Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Mark Lanegan - Field Songs (Sub Pop)

Ultime recensioni

Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast
Fu Manchu - The Return Of TomorrowFu Manchu
The Return Of Tomorrow
Insect Ark - Raw Blood SingingInsect Ark
Raw Blood Singing
Big Special - Postindustrial Hometown BluesBig Special
Postindustrial Hometown Blues

Mark Lanegan - Field Songs
Autore: Mark Lanegan
Titolo: Field Songs
Etichetta: Sub Pop
Anno: 2001
Produzione:
Genere: rock / folk / pop

Voto:



Sembra che l'ex Screaming Trees abbia trovato un ottimo modo per vivere di rendita. Vedendo che i suoi dischi solista vendevano di pi ed erano maggiormente apprezzati dalla critica rispetto a quelli del suo ex gruppo, ha deciso di dare una svolta professionale alla sua carriera. Ovvero rendere il suo lavoro non un progetto estemporaneo ma una cosa fissa. Il che vuol dire: disco, tour, promozione, disco. Questo legittimo ma ha fatto perdere il fascino a tutta l'operazione. I primi due dischi (fatti quando gli alberi urlanti erano ancora in vita) sono delle pietre miliari che non dovrebbero mancare in nessuna casa. I successivi invece suonano di maniera. Le classiche ballatone tristi, il vocione di Lanegan e qualche ospite. Non rifugge da questa trappola neanche questo disco che, comunque, superiore al 90% delle produzioni odierne. Ma qualcosina in pi era lecito aspettarcelo. A questo punto speriamo che, dopo il suo ingresso nei Queens Of The Stone Age, di poter riascoltare il nostro in piena forma. Un mezzo passo falso.

[Dale P.]

Canzoni significative: One Way Street, Blues For D.

Questa recensione stata letta 3953 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Mark Lanegan - And Isobel Campbell - Ballad Of The Broken SeasMark Lanegan
And Isobel Campbell - Ballad Of The Broken Seas
Mark Lanegan - BubblegumMark Lanegan
Bubblegum
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Mark Lanegan - SomebodyMark Lanegan
Somebody's Knocking

Live Reports

03/12/2003MilanoRainbow
04/09/2004BolognaIndipendent Days Festival
29/11/2012RomaOrion

NEWS


22/02/2022 Morto
22/09/2014 Annunciato il Tour Europeo
27/08/2014 Ascolta Una Nuova Canzone
09/11/2011 Nuovo Album A Febbraio
06/04/2005 Abbandona il Tour dei QOTSA

tAXI dRIVER consiglia

Steve Earle - Transcendental BluesSteve Earle
Transcendental Blues
Southern Isolation - Southern IsolationSouthern Isolation
Southern Isolation
Mark Lanegan - Here Comes That Weird ChillMark Lanegan
Here Comes That Weird Chill
Emma Ruth Rundle - Some Heavy OceansEmma Ruth Rundle
Some Heavy Oceans
Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Ed Harcourt - Here Be MonstersEd Harcourt
Here Be Monsters
Giant Sand - Cover MagazineGiant Sand
Cover Magazine
Lankum - False LankumLankum
False Lankum
Dorthia Cottrell - Death Folk CountryDorthia Cottrell
Death Folk Country