Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  stoner post-metal post-hardcore [ metal ] grunge rock alternative

Rare Trax - Meshuggah (Nuclear Blast)


Meshuggah - Rare Trax
metal / tech / death

Voto:
Voto utenti (257):

Etichetta: Nuclear Blast
Produzione:
Anno: 2001

Scheda autore: Meshuggah



Che i Meshuggah fossero degli psicopatici e dei mostri di bravura e originalità era già noto.Ma chi poteva aspettarsi che una band dai presupposti così estremi e violenti potesse essere pure dotata di uno spiccatissimo senso dell' ironia??? Anche se (solo) i più attenti l'avranno già intuito dal titolo, questa è una raccolta di rarità e contenuti video inediti quanto demenziali.L'intento è dichiarato nel booklet: "non si tratta di un nuovo album dei Meshuggah, ma di un di più per sentire e vedere lati inediti dei M." Ma attenzione: non aspettatevi troppo, perchè nemmeno la band lo fa! Una nota riporta che l'uscita ha scarsa importanza, paragonabile a un "shitty B-movie". "Ma per Noi è ok, alla fine il nord della Svezia ha il tasso di suicidio 30 volte superiore a qualsiasi altro paese al mondo!" Accettati tali presupposti, si passano al setaccio brani estratti dal primissimo album del 1989, "Psykisk Testbild", che fu stampato i 1000 vinili. Altre sono demo - versions di brani datati dal 1990 al 1999, poi inseriti in "Contraddictions Collapse", o pronti per "Chaosphere". Materiale che reputerei irrinunciabile per un vero Meshuggener! Ma la perla del disco sono i contenuti video! Si parte col videoclip di "New millennium cyanide Christ" che è tutto un programma. E' come vedere una leonessa mentre protegge i suoi piccoli mettersi a pancia all'aria appena vi avvicinate inbracciando una sega elettrica accesa: è impossibile! Vedere i più temibili thrashers fare air-guitar, air-drums, muovere freneticamente il corpo, e sbraitare con una penna biro in mano non è cosa da tutti i giorni. Soprattutto se il soggetto mantiene credibilità mentre lo fa. Segue un piano sequenza del live di "Elastic", contenuto in "Chaosphere", e dell'altro materiale "random" per scoprire come sono i Meshuggah dietro le quinte. Anzi, dietro alle poliritmie! L'autoironia è una dote di chi i giudizi non li teme, ma li anticipa spiazzando tutti. Perchè qui non c'è il timore di sembrare ciò che non si è. Nessuna paura di essere fraintesi. Solo il lusso (meritatissimo) di essere sinceri, ma senza prendersi troppo sul serio. Ecco la loro essenza.

[Shizu]

Canzoni significative:

audio:"Ayahuasca experience"

video: tutte

Vota Questo Disco:
Condividi


Questa recensione é stata letta 3628 volte!


Altre Recensioni

Meshuggah - Catch 33Meshuggah
Catch 33
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
Meshuggah - Contraddiction CollapseMeshuggah
Contraddiction Collapse
Meshuggah - IMeshuggah
I
Meshuggah - None EPMeshuggah
None EP
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen

Live Reports

29/05/2005MilanoTransilvania Milano
14/07/2007MarconFrozen Rock Festival
10/07/2011TorinoColonia Sonora

NEWS


29/08/2014 Tour Europer per il Venticinquennale
17/02/2012 Seconda Anticipazione
11/02/2012 Nuovo Brano In Streaming
04/01/2012 Nuovo Album A Marzo
15/07/2007 e Dillinger Escape Plan - Unica Data In Italia
30/07/2006 Cover di Nothing Remix
16/07/2006 Ristampa di Nothing
02/04/2006 In Studio
05/04/2005 Tutte le date del Tour Europeo
16/03/2005 Catch 33 Tracklist
03/02/2005 Disco Posticipato
13/01/2005 Quasi Pronto Catch 33

tAXI dRIVER consiglia

Coprofago - Unorthodox Creative CriteriaCoprofago
Unorthodox Creative Criteria
Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Meshuggah - Catch 33Meshuggah
Catch 33
Meshuggah - ChaosphereMeshuggah
Chaosphere
Death - Individual Thought PatternsDeath
Individual Thought Patterns