Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental elettronica

The Glory Bitches Of Doghead - Mistress (Feto Records)


Mistress - The Glory Bitches Of Doghead
Voto:
Anno: 2007
Produzione:
Genere: metal / sludge / grind



Se ne parlava già sul nostro forum qualche tempo fa ed avevamo quindi annusato l'alto potenziale di questo nuovo capitolo griffato Mistress. Band che non si concede pause nel suo percorso evolutivo e che, dopo essere stata inspiegabilmente appiedata dalla Earache, ha trovato asilo artistico presso Feto Records, la quale non si è certo lasciata scappare il boccone. Che, per gli amanti del metal più moderno ed evoluto (ma anche per i "conservatori"), è davvero succulento visto il modo in cui i cinque pericolosissimi musicisti provenienti dalla leggendaria Birmingham approntano le congiunzioni a diversi stili ultra-estremi.

Il retroterra sludge fa sempre più largo a belluine incursioni brutal death e grind-core, e i Nostri appaiono spavaldi nell'applicare a dovere i dogmi degli immarcescibili Napalm Death ad uno schema di svolgimento che non prevede copioni prestabiliti. C'è quindi l'imprevedibilità ritmica dei Soilent Green (senza però quell'isterica ciclotimia che affligge il combo della Lousiana), c'è l'intelligenza dei migliori Cephalic Carnage, il marcio cuore degli Iron Monkey in certi riff tesi e squadrati, mentre alcune partiture di “31.6.7 Drown It” stanno sotto la giurisdizione dell'apocalisse infernale dei Neurosis di “Through Silver In Blood”, ma tutto ciò non deve essere causa di scetticismo.

La personalità dei Mistress è tutt'altro che trascurabile ed emerge vivida tra questi solchi di sangue e fango in quanto le evidenti ascendenze vengono filtrate secondo l'ottica artistica del gruppo. La voce si districa tra cavernosi growl ed agghiaccianti latrati (su tutte la performance di in "A Godless Drunken Wreck", ferino atto di belligeranza psicologica) e non lascia tregua alcuna, non accennando nemmeno da lontano ad inflessioni melodiche. "The Grimdown" è la degenerazione violenta dell'hard-rock, "Sleep" è la costa più agonizzante dei Rwake, "Kunt" e "Cheyne Stoking" sono l'espressione di una spietatezza tipica dei cromosomi del metal più intransigente. Ecco un'altra furibonda band con cui fare i conti e che si eleva dalla massa. Attenti perché questi staccano teste come pochi in giro.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: A Godless Drunken Wreck, The Grimdown, Sleep, 31.6.7 Drown It.


Questa recensione é stata letta 4032 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

12/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 1

tAXI dRIVER consiglia

Rwake - RestRwake
Rest
High On Fire - Snakes For The DivineHigh On Fire
Snakes For The Divine
Mistress - The Glory Bitches Of DogheadMistress
The Glory Bitches Of Doghead
Kylesa - Spiral ShadowKylesa
Spiral Shadow
Fight Amp - Hungry For NothingFight Amp
Hungry For Nothing
Kylesa - To Walk A Middle CourseKylesa
To Walk A Middle Course
Gersch, The - The GerschGersch, The
The Gersch
AA.VV. - Neurot Recordings IAA.VV.
Neurot Recordings I
Down - III - Over The UnderDown
III - Over The Under
Floor - DoveFloor
Dove