Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Feeding The Abscess - Martyr (Galy)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Martyr - Feeding The Abscess
Voto:
Etichetta: Galy
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / progressive / death
Scheda autore: Martyr

MP3: Feast Of Vermin
Havoc


Da qualche parte si vocifera di un ritorno delle (de)strutture pesanti e cerebrali. Le premesse ci sono tutte: un bel po' di titoli per rispolverare la memoria di come può essere composita e cervellotica certa musica (Behold The Arctopus, Dysrhythmia, Psyopus, Atheretic) e, soprattutto, il fatto che questo rinnovato vigore non venga da vecchietti nostalgici, ma da sangue relativamente fresco e bramoso di novità. Daniel Mongrain non è più così giovane, ma è uno che per il suddetto stato di cose ha contribuito non poco a gettarne le basi, con un paio di bordate death metal estremamente cerebrale a nome di Martyr. Al terzo episodio, dopo le grandiose aperture armoniche di 'Warp Zone' (chi ha detto Death e 'Symbolic'?), la band canadese sfoggia una lezione di stile come nel metal non se ne sentivano da tempo: un disco arrogante e letale di poliritmie, tempi composti e armonie d'avanguardia: praticamente, il disco che Bela Bartòk avrebbe scritto se fosse nato un secolo più tardi e avesse trascorso l'infanzia a Voivod, Atheist e Mekong Delta. Rispetto al passato permangono l'osticità e certe soluzioni melodiche ('Felony'), spesso portate alle estreme conseguenze (l'ossesso di 'Silent Science') o, peggio, trasmutate in qualcosa di unico e mai sentito altrove ('Dead Horizon Part II: Romancing Ghouls' – sublime): tanto nella musica quanto nelle parole, tutto è radicalmente a fuoco, preciso e spietato, come visitatori giunti da un mondo popolato da insetti meccanici e insensibili terminali autocoscienti. Potrebbe essere il vero disco necessario degli ultimi mesi.

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative:tutte.


Questa recensione é stata letta 4158 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Meshuggah - None EPMeshuggah
None EP
Meshuggah - Rare TraxMeshuggah
Rare Trax
Blood Incantation - Hidden History Of Human RaceBlood Incantation
Hidden History Of Human Race
Behold...The Arctopus - Nano-Nucleonic Cyborg SummoningBehold...The Arctopus
Nano-Nucleonic Cyborg Summoning
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within
Meshuggah - IMeshuggah
I
Ephel Duath - The Painters PaletteEphel Duath
The Painters Palette
Yakuza - Of Seismic ConsequenceYakuza
Of Seismic Consequence
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Dreadnought - EmergenceDreadnought
Emergence