Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie [ experimental ] pop elettronica

Jerusalem In My Heart - Qalaq (Constellation)

Ultime recensioni

Stew - TasteStew
Taste
Fu Manchu - A Look Back Dogtown & Z-BoysFu Manchu
A Look Back Dogtown & Z-Boys
AA.VV. - Ô - A Tribute To Ô PaonAA.VV.
Ô - A Tribute To Ô Paon
Endless Boogie - AdmonitionsEndless Boogie
Admonitions
Cerce - Cowboy MusicCerce
Cowboy Music
Sugar Horse - The Live Long AfterSugar Horse
The Live Long After
Bad Waitress - No TasteBad Waitress
No Taste
Midwife - LuminolMidwife
Luminol
Nolan Potter - Music Is DeadNolan Potter
Music Is Dead
Illuminati Hotties - Let Me Do One More TimeIlluminati Hotties
Let Me Do One More Time
A.A. Williams - Arco EPA.A. Williams
Arco EP
Failure - Wild Type DroidFailure
Wild Type Droid
King Buffalo - AcheronKing Buffalo
Acheron
Papangu - HolocenoPapangu
Holoceno
Moin - Moot!Moin
Moot!
Kulk - We Spare NothingKulk
We Spare Nothing
Kaatayra - InpariquipêKaatayra
Inpariquipê
Indigo Raven - Looking for TranscendenceIndigo Raven
Looking for Transcendence
Elder - & Kadavar - EldovarElder
& Kadavar - Eldovar
Pan Daijing - JadePan Daijing
Jade

Jerusalem In My Heart - Qalaq
Titolo: Qalaq
Etichetta: Constellation
Anno: 2021
Produzione: Radwah Ghazi Moumneh
Genere: experimental / elettronica / folk

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Ascolta Qalaq





Nel vedere il bicchiere mezzo pieno della pandemia che ha colpito tutto il mondo potremo ringraziarla per aver spinto i musicisti a prendere nuove strade. Mentre le band "normali" hanno perso per l'impossibilità di vedersi, i solisti hanno realizzato dischi in solitudine o tramite insperate collaborazioni nate virtualmente.

Per esempio "Qalaq", nuovo album di Radwah Ghazi Moumneh aka Jerusalem In My Heart, è costruito proprio sfruttando la possibilità di collaborare tramite scambi di file.

Ad aprire il disco il devastante drumming "free metal" di Greg Fox, già nei Liturgy, Ben Frost, Zs, Ex Eye, Colin Stetson. Già "Abyad Barraq" basterebbe per mettere questo disco fra le cose più belle dell'anno. Il resto del programma non è da meno e vede la presenza di pesi massimi come Beirut (nell'evocativa "Istashraqtaq"), Lucrecia Dalt (nella soffusa "Tanto"), Moor Mother, Tim Hecker e musicisti da tutto il mondo che arricchiscono un prodotto che ha il suono di una rinascita dalle ceneri di una guerra. Una rinascita decisamente polemica dato che le tematiche sono tutte ispirate al controverso governo del Libano.

"Qalaq" è un disco che poteva nascere così solo nel 2021.

[Dale P.]

Canzoni significative: Abyad Barraq, Ana Lisan Wahad.

Questa recensione é stata letta 143 volte!
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Pan Daijing - JadePan Daijing
Jade
Jerusalem In My Heart - QalaqJerusalem In My Heart
Qalaq