Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

March Of The Lonely - Martin Grech (Genepool)

Ultime recensioni

Steve Von Till - No Wilderness Deep EnoughSteve Von Till
No Wilderness Deep Enough
Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio

Martin Grech - March Of The Lonely
Voto:
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / alternative / pop



La bellezza della forma ed il fascino dell'essenza che, rinvigorite in nuove vesti, si parano al nostro cospetto: “March Of The Lonely” segna per Martin Grech una sorta di bivio stilistico.

Liberatosi dai legami con la new-wave e soffiate via certe polveri nineinchnailsiane che aleggiavano nei primi capitoli della sua carriera (soprattutto in “Unholy”, che rimane a tutt'oggi superlativo), il compositore anglo-maltese si avvicina adesso all'intimismo tipico del folk, senza però sposarne in toto le coordinate di genere.

È il modo attraverso cui Grech si pone quel che più conta, solitario, intriso di una malinconia pervasiva ma non tracimante in disperazione, novello Jeff Buckley errante nella penombra della mente. Le orchestrazioni smagrite ma nel contempo aggraziate caricano ulteriormente l'atmosfera di rigogliosa ricerca interiore, di profondo travaglio spirituale. Ed il peso di vivere si sbriciola col corpo stesso mentre l'anima, lentamente, traspare dai pori ed ascende verso un'abbacinante luce pulviscolare che sfuma i contorni tutt'intorno (la title-track).

La poetica di Grech trova nella solitaria osmosi tra la calda espressività della sua voce e la nudità della chitarra acustica (principalmente arpeggiata) il mezzo prediletto per manifestarsi, privato d'ogni sentore di albagia o autocompiacimento.

I primi tre passaggi in scaletta sono un climax che raggiunge con “Heritage” il picco massimo, una stilettata emotiva da gospel monodico con uno squarcio in slide che accentua certe reminiscenze da blues primigenio. Lievi tappeti di keyboards aumentano la profondità e fungono da substrato al continuo intreccio di cori vocali che, alla resa dei conti, sono strumento fondamentale per gli arrangiamenti di “March Of The Lonely”. Che, se da un lato può apparire un tantino monocorde (potrebbe essere il suo limite cardinale), dall'altro fa della sua tinta unica un grande punto di forza.

Disco di caratura superiore alla media e non si può non dire che qui si è al cospetto di un talento sopraffino.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Treasures, Kingdom, Heritage, The Washing Hands

Questa recensione é stata letta 4576 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

White Stripes - Get Behind Me SatanWhite Stripes
Get Behind Me Satan
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Afterhours - Quello Che Non CAfterhours
Quello Che Non C'è
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Mondo Generator - A Drug Problem That Never ExistedMondo Generator
A Drug Problem That Never Existed
Black Midi - SchlagenheimBlack Midi
Schlagenheim
Oceansize - FramesOceansize
Frames
Tomahawk - TomahawkTomahawk
Tomahawk
Strokes, The - Room On FireStrokes, The
Room On Fire
Mudhoney - Since WeMudhoney
Since We've Become Translucent