Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

L.D.50 - Mudvayne (Epic)


Mudvayne - L.D.50
Voto:
Etichetta: Epic
Anno: 2000
Produzione:
Genere: metal / nu-metal / alternative
Scheda autore: Mudvayne



Probabilmente fra qualche tempo parleremo del 2000 come un grande anno per la musica. Pensate ai dischi usciti quest'anno: A Perfect Circle, Deftones, Amen, Pearl Jam, Queens Of The Stone Age, At The Drive In, Disturbed, Downset, Linkin Park, Spineshank, Taproot, Soulfly. Ma potrei certamente continuare. Ci si potrebbe aspettare una ovvia caduta di qualità. E invece. Avete speso un sacco di soldi? Bene preparatevi a spenderne altri per questo disco. La stampa in generale li ha massacrati mentre il pubblico sta dalla parte del gruppo. 5 persone mascherate prodotti da Terry Date e dal pagliaccio degli Slipknot. Il genere? Siamo su un crossover piuttosto eclettico. Ispirazioni? Slipknot, Tool, Incubus, Deftones. Le cose più belle e particolari di questi gruppi. Le urla emo di Chino, la cattiveria degli Slipknot, certi fraseggi e l'atmosfera claustrofobica dei Tool e alcune parti di cantato e la componente ritmica dei Incubus. Un grande applauso al bassista dei Mudvayne di dichiarata estrazione funky anche se certi passaggi non mi hanno convinto del tutto visto che mi sono sembrati fuori luogo. E che dire del cantante? Una voce così duttile l'ultima volta che l'ho sentita forse era con i Glassjaw anche se era più orientata sulle urla. Dovete sentire invece il cantante dei Mudvayne. Urla, grida, sussurri, canto pulito tutti alternati con una grande facilità. Un piccolo Mike Patton (molto piccolo).

Cresceranno i Mudvayne, visto che ci sono un sacco di margini di miglioramento, alcune canzoni non convincono, dovrebbero evitare la rabbia fine a se stessa (abbiamo già gli Slipknot per questo) e dovrebbero concentrarsi sulla parte più melodica. Per il resto un grande disco, consigliato a tutti gli appassionati dei gruppi sovracitati e a tutti quelli che vogliono un disco bello potente.

[Dale P.]

Canzoni significative: Cradle, Nothing To Gein, Severed.

Questa recensione é stata letta 6055 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Mudvayne - Lost And FoundMudvayne
Lost And Found
Mudvayne - The End Of All Things To ComeMudvayne
The End Of All Things To Come

NEWS


19/01/2005 Release Date
02/01/2005 Scarica il Video
27/10/2004 Dettagli Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Disturbed - BelieveDisturbed
Believe
System Of A Down - System Of A DownSystem Of A Down
System Of A Down
 None Of Us
Twice Again
Boyhitscar - BoyhitscarBoyhitscar
Boyhitscar
Incubus - Enjoy Incubus EPIncubus
Enjoy Incubus EP
Mudvayne - The End Of All Things To ComeMudvayne
The End Of All Things To Come
Kittie - OracleKittie
Oracle
 Unsifted
Unsifted
Rex Devon / Family Pusher - Loudblast Split Vol5Rex Devon / Family Pusher
Loudblast Split Vol5
Snot - Strait UpSnot
Strait Up