Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Colorado - Neil Young (Reprise)

Ultime recensioni

Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History
Black Magick SS - Rainbow NightsBlack Magick SS
Rainbow Nights
Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida

Neil Young - Colorado
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Reprise
Anno: 2019
Produzione: John Hanlon
Genere: rock / pop / folk
Scheda autore: Neil Young



“Colorado” sancisce il ritorno di Neil Young con i compagni di viaggio di una vita, i Crazy Horse, orfani però del pensionato “Poncho” Sampedro; una delle accoppiate più vincenti della storia del rock che mancava dal 2012, quando fu pubblicato “Psychedelic Pill”, l’ultima vera perla discografica del rocker canadese.

Dopo aver fatto da chioccia ai Promise Of The Real e aver pubblicato alcuni lavori solisti, Neil riabbraccia la sua backing band per un disco piuttosto rilassato; mancano le celebri cavalcate del Cavallo Pazzo con Neil impegnato in lunghe divagazioni strumentali e manca il tiro rock di album come “Ragged Glory”. Siamo più vicini alle atmosfere tranquille di “Greendale” e “Zuma” e, pur non raggiungendone i picchi qualitativi, l’album si ascolta piacevolmente.

La prima parte scorre senza guizzi particolari e vale la pena citare solo “She Showed Me Love”, unico brano dal lungo minutaggio in cui i musicisti vanno a briglia sciolta, senza però riuscire a creare quel pathos che ha reso famose le scorribande elettriche dei Crazy Horse.

La parte del disco migliore è la seconda dove Neil regala due ballate al piano decisamente ispirate: “Green Is Blue” e l’inno all’amore universale “Eternity” in cui risplende l’animo da vecchio hippie che torna anche per la corale “Rainbow Of Colors”. Il lavoro si chiude sulla note di “I Do”, classico pezzo acustico, molto intimo, quasi sussurrato.

Tra un’invettiva ambientalista e il ricordo del compianto amico manager Elliot Roberts va in cantiere anche il trentanovesimo album della carriera di Neil Young che tra dischi live e vecchi album di inediti ripescati dai suoi immensi archivi ha già annunciato nuovo materiale per il 2020 che lo vedrà, inoltre, on the road in giro per il Nord America.

[Francesco Traverso]

Canzoni significative: Green Is Blue, Eternity, Rainbow Of Colors.


Questa recensione é stata letta 126 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Neil Young - GreendaleNeil Young
Greendale
Neil Young - HarvestNeil Young
Harvest
Neil Young - MirrorballNeil Young
Mirrorball
Neil Young - Prairie WindNeil Young
Prairie Wind
Neil Young - WeldNeil Young
Weld

tAXI dRIVER consiglia

PGR - Per Grazia RicevutaPGR
Per Grazia Ricevuta
Joe Strummer - StreetcoreJoe Strummer
Streetcore
T-Rex - Electric WarriorT-Rex
Electric Warrior
Velvet Underground - White Light White HeatVelvet Underground
White Light White Heat
Cesare Basile - Gran Cavalera ElettricaCesare Basile
Gran Cavalera Elettrica
Nick Cave - HenryNick Cave
Henry's Dream
Nick Cave - Let Love InNick Cave
Let Love In
Massimo Bubola - Niente Passa InvanoMassimo Bubola
Niente Passa Invano
Velvet Underground - The Velvet UndergroundVelvet Underground
The Velvet Underground
Nick Cave - No More Shall We PartNick Cave
No More Shall We Part