Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Triumphant Return To Obscurity - Keelhaul (Hydra Head)

Ultime recensioni

Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene
Coilguns - WatchwindersCoilguns
Watchwinders
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
The Austerity Program - Bible Songs 1The Austerity Program
Bible Songs 1

Keelhaul - Triumphant Return To Obscurity
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Hydra Head
Anno: 2010
Produzione: Andrew Schneider
Genere: metal / sludge / mathrock
Scheda autore: Keelhaul



I Keelhaul appartengono a quella sfigatissima cerchia di band ignorate praticamente da tutti e neppure definibili di culto. Tre dischi uno più bello dell'altro che avranno venduto si e no 1000 copie nel mondo. Con ancora meno download dai vari Rapidshare, Megaupload ecc. Recentemente ristampati in vinile con donnine nude per attirare qualche dubbioso. Niente.

Si riformano dopo qualche anno di silenzio: un paio di evviva e ci mettiamo ad aspettare l'album. Che ovviamente è una mazzata nei denti: riff vorticosi tra l'hardcore nevrotico e tecnico e il post metal più arruffato. Ogni tanto spunta una voce a vomitare chissà cosa o qualche momento vagamente più meditativo. In realtà siamo sempre con la consueta formula Keelhaul che se non fosse in mano a quattro panzoni, un po' pelati, con la barba sfatta, uno addirittura di colore, e un altro con occhialini assolutamente fuori moda, sarebbero negli i-pod "giusti".

Ma dato che noi non siamo degli hipster e siamo un po' panzoni, con gli occhiali, con la barba e negri nell'animo godiamo nell'ascoltare questa sequenza apparentemente insensata di riff killer, storti, dissonanti, suonati chirurgicamente. Ma soprattutto divertenti nel loro ricercare il mal di testa a tutti i costi.

Cerchiamo di non farli indurre allo scioglimento. Supportateli e ascoltateli. Perchè questo è il quarto discone di fila che fanno senza che nessuno se ne accorga e magari per i prossimi risparmiano e se li tengono per le pareti della loro saletta...

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 2595 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice

Live Reports

12/05/2011MilanoMagnolia

NEWS


24/05/2009 Musica In Anteprima

tAXI dRIVER consiglia

Unearthly Trance - The TridentUnearthly Trance
The Trident
Kylesa - Static TensionKylesa
Static Tension
Black Cobra - ChronomegaBlack Cobra
Chronomega
Mistress - The Glory Bitches Of DogheadMistress
The Glory Bitches Of Doghead
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point
Floor - DoveFloor
Dove
Torche - AdmissionTorche
Admission
Keelhaul - Triumphant Return To ObscurityKeelhaul
Triumphant Return To Obscurity
Akimbo - Navigating The BronzeAkimbo
Navigating The Bronze
Iron Monkey - Iron Monkey Our Problem BoxIron Monkey
Iron Monkey Our Problem Box