Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Mark Lanegan - Somebody's Knocking (Heavenly)

Ultime recensioni

Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage

Mark Lanegan - Somebody's Knocking
Autore: Mark Lanegan
Titolo: Somebody's Knocking
Anno: 2019
Produzione: Alain Johannes
Genere: pop / synth / alternative

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:



Compra Mark Lanegan su Taxi Driver Store


"Mark Lanegan può cantare anche la lista della spesa" è uno dei tormentoni dei fan dell'ex Screaming Trees. E non si può dire che non sia vero: la lista della spesa non l'ha ancora musicata ma nella sua trentennale carriera è passato attraverso parecchi generi con ottimi risultati. La psichedelia degli esordi con gli Screaming Trees, il folk-blues dei suoi primi lavori solista, il rock alternativo con i lavori nel periodo Queens Of The Stone Age, senza dimenticare l'elettronica che di tanto in tanto si affaccia timidamente.

In "Somebody's Knocking" non si affaccia timidamente, anzi. Fin da subito abbiamo a che fare con gli ingombranti synth a cura di Alain Johannes, che produce e scrive buona parte del disco. Alain Johannes è collaboratore di Mark dai tempi di Bubblegum, ha seguito i Queens Of The Stone Age e ha supportato Chris Cornell con i suoi Eleven, nonchè ha fatto parte dei What is This band proto Red Hot Chili Peppers. Nei lontani anni 80 però la sua band principale erano i Walk The Moon progetto dark wave con Natasha Shneider a cui ci ricolleghiamo stilisticamente in questo nuovo lavoro.

"Somebody's Knocking" è un disco synthpop con il vocione di Lanegan ben in evidenza. Quindi non si spaventino i fan del tenebroso: l'ingrediente principale è salvo. C'è da dire che però una produzione estremamente più orientata ai synth l'avrei gradita: già che si fanno le cose facciamole per bene. Non dico di chiamare Giorgio Moroder (anche se quasi quasi) ma già che i richiami a Cure e Depeche Mode sono evidenti tanto vale prenderli come riferimento.

Un disco che personalmente non mi ha conquistato e che si guadagna la sufficienza perchè "si, Lanegan può cantare anche la lista della spesa".

[Dale P.]

Canzoni significative: Penthouse High, Dark Disco Jag.


Questa recensione é stata letta 466 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Mark Lanegan - And Isobel Campbell - Ballad Of The Broken SeasMark Lanegan
And Isobel Campbell - Ballad Of The Broken Seas
Mark Lanegan - BubblegumMark Lanegan
Bubblegum
Mark Lanegan - Field SongsMark Lanegan
Field Songs
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill

Live Reports

03/12/2003MilanoRainbow
04/09/2004BolognaIndipendent Days Festival
29/11/2012RomaOrion

NEWS


22/02/2022 Morto
22/09/2014 Annunciato il Tour Europeo
27/08/2014 Ascolta Una Nuova Canzone
09/11/2011 Nuovo Album A Febbraio
06/04/2005 Abbandona il Tour dei QOTSA

tAXI dRIVER consiglia