Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental pop elettronica

There To Here - Joe Lally (Dischord)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Joe Lally - There To Here
Voto:
Etichetta: Dischord
Anno: 2006
Produzione:
Genere: indie / rock / pop



Quando ti chiami Joe Lally non puoi che vivere all'interno di un'ombra molto più grande di te. Un'ombra che si chiama Fugazi, ma anche Ian MacKaye e Guy Picciotto. Se tra le persone comuni questa situazione porterebbe risentimento e voglia di rivalsa, al quieto Joe, al contrario, manca. Come una coperta di Linus.

Perchè tra un Ian sempre più a suo agio negli Evens, tanto da aver quasi dimenticato i Fugazi, un Guy Picciotto sempre più nei panni di producer, del basso di Joe importa veramente a pochi. Peccato che abbia contribuito anche lui a rendere leggenda il nome Fugazi grazie ai suoi fantasiosi giri (basterebbe solo "Waiting Room" per consegnarlo alla storia).

A Joe mancano i Fugazi e questo "There To Here" non fa niente per nasconderlo. Basso in primo piano che continua a girare nel solito modo riempito da una voce timida, che sembra quasi fare il coro ad una melodia cantata da qualcun'altro che non c'è.

Viene malinconia ad ascoltare questo disco. Soprattutto rapportato al lavoro degli Evens, urgente e urticante. Qua dentro c'è solo il pianto e il ricordo di qualcuno che non c'è più. Ci immaginiamo Joe che accende l'ampli, imbraccia lo strumento e inizia a suonare quelle canzoni, chiudendo gli occhi. Immaginando che il tempo si sia fermato si ritrova con i compagni della band portando nuove idee. Registra, prende appunti. Poi, purtroppo, riapre gli occhi. Ed è solo.

In "Sons And Daughters" si ritrova a cantare come potrebbe farlo Ian. Come un ritornello da far ascoltare ai compagni.

Questo disco è un diario. E come i diari è portatore di malinconia. Se cercate musica siete nel posto sbagliato. Se cercate qualcosa di più allora "There To Here" non vi tradirà.

Joe ha perso e per questo ci viene voglia di abbracciarlo e volergli bene...

[Dale P.]

Canzoni significative: The Resigned, Billiards.


Questa recensione é stata letta 2724 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Idbox.it Compilation Vol.1AA.VV.
Idbox.it Compilation Vol.1
Onq - Canzoni Tutte UgualiOnq
Canzoni Tutte Uguali
Blonde Redhead - Misery Is A ButterflyBlonde Redhead
Misery Is A Butterfly
Joe Leaman - Truly Got FishinJoe Leaman
Truly Got Fishin'
Sleater Kinney - All Hands On The Bad OneSleater Kinney
All Hands On The Bad One
 Sux!
Lucido
Sleater Kinney - Dig Me OutSleater Kinney
Dig Me Out
Broken Social Scene - You Forgot It In PeopleBroken Social Scene
You Forgot It In People
Jennifer Gentle - ValendeJennifer Gentle
Valende
Pixies - Complete B SidesPixies
Complete B Sides