´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Songs Of Gods And Demons - Lustmord (Vaultworks)

Ultime recensioni

Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennan÷h - Longing for BelongingZola Mennan÷h
Longing for Belonging

Lustmord - Songs Of Gods And Demons
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: B. Lustmord
Genere: metal / drone / industrial



Lustmord e' uno che toglie il sonno la notte. I suoi tour de force psichici trascinano in rituali occulti dove i demoni sono ben piu' che presenze subliminali. E' l'alter ego musicale di Lynch, succhia l'anima agli incubi, la processa e la rigurgita sotto forma di mantra malvagi. Flussi di suono avvolgenti scorrono in brani senza alcuna struttura in cui le variazioni sono minime e neanche presenti in tutti gli episodi.

L'omogeneita' del discorso sonoro condotto da Lustmord in questi anni e' evidenziato in questa raccolta di materiale composto tra il 1994 e il 2007 per colonne sonore e videogiochi. In mezzo c'e' "The Blasted Pain", di cui i fan dei Tool serberanno di certo memoria visto che compare nel DVD di "Vicarious". Difficile dire quale delle cinque tracce qui incluse sia la piu' evocativa, la piu' terrificante. Forse "Corvus Mysterium", concepita come soundtrack di un film nel '94 e rielaborata nel '97 per il sequel: echi di urla che appaiono e svaniscono all'improvviso come fantasmi, gorgoglii satanici e profondi sospiri provenienti dall'abisso, qui la poetica di Lustmord raggiunge picchi di estrema ferocia psicologica.

Spessi bordoni serpeggiano sotto una nebbia densa intrecciata col filo spinato direttamente nelle fucine dell'inferno. La tensione emotiva e' condotta allo spasimo, laggiu' si agita qualcosa che dimena i tentacoli e digrigna i denti.

"Vault" pare uscita dagli spartiti di Angelo Badalamenti, ecco che torna in qualche maniera il parallelo con Lynch. Il clima muta in "Haze", dove dalle fessure penetra un lucore che delinea un giro melodico preciso, ma sono pochi istanti prima che le tenebre tornino a oscurare l'intera scena risucchiando ogni molecola di ossigeno. Annegando nel nero ogni possibilita' di salvezza.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Corvus Mysterium; Haze.

Questa recensione Ú stata letta 1672 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Lustmord - OtherLustmord
Other

NEWS


14/07/2006 Con King Buzzo

tAXI dRIVER consiglia

Khlyst - Chaos Is My NameKhlyst
Chaos Is My Name
Boris - FloodBoris
Flood
Earth - Earth 2Earth
Earth 2
Master Musicians Of Bukkake - Totem TwoMaster Musicians Of Bukkake
Totem Two
Sunn O))) - Black OneSunn O)))
Black One
Lustmord - Songs Of Gods And DemonsLustmord
Songs Of Gods And Demons
Sunn O))) - White 2Sunn O)))
White 2
Lustmord - OtherLustmord
Other
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull