Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Songs Of Gods And Demons - Lustmord (Vaultworks)

Ultime recensioni

Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
The Night Watch - An Embarrassment of RichesThe Night Watch
An Embarrassment of Riches
Low Dose - Low DoseLow Dose
Low Dose
Salvation - Year Of The FlySalvation
Year Of The Fly
Lungbutter - HoneyLungbutter
Honey
Matana Roberts - Coin Coin Chapter Four MemphisMatana Roberts
Coin Coin Chapter Four Memphis
Cloud Rat - PollinatorCloud Rat
Pollinator
Cryptae - VestigialCryptae
Vestigial
Hissing Tiles - BoychoirHissing Tiles
Boychoir
Vanishing Twin - The Age Of ImmunologyVanishing Twin
The Age Of Immunology
Buildings - Negative SoundBuildings
Negative Sound
Alpha Hopper - Aloha HopperAlpha Hopper
Aloha Hopper
Rustin Man - Drift CodeRustin Man
Drift Code
Poppy - I DisagreePoppy
I Disagree
Body Hound - No MoonBody Hound
No Moon
Girl Band - The TalkiesGirl Band
The Talkies
Baby Shakes - Cause A SceneBaby Shakes
Cause A Scene
Coilguns - WatchwindersCoilguns
Watchwinders
King Gizzard & The Lizard Wizard - Infest The RatsKing Gizzard & The Lizard Wizard
Infest The Rats' Nest
The Austerity Program - Bible Songs 1The Austerity Program
Bible Songs 1

Lustmord - Songs Of Gods And Demons
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: B. Lustmord
Genere: metal / drone / industrial



Lustmord e' uno che toglie il sonno la notte. I suoi tour de force psichici trascinano in rituali occulti dove i demoni sono ben piu' che presenze subliminali. E' l'alter ego musicale di Lynch, succhia l'anima agli incubi, la processa e la rigurgita sotto forma di mantra malvagi. Flussi di suono avvolgenti scorrono in brani senza alcuna struttura in cui le variazioni sono minime e neanche presenti in tutti gli episodi.

L'omogeneita' del discorso sonoro condotto da Lustmord in questi anni e' evidenziato in questa raccolta di materiale composto tra il 1994 e il 2007 per colonne sonore e videogiochi. In mezzo c'e' "The Blasted Pain", di cui i fan dei Tool serberanno di certo memoria visto che compare nel DVD di "Vicarious". Difficile dire quale delle cinque tracce qui incluse sia la piu' evocativa, la piu' terrificante. Forse "Corvus Mysterium", concepita come soundtrack di un film nel '94 e rielaborata nel '97 per il sequel: echi di urla che appaiono e svaniscono all'improvviso come fantasmi, gorgoglii satanici e profondi sospiri provenienti dall'abisso, qui la poetica di Lustmord raggiunge picchi di estrema ferocia psicologica.

Spessi bordoni serpeggiano sotto una nebbia densa intrecciata col filo spinato direttamente nelle fucine dell'inferno. La tensione emotiva e' condotta allo spasimo, laggiu' si agita qualcosa che dimena i tentacoli e digrigna i denti.

"Vault" pare uscita dagli spartiti di Angelo Badalamenti, ecco che torna in qualche maniera il parallelo con Lynch. Il clima muta in "Haze", dove dalle fessure penetra un lucore che delinea un giro melodico preciso, ma sono pochi istanti prima che le tenebre tornino a oscurare l'intera scena risucchiando ogni molecola di ossigeno. Annegando nel nero ogni possibilita' di salvezza.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Corvus Mysterium; Haze.

Questa recensione Ú stata letta 1572 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Lustmord - OtherLustmord
Other

NEWS


14/07/2006 Con King Buzzo

tAXI dRIVER consiglia

Earth - Earth 2Earth
Earth 2
Mamiffer - Mare DecendriiMamiffer
Mare Decendrii
Boris - FloodBoris
Flood
Sunn O))) - Flight Of The BehemotSunn O)))
Flight Of The Behemot
Alexander Tucker - DorwytchAlexander Tucker
Dorwytch
Harvestman - Lashing The RyeHarvestman
Lashing The Rye
Khlyst - Chaos Is My NameKhlyst
Chaos Is My Name
Harvestman - TrinityHarvestman
Trinity
Earth - The Bees Made Honey in the LionEarth
The Bees Made Honey in the Lion's Skull
ASVA - What You DonASVA
What You Don't Know Is Frontier