiÓ "Abyad Barraq" basterebbe per mettere questo disco fra le cose pi¨ belle dell'anno. Il resto del programma non Ŕ da meno e vede la presenza di pesi massimi come Beirut (nell'evocativa "Istashraqtaq"), Lucrecia Dalt (nella soffusa "Tanto"), Moor Mother, Tim Hecker e musicisti da tutto il mondo che arricchiscono un prodotto che ha il suono di una rinascita dalle ceneri di una guerra. Una rinascita decisamente polemica dato che le tematiche sono tutte ispirate al controverso governo del Libano.

"Qalaq" Ŕ un disco che poteva nascere cosý solo nel 2021.

[Dale P.]

Canzoni significative: Abyad Barraq, Ana Lisan Wahad.

Questa recensione Ú stata letta 379 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq
Alto Arc - Alto Arc EPAlto Arc
Alto Arc EP
Pan Daijing - JadePan Daijing
Jade