Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Mars Volta - Amputechture (Universal)

Ultime recensioni

Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...
Primitive Man - InsurmountablePrimitive Man
Insurmountable
Come To Grief - When The World DiesCome To Grief
When The World Dies
Sirom - The Liquified Throne of SimplicitySirom
The Liquified Throne of Simplicity
Deathbell - A Nocturnal CrossingDeathbell
A Nocturnal Crossing
Wucan - Heretic TonguesWucan
Heretic Tongues
Voivod - Synchro AnarchyVoivod
Synchro Anarchy
Blut Aus Nord - Disharmonium - Undreamable AbyssesBlut Aus Nord
Disharmonium - Undreamable Abysses
Emma Ruth Rundle - EG2 Dowsing VoiceEmma Ruth Rundle
EG2 Dowsing Voice
Wyatt E. - Al Beluti DaruWyatt E.
Al Beluti Daru
Wo Fat - The SingularityWo Fat
The Singularity

Mars Volta - Amputechture
Autore: Mars Volta
Titolo: Amputechture
Etichetta: Universal
Anno: 2006
Produzione:
Genere: rock / progressive / alternative

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Anche quando si tratta di pubblicare album, la band degli ex At The Drive-In assume la forma di una colata lavica. Pur essendo solo al terzo album, dagli esordi non c'è stato ancora un lasso di tempo in cui non abbiano pubblicato qualcosa. Che sia un singolo, un EP o un live poco importa: sempre di musica inedita si tratta.

Ecco perchè guardavo a quest'ennesimo lavoro con scetticismo. Una normale band non avrebbe il tempo di concentrarsi per scrivere grandi canzoni in così poco tempo. E invece? E invece così è.

Ricordo un'intervista a Omar Rodriguez-Lopez in cui si lamentava dell'operato di Rubin nel primo album, fatto di copia e incolla, tagli a jam infinite, improvvisazioni trasformate in qualcosa di sensato. "Deloused In The Comatorium" è, proprio per questo, un album riuscito dall'inizio alla fine, in cui neppure le lungaggini "prog" rovinano l'ascolto.

La sensibilità del musicista, però, viene prima di tutto. Ecco che "Frances The Mute" non si avvalse più della super produzione e spuntarono brani di venti minuti molto meno interessanti pur contenendo gemme di grande valore.

Con questo "Amputechture" capiamo che i Mars Volta di "Deloused" sono morti definitivamente. O forse non sono mai esistiti, chiusi in un compromesso produttivo a cui non hanno saputo dire di no (per fortuna).

Ecco perchè non troveremo mai più i Mars Volta ipervitaminizzati sognati da Rubin, in quel perfetto mix di prog e psichedelia moderna di brani come "Roulette Dares" e "Cicatriz Esp". I veri Mars Volta sono degli sbrodoloni tossici che suonano anche note sbagliate e di dubbio gusto e che si divertono a citare King Crimson, Yes, Santana, Emerson Lake & Palmer, Pink Floyd senza provare ad attualizzarli. Anzi.

Quindi non più di "prog e psichedelia moderna" si tratta: ma musica di quarant'anni fa ampollosa, antiquata e verbosa. Eppure senza tempo.

Rodriguez-Lopez e Bixler-Zavala hanno trovato la loro dimensione in questo contesto che divide il pubblico dalla fine degli anni 70 in chi giudica il prog noioso e fine a se stesso e chi lo adora. Non sarà "Amputechture" a far cambiare loro idea: brani lunghi, assoli interminabili, divagazioni rumorose d'ambiente ricchi di riverberi e delay, qualche spunto di sax (che valgono il disco), ballate latine e stacchi vorticosi.

Se "Frances" vi deluse questo "Amputechture" non sarà per voi meglio. Gli adoratori di questi suoni, invece, ci andranno a nozze. Resta il punto che avere un minimo di controllo in regia gioverebbe ad una band che spesso si fa prendere la mano.

[Dale P.]

Canzoni significative: Day of the Baphomets, Meccamputechture.


Questa recensione é stata letta 5082 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Mars Volta - De-Loused In The ComatoriumMars Volta
De-Loused In The Comatorium
Mars Volta - Frances The MuteMars Volta
Frances The Mute
Mars Volta - LiveMars Volta
Live
Mars Volta - ScabdatesMars Volta
Scabdates
Mars Volta - TelevatorsMars Volta
Televators
Mars Volta - The Widow EPMars Volta
The Widow EP
Mars Volta - Tremulant EPMars Volta
Tremulant EP

Live Reports

06/03/2005MilanoRolling Stone

NEWS


21/06/2022 Riuniti
14/02/2012 Ascolta The Malkin Jewel
29/05/2009 Preview di "Octahedron"
14/04/2009 Octahedron A Giugno
16/08/2006 Concerto Annullato Per Urina
19/09/2005 DVD Live In Arrivo
11/12/2004 Novità su Frances The Mute
12/11/2004 Il singolo e l'Album

tAXI dRIVER consiglia

Alhambra - Luna NuovaAlhambra
Luna Nuova
Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Area - Arbeit Macht FreiArea
Arbeit Macht Frei
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
Grails - DoomsdayerGrails
Doomsdayer's Holiday
Anima Morte - The Nightmare Becomes RealityAnima Morte
The Nightmare Becomes Reality
Mars Volta - Tremulant EPMars Volta
Tremulant EP
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI
Atto IV - Stati AlteratiAtto IV
Stati Alterati
Nippon And The Simbol - UniversonbangaorfeoNippon And The Simbol
Universonbangaorfeo