Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Keelhaul - Triumphant Return To Obscurity (Hydra Head)

Ultime recensioni

Ken Mode - NullKen Mode
Null
Gloria de Oliveira -  & Dean Hurley - Oceans Of TimeGloria de Oliveira
& Dean Hurley - Oceans Of Time
Vorlust - Lick The FleshVorlust
Lick The Flesh
Afghan Whigs - How Do You Burn?Afghan Whigs
How Do You Burn?
Zola Jesus - ArkhonZola Jesus
Arkhon
King Buffalo - RegeneratorKing Buffalo
Regenerator
Goatriders - TravelerGoatriders
Traveler
Clutch - Sunrise On Slaughter BeachClutch
Sunrise On Slaughter Beach
Might - AbyssMight
Abyss
Gammelsæter & Marhaug - Higgs BosonGammelsæter & Marhaug
Higgs Boson
Mat Ball - Amplified GuitarMat Ball
Amplified Guitar
Dreadnought - The EndlessDreadnought
The Endless
Blacklab - In A Bizarre DreamBlacklab
In A Bizarre Dream
Conan - Evidence Of ImmortalityConan
Evidence Of Immortality
Motorpsycho - Ancient AstronautsMotorpsycho
Ancient Astronauts
Boris - Heavy Rocks 2022Boris
Heavy Rocks 2022
Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country

Keelhaul - Triumphant Return To Obscurity
Autore: Keelhaul
Titolo: Triumphant Return To Obscurity
Etichetta: Hydra Head
Anno: 2010
Produzione: Andrew Schneider
Genere: metal / sludge / mathrock

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




I Keelhaul appartengono a quella sfigatissima cerchia di band ignorate praticamente da tutti e neppure definibili di culto. Tre dischi uno più bello dell'altro che avranno venduto si e no 1000 copie nel mondo. Con ancora meno download dai vari Rapidshare, Megaupload ecc. Recentemente ristampati in vinile con donnine nude per attirare qualche dubbioso. Niente.

Si riformano dopo qualche anno di silenzio: un paio di evviva e ci mettiamo ad aspettare l'album. Che ovviamente è una mazzata nei denti: riff vorticosi tra l'hardcore nevrotico e tecnico e il post metal più arruffato. Ogni tanto spunta una voce a vomitare chissà cosa o qualche momento vagamente più meditativo. In realtà siamo sempre con la consueta formula Keelhaul che se non fosse in mano a quattro panzoni, un po' pelati, con la barba sfatta, uno addirittura di colore, e un altro con occhialini assolutamente fuori moda, sarebbero negli i-pod "giusti".

Ma dato che noi non siamo degli hipster e siamo un po' panzoni, con gli occhiali, con la barba e negri nell'animo godiamo nell'ascoltare questa sequenza apparentemente insensata di riff killer, storti, dissonanti, suonati chirurgicamente. Ma soprattutto divertenti nel loro ricercare il mal di testa a tutti i costi.

Cerchiamo di non farli indurre allo scioglimento. Supportateli e ascoltateli. Perchè questo è il quarto discone di fila che fanno senza che nessuno se ne accorga e magari per i prossimi risparmiano e se li tengono per le pareti della loro saletta...

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.


Questa recensione é stata letta 2879 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice

Live Reports

12/05/2011MilanoMagnolia

NEWS


24/05/2009 Musica In Anteprima

tAXI dRIVER consiglia

Down - III - Over The UnderDown
III - Over The Under
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Mizmor - & Thou - MyopiaMizmor
& Thou - Myopia
Might - AbyssMight
Abyss
Pyrithe - Monuments to ImpermanencePyrithe
Monuments to Impermanence
Kulk - We Spare NothingKulk
We Spare Nothing
Baroness - Blue RecordBaroness
Blue Record
Rainbow Grave - No YouRainbow Grave
No You
Mares Of Thrace - The ExileMares Of Thrace
The Exile
Kylesa - Static TensionKylesa
Static Tension