Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Fear - Onségen Ensemble (Svart)

Ultime recensioni

Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion
Neptunian Maximalism - EonsNeptunian Maximalism
Eons
Nova Twins - Who Are The Girls?Nova Twins
Who Are The Girls?

Onségen Ensemble - Fear
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Svart
Anno: 2020
Produzione: Jaime Gomez Arellano
Genere: metal / progressive / psych
Scheda autore: Onségen Ensemble



Sono molto particolari i finlandesi Onségen Ensemble, non a caso per il terzo disco si sono accasati presso la Svart Records, etichetta attenta a dare visibilità a formazioni decisamente variopinte.

Descrivere il suono di "Fear" è apparentemente semplice, il difficile è immaginarselo. Un po' di progressive, un po' di psichedelia, un po' di metal. Detto così vuol dire tutto e niente perchè sono tre macro-generi che hanno fatto dell'inafferabilità il proprio forte. Bhè, anche Onségen Ensemble sono inafferabili. Potreste sentirci un po' di Tool, un po' di Oranssi Pazuzu, un po' di Magma. Ok, detta così sembra la cosa più bella dell'universo. Non siamo a questi livelli, ovviamente. Ma non credo sia neanche l'intenzione dei finlandesi arrivarci. Però, ecco, se siete amanti di questi gruppi potreste trovare questo disco molto, molto interessante.

Cosa manca? Battiato direbbe "carisma e sintomatico mistero", ovvero un immaginario preciso e un po' di personalità. Ma il resto c'è. Eccome se c'è. Il prog si sposa perfettamente con gli intenti psichedelici come fossimo negli anni 70 ma con suoni "heavy" da concerto al Roadburn.

Bella sorpresa: se aggiusteranno un paio di cosine in futuro potrebbero confezionare un capolavoro.

[Dale P.]

Canzoni significative: Fear, Lament of Man.

Questa recensione é stata letta 46 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Blood Incantation - Hidden History Of Human RaceBlood Incantation
Hidden History Of Human Race
Ephel Duath - The Painters PaletteEphel Duath
The Painters Palette
Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Dreadnought - EmergenceDreadnought
Emergence
Meshuggah - ObzenMeshuggah
Obzen
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Meshuggah - Catch 33Meshuggah
Catch 33
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within
Intronaut - Null EPIntronaut
Null EP