´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Feeding The Abscess - Martyr (Galy)

Ultime recensioni

Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennan÷h - Longing for BelongingZola Mennan÷h
Longing for Belonging

Martyr - Feeding The Abscess
Voto:
Etichetta: Galy
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / progressive / death
Scheda autore: Martyr

MP3: Feast Of Vermin
Havoc


Da qualche parte si vocifera di un ritorno delle (de)strutture pesanti e cerebrali. Le premesse ci sono tutte: un bel po' di titoli per rispolverare la memoria di come pu˛ essere composita e cervellotica certa musica (Behold The Arctopus, Dysrhythmia, Psyopus, Atheretic) e, soprattutto, il fatto che questo rinnovato vigore non venga da vecchietti nostalgici, ma da sangue relativamente fresco e bramoso di novitÓ. Daniel Mongrain non Ŕ pi¨ cosý giovane, ma Ŕ uno che per il suddetto stato di cose ha contribuito non poco a gettarne le basi, con un paio di bordate death metal estremamente cerebrale a nome di Martyr. Al terzo episodio, dopo le grandiose aperture armoniche di 'Warp Zone' (chi ha detto Death e 'Symbolic'?), la band canadese sfoggia una lezione di stile come nel metal non se ne sentivano da tempo: un disco arrogante e letale di poliritmie, tempi composti e armonie d'avanguardia: praticamente, il disco che Bela Bart˛k avrebbe scritto se fosse nato un secolo pi¨ tardi e avesse trascorso l'infanzia a Voivod, Atheist e Mekong Delta. Rispetto al passato permangono l'osticitÓ e certe soluzioni melodiche ('Felony'), spesso portate alle estreme conseguenze (l'ossesso di 'Silent Science') o, peggio, trasmutate in qualcosa di unico e mai sentito altrove ('Dead Horizon Part II: Romancing Ghouls' ľ sublime): tanto nella musica quanto nelle parole, tutto Ŕ radicalmente a fuoco, preciso e spietato, come visitatori giunti da un mondo popolato da insetti meccanici e insensibili terminali autocoscienti. Potrebbe essere il vero disco necessario degli ultimi mesi.

[Mirko Quaglio]

Canzoni significative:tutte.


Questa recensione Ú stata letta 4224 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dysrhythmia - PretestDysrhythmia
Pretest
Coprofago - Unorthodox Creative CriteriaCoprofago
Unorthodox Creative Criteria
Dreadnought - EmergenceDreadnought
Emergence
Meshuggah - IMeshuggah
I
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Dysrhythmia - Barriers And PassagesDysrhythmia
Barriers And Passages
Death - Individual Thought PatternsDeath
Individual Thought Patterns
Intronaut - VoidIntronaut
Void
Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Sadist - SadistSadist
Sadist