Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Neil Young - Colorado (Reprise)

Ultime recensioni

Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
Bríi - Corpos TransparentesBríi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Misþyrming - Með HamriMisþyrming
Með Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center
The Lovecraft Sextet - MiserereThe Lovecraft Sextet
Miserere
Gaerea - MirageGaerea
Mirage
Menace Ruine - NekyiaMenace Ruine
Nekyia
Aeviterne - The Ailing FacadeAeviterne
The Ailing Facade
Elder - Innate PassageElder
Innate Passage
Abhorrent Expanse - Gateways to ResplendenceAbhorrent Expanse
Gateways to Resplendence
Scarcity - AveilutScarcity
Aveilut

Neil Young - Colorado
Autore: Neil Young
Titolo: Colorado
Etichetta: Reprise
Anno: 2019
Produzione: John Hanlon
Genere: rock / pop / folk

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




“Colorado” sancisce il ritorno di Neil Young con i compagni di viaggio di una vita, i Crazy Horse, orfani però del pensionato “Poncho” Sampedro; una delle accoppiate più vincenti della storia del rock che mancava dal 2012, quando fu pubblicato “Psychedelic Pill”, l’ultima vera perla discografica del rocker canadese.

Dopo aver fatto da chioccia ai Promise Of The Real e aver pubblicato alcuni lavori solisti, Neil riabbraccia la sua backing band per un disco piuttosto rilassato; mancano le celebri cavalcate del Cavallo Pazzo con Neil impegnato in lunghe divagazioni strumentali e manca il tiro rock di album come “Ragged Glory”. Siamo più vicini alle atmosfere tranquille di “Greendale” e “Zuma” e, pur non raggiungendone i picchi qualitativi, l’album si ascolta piacevolmente.

La prima parte scorre senza guizzi particolari e vale la pena citare solo “She Showed Me Love”, unico brano dal lungo minutaggio in cui i musicisti vanno a briglia sciolta, senza però riuscire a creare quel pathos che ha reso famose le scorribande elettriche dei Crazy Horse.

La parte del disco migliore è la seconda dove Neil regala due ballate al piano decisamente ispirate: “Green Is Blue” e l’inno all’amore universale “Eternity” in cui risplende l’animo da vecchio hippie che torna anche per la corale “Rainbow Of Colors”. Il lavoro si chiude sulla note di “I Do”, classico pezzo acustico, molto intimo, quasi sussurrato.

Tra un’invettiva ambientalista e il ricordo del compianto amico manager Elliot Roberts va in cantiere anche il trentanovesimo album della carriera di Neil Young che tra dischi live e vecchi album di inediti ripescati dai suoi immensi archivi ha già annunciato nuovo materiale per il 2020 che lo vedrà, inoltre, on the road in giro per il Nord America.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: Green Is Blue, Eternity, Rainbow Of Colors.


Questa recensione é stata letta 316 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Neil Young - GreendaleNeil Young
Greendale
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Neil Young - MirrorballNeil Young
Mirrorball
Neil Young - Prairie WindNeil Young
Prairie Wind
Neil Young - WeldNeil Young
Weld

tAXI dRIVER consiglia

Nick Cave - Murder BalladsNick Cave
Murder Ballads
Nick Cave - Let Love InNick Cave
Let Love In
Subsonica - Controllo Del Livello Di RomboSubsonica
Controllo Del Livello Di Rombo
Mc5 - Kick Out The JamsMc5
Kick Out The Jams
 Elio E Le Storie Tese
Cicciput
Jeff Buckley - Live AlJeff Buckley
Live Al'Olympia
T-Rex - Electric WarriorT-Rex
Electric Warrior
Lou Reed - BerlinLou Reed
Berlin
Oasis - Don t Believe The TruthOasis
Don t Believe The Truth
Sleepy Jackson - PersonalitySleepy Jackson
Personality