Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Fear - Onségen Ensemble (Svart)

Ultime recensioni

Kabbalah - The OmenKabbalah
The Omen
Ison - AuroraIson
Aurora
Altin Gun - YolAltin Gun
Yol
Teke Teke - ShirushiTeke Teke
Shirushi
Alexis Marshall - House Of Lull. House Of WhenAlexis Marshall
House Of Lull. House Of When
Mdou Moctar - Afrique VictimeMdou Moctar
Afrique Victime
Monster Magnet - A Better DystopiaMonster Magnet
A Better Dystopia
Iceburn - AsclepiusIceburn
Asclepius
Trialogos - Stroh Zu GoldTrialogos
Stroh Zu Gold
Boss Keloid - Family the Smiling ThrushBoss Keloid
Family the Smiling Thrush
Yoo Doo Right - DonYoo Doo Right
Don't Think You Can Escape Your Purpose
Circle Of Sighs - NarciCircle Of Sighs
Narci
Lunar Funeral - Road To SiberiaLunar Funeral
Road To Siberia
Amenra - De DoornAmenra
De Doorn
Bala - MalezaBala
Maleza
Sleater Kinney - The Path Of WellnessSleater Kinney
The Path Of Wellness
Senyawa - AlkisahSenyawa
Alkisah
Floating Points - & Pharoah Sanders - PromisesFloating Points
& Pharoah Sanders - Promises
Arooj Aftab - Vulture PrinceArooj Aftab
Vulture Prince
Bríi - Sem PropósitoBríi
Sem Propósito

Onségen Ensemble - Fear
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Etichetta: Svart
Anno: 2020
Produzione: Jaime Gomez Arellano
Genere: metal / progressive / psych
Scheda autore: Onségen Ensemble



Sono molto particolari i finlandesi Onségen Ensemble, non a caso per il terzo disco si sono accasati presso la Svart Records, etichetta attenta a dare visibilità a formazioni decisamente variopinte.

Descrivere il suono di "Fear" è apparentemente semplice, il difficile è immaginarselo. Un po' di progressive, un po' di psichedelia, un po' di metal. Detto così vuol dire tutto e niente perchè sono tre macro-generi che hanno fatto dell'inafferabilità il proprio forte. Bhè, anche Onségen Ensemble sono inafferabili. Potreste sentirci un po' di Tool, un po' di Oranssi Pazuzu, un po' di Magma. Ok, detta così sembra la cosa più bella dell'universo. Non siamo a questi livelli, ovviamente. Ma non credo sia neanche l'intenzione dei finlandesi arrivarci. Però, ecco, se siete amanti di questi gruppi potreste trovare questo disco molto, molto interessante.

Cosa manca? Battiato direbbe "carisma e sintomatico mistero", ovvero un immaginario preciso e un po' di personalità. Ma il resto c'è. Eccome se c'è. Il prog si sposa perfettamente con gli intenti psichedelici come fossimo negli anni 70 ma con suoni "heavy" da concerto al Roadburn.

Bella sorpresa: se aggiusteranno un paio di cosine in futuro potrebbero confezionare un capolavoro.

[Dale P.]

Canzoni significative: Fear, Lament of Man.

Questa recensione é stata letta 172 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Sadist - TribeSadist
Tribe
Mass, The - Perfect Picture Of Wisdom And BoldnessMass, The
Perfect Picture Of Wisdom And Boldness
Test Switch Isolator - LetTest Switch Isolator
Let's Dance
Cynic - FocusCynic
Focus
Meshuggah - IMeshuggah
I
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Martyr - Feeding The AbscessMartyr
Feeding The Abscess
Behold...The Arctopus - Nano-Nucleonic Cyborg SummoningBehold...The Arctopus
Nano-Nucleonic Cyborg Summoning