Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Empire - Kasabian (BMG)

Ultime recensioni

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio

Kasabian - Empire
Voto:
Anno: 2006
Produzione:
Genere: pop / brit / rock



L'impero visto dai Kasabian non offre grandi particolarità, soprattutto all'inizio, essendo scontato quanto quello raccontato da Marco Polo all'imperatore dei Tartari Kablan.(Italo Calvino,Città Invisibili).

Questa introduzione dal sapore critico, non vuol togliere le indiscusse capacità del gruppo a "rimediare" singoli di sicura presa; anche qui presenti almeno un paio come l'ep "Empire" , strutturato in due parti diverse abilmente amalgamate. Nessuna svolta di rilievo ripetto alla prima produzione, dalla quale a tratti risulta probabilmente più ripetitiva.

Di Pro "Empire" offre, dal canto suo, il lavoro vocale di Tom Meighan, salito decisamente di spessore, e i cori sempre ben confezionati. Menzioni particolare meritano "Stuntman", a metà strada tra i Primal Scream di "Screamdelica" e i "Chemical Brothers" di "Surrender" per intenderci, che risulta penetrante quanto basta. Così come la Beatlesiana "British Legion" che spogliata della vena elettronica della band dona piacevoli soddisfazioni all'apparato uditivo.

"Suvvia" ,alla fine, se non la conquista di un impero la pagnotta di certo se la son guadagnata anche ascoltando la conclusiva "The Doberman", che parte da un arpeggio leggero fino a crescere quasi a livello di colossal d'opera .

[Steliam]

Canzoni significative: Stuntman, British Legion, The Doberman.


Questa recensione é stata letta 3585 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Blur - Think TankBlur
Think Tank
LaLa's
La's
Blur - Best OfBlur
Best Of
Radiohead - Ok ComputerRadiohead
Ok Computer
Smiths, The - The Queen Is DeadSmiths, The
The Queen Is Dead
Stands, The - Horse FabulousStands, The
Horse Fabulous
Stereophonics - Live From DakotaStereophonics
Live From Dakota
Oasis - Definitely MaybeOasis
Definitely Maybe