Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Oasis - Heathen Chemistry (Epic)

Ultime recensioni

Body Void - Burn The Homes Of Those Who Seek To ControlBody Void
Burn The Homes Of Those Who Seek To Control
Ashenspire - Hostile ArchitectureAshenspire
Hostile Architecture
Mantar - Pain Is Forever and This Is the EndMantar
Pain Is Forever and This Is the End
Chat Pile - GodChat Pile
God's Country
Imperial Triumphant - Spirit Of EcstasyImperial Triumphant
Spirit Of Ecstasy
Nebula - Transmission From Mothership EarthNebula
Transmission From Mothership Earth
Viagra Boys - Cave WorldViagra Boys
Cave World
Wormrot - HissWormrot
Hiss
London Odense Ensemble - Jaiyede Sessions Vol. 1London Odense Ensemble
Jaiyede Sessions Vol. 1
Greg Puciato - MirrorcellGreg Puciato
Mirrorcell
Devil Master - Ecstasies of Never Ending NightDevil Master
Ecstasies of Never Ending Night
Sasquatch - Fever FantasySasquatch
Fever Fantasy
Candy - Heaven Is HereCandy
Heaven Is Here
Nova Twins - SupernovaNova Twins
Supernova
Sinead OSinead O'Brien
Time Bend and Break The Bower
White Ward - False LightWhite Ward
False Light
Terzij de Horde - In One Of These, I Am Your EnemyTerzij de Horde
In One Of These, I Am Your Enemy
Besvärjelsen - AtlasBesvärjelsen
Atlas
The Smile - A Light For Attracting AttentionThe Smile
A Light For Attracting Attention
Stöner - Totally...Stöner
Totally...

Oasis - Heathen Chemistry
Autore: Oasis
Titolo: Heathen Chemistry
Etichetta: Epic
Anno: 2001
Produzione:
Genere: pop / brit /

Voto:



Con l’ingresso di due nuovi componenti Andy Bell Gem Archer rispettivamente (basso e chitarra) gli Oasis nella loro quinta produzione ci regalano un album un po’ contraddittorio.

Vediamo subito le cose negative a cominciare dal fatto che l’album è troppo ben confezionato e che non lascia spazio a sbavature.

Poi qui le influenze sono gli stessi Oasis: gli Oasis che scopiazzano gli Oasis (ma nel caso di THE HINDU TIMES che scopiazzano un riff degli STEREOPHONICS) e la cosa non può far altro che allarmare!!!

D’altro canto forse la crisi di ispirazione di Noel (SHE IS LOVE è davvero brutta), più dedito alla voce che alla produzione (vocals in 3 canzoni e ne scrive 6 su 11) ci offre la possibilità di far emergere le qualità non solo vocali di Liam Gallagher.

E qui si aprono le note liete dell’album; la semplice (2 accordi) ma delicata SONGBIRD potrebbe tranquillamente stare su un REVOLVER dei BEATLES, così come BORN ON A DIFFERENT CLOUD, impreziosita dalla slide guitar di Jhonny Marr, merita più di un ascolto. Si tratta comunque di un album che scorre via molto bene e questa è forse la sua qualità migliore, 40 minuti di pop rock, come si suol dire, senza infamia e senza lode e i buoni singoli STOP CRYING YOUR HEART OUT e LITTLE BY LITTLE lo testimoniano.

[Steliam]

Canzoni significative: Songbird, Born On A Different Cloud, Stop Crying Your Heart Out.

Questa recensione é stata letta 4535 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Oasis - Definitely MaybeOasis
Definitely Maybe
Oasis - Don t Believe The TruthOasis
Don t Believe The Truth

Live Reports

30/10/2005MilanoForum Milano

tAXI dRIVER consiglia

Oasis - Definitely MaybeOasis
Definitely Maybe
LaLa's
La's
Radiohead - Ok ComputerRadiohead
Ok Computer
Stands, The - Horse FabulousStands, The
Horse Fabulous
Stereophonics - Live From DakotaStereophonics
Live From Dakota
Blur - Best OfBlur
Best Of
Blur - Think TankBlur
Think Tank
Smiths, The - The Queen Is DeadSmiths, The
The Queen Is Dead