Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

The Second Wave - Khoma (Roadrunner)

Ultime recensioni

Sons - Family DinnerSons
Family Dinner
Shock Narcotic - I Have Seen The Future And It DoesnShock Narcotic
I Have Seen The Future And It Doesn't Work
Eye Flys - ContextEye Flys
Context
Show Me The Body - Dog WhistleShow Me The Body
Dog Whistle
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies

Khoma - The Second Wave
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Roadrunner
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / alternative /

MP3: Stop Making Speeches


E' facile voler bene ai Khoma. Vengono da Umea, cittÓ svedese che ha dato i natali a Meshuggah e Refused. Tra le loro fila suona il chitarrista di un altra band locale: Cult Of Luna. Leggasi "culto", e non solo per un semplice gioco di parole. Ovvero quei fenomeni che colpiscono l'attenzione di poche e attente persone, pronte a coccolare tutto ci˛ che possa distinguerli dalla massa.

ChissÓ se, invece dei Khoma, questo disco l'avesse qualsiasi altra band che tipo di responso avrebbe avuto? A dire il vero, poco ci importa, data l'alta qualitÓ oggettiva di questo album. Ovvio, il termine "capolavoro" pi¨ volte abusato per descriverlo suona esagerato ma con "ottimo" non sbaglieremmo.

Innanzitutto sia chiaro che la band non suona nŔ come i Cult Of Luna (e ci mancherebbe, senn˛ che side-project sarebbe?), nŔ come gli altri concittadini. Bisogna prendere altri paragoni: Radiohead, Mogwai e, chissÓ se ve li ricordate, Filter.

Ovvero musica enfatica, potente, sognante e con una forte matrice ritmica ipnotica. La voce e l'atmosfera in generale non riesce a togliermi dalla testa i primi due album degli ex protetti di Trent Reznor: i Filter. Vengono in mente anche i Muse per l'enfasi vocale e per il trasporto emotivo sempre presente.

Materiale orientato alla forma canzone, dolente e disperato e con strutture piuttosto semplici (strofa, ritornello distorto con accordi aperti, assolo, finale in crescendo). Che questo sia il pop della generazione postcore?

[Dale P.]

Canzoni significative: Hyenas, Last Call, The Guillotine.


Questa recensione Ú stata letta 3157 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Lingua - All My Rivals Are Imaginary GhostLingua
All My Rivals Are Imaginary Ghost
Corin Tucker Band - 1000 YearsCorin Tucker Band
1000 Years
Melissa Auf Der Maur - Auf Der MaurMelissa Auf Der Maur
Auf Der Maur
Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood
Queens Of The Stone Age - Songs For The DeafQueens Of The Stone Age
Songs For The Deaf
Meat Puppets - Golden LiesMeat Puppets
Golden Lies
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Libertines, The - The LibertinesLibertines, The
The Libertines
Estra - A Conficcarsi in Carne DEstra
A Conficcarsi in Carne D'Amore
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely