Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

A Song To Ruin - Million Dead (About Rock)

Ultime recensioni

Damon Locks Black Monument Ensemble - NowDamon Locks Black Monument Ensemble
Now
Angel Bat Dawid - Hush Harbor Mixtape Vol. 1 DoxologyAngel Bat Dawid
Hush Harbor Mixtape Vol. 1 Doxology
Andrew W.K. - God Is PartyingAndrew W.K.
God Is Partying
Hildur Guðnadóttir - Battlefield 2042 SoundtrackHildur Guðnadóttir
Battlefield 2042 Soundtrack
Chubby And The Gang - The MuttChubby And The Gang
The Mutt's Nuts
Amyl And The Sniffers - Comfort To MeAmyl And The Sniffers
Comfort To Me
Low - Hey WhatLow
Hey What
Hooded Menace - The Tritonus BellHooded Menace
The Tritonus Bell
Tropical Fuck Storm - Deep StatesTropical Fuck Storm
Deep States
Halsey - If I Can’t Have Love, I Want PowerHalsey
If I Can’t Have Love, I Want Power
Comet Control - Inside The SunComet Control
Inside The Sun
Dana Dentata - PantychristDana Dentata
Pantychrist
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On
Jadsa - Olho de VidroJadsa
Olho de Vidro
Wolves In The Throne Room - Primordial ArcanaWolves In The Throne Room
Primordial Arcana
Part Chimp - DroolPart Chimp
Drool
Quicksand - Distant PopulationsQuicksand
Distant Populations
Old Nick - A New Generation Of Vampiric ConspiraciesOld Nick
A New Generation Of Vampiric Conspiracies
King Woman - Celestial BluesKing Woman
Celestial Blues
Lingua Ignota - Sinner Get ReadyLingua Ignota
Sinner Get Ready

Million Dead - A Song To Ruin
Voto:
Etichetta: About Rock
Anno: 2004
Produzione:
Genere: punk / post-hardcore / emo
Scheda autore: Million Dead



A Song To Ruin è l'esordio dei Million Dead, presentato in Italia dalla sempre più importante About Rock. La band è formata da due inglesi e due australiani e prendono nome da un brano dei Refused.

I Refused rimangono il punto di partenza della band ma in termini sonori il miglior paragone è con gli At The Drive-In. Immaginate quindi di mescolare post-core dei primi con l'emo-hardcore dei secondi e avrete, più o meno, questo "A Song To Ruin".

Dobbiamo ammettere però che la band non è ancora al livello dei mostri sacri ma, se non si perderà per strada, potrà tranquillamente arrivarci. Il songwriting è d'impatto e vario e mostra già uno stile definito e riconoscibile. Nei 45 minuti troverete esplosioni, implosioni e parecchio rumore condito da urla di vario genere.

Consiglio l'ascolto a tutti gli emo-post-cores che da quando è uscito "Relationship Of Command" non hanno più trovato pane per i loro denti!

[Dale P.]

Canzoni significative: A Song To Ruin, The Rise And Fall.

Questa recensione é stata letta 3430 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Dillinger Escape Plan - Ire WorksDillinger Escape Plan
Ire Works
Blood Brothers - CrimesBlood Brothers
Crimes
SeeYouSpaceCowboy - The Correlation Between Entrance And Exit WoundsSeeYouSpaceCowboy
The Correlation Between Entrance And Exit Wounds
Will Haven - Will HavenWill Haven
Will Haven
Gerda - Cosa Dico Quando Non ParloGerda
Cosa Dico Quando Non Parlo
Barrato - Barrato
'mmerecano Siupesciò
Fluxus - FluxusFluxus
Fluxus
Cave In - Until Your Heart StopsCave In
Until Your Heart Stops
At The Drive-In - Relationship Of CommandAt The Drive-In
Relationship Of Command
Laghetto - Sonate In Bu Minore Per 400 Scimmiette UrlantiLaghetto
Sonate In Bu Minore Per 400 Scimmiette Urlanti