Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Onségen Ensemble - Fear (Svart)

Ultime recensioni

Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace
Gouge Away - Deep SageGouge Away
Deep Sage
The Body - & Dis Fig - Orchards of a Futile HeavenThe Body
& Dis Fig - Orchards of a Futile Heaven
Chelsea Wolfe - She Reaches Out To She Reaches Out To SheChelsea Wolfe
She Reaches Out To She Reaches Out To She
Matt Cameron - Gory Scorch CretinsMatt Cameron
Gory Scorch Cretins
Sprints - Letter To SelfSprints
Letter To Self
meth. - Shamemeth.
Shame
Hauntologist - HollowHauntologist
Hollow
Eye Flys - Eye FlyesEye Flys
Eye Flyes
Slift - IlionSlift
Ilion
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Remote Viewing - Modern AddictionsRemote Viewing
Modern Addictions
High Priest - InvocationHigh Priest
Invocation
Briqueville - IIIIBriqueville
IIII

Onségen Ensemble - Fear
Autore: Onségen Ensemble
Titolo: Fear
Etichetta: Svart
Anno: 2020
Produzione: Jaime Gomez Arellano
Genere: metal / progressive / psych

Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:




Sono molto particolari i finlandesi Onségen Ensemble, non a caso per il terzo disco si sono accasati presso la Svart Records, etichetta attenta a dare visibilità a formazioni decisamente variopinte.

Descrivere il suono di "Fear" è apparentemente semplice, il difficile è immaginarselo. Un po' di progressive, un po' di psichedelia, un po' di metal. Detto così vuol dire tutto e niente perchè sono tre macro-generi che hanno fatto dell'inafferabilità il proprio forte. Bhè, anche Onségen Ensemble sono inafferabili. Potreste sentirci un po' di Tool, un po' di Oranssi Pazuzu, un po' di Magma. Ok, detta così sembra la cosa più bella dell'universo. Non siamo a questi livelli, ovviamente. Ma non credo sia neanche l'intenzione dei finlandesi arrivarci. Però, ecco, se siete amanti di questi gruppi potreste trovare questo disco molto, molto interessante.

Cosa manca? Battiato direbbe "carisma e sintomatico mistero", ovvero un immaginario preciso e un po' di personalità. Ma il resto c'è. Eccome se c'è. Il prog si sposa perfettamente con gli intenti psichedelici come fossimo negli anni 70 ma con suoni "heavy" da concerto al Roadburn.

Bella sorpresa: se aggiusteranno un paio di cosine in futuro potrebbero confezionare un capolavoro.

[Dale P.]

Canzoni significative: Fear, Lament of Man.

Questa recensione é stata letta 476 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Opeth - HeritageOpeth
Heritage
Into The Moat - The DesignInto The Moat
The Design
Apiary - Lost In FocusApiary
Lost In Focus
Meshuggah - Rare TraxMeshuggah
Rare Trax
Dysrhythmia - Terminal TresholdDysrhythmia
Terminal Treshold
Fredrik ThordendalFredrik Thordendal's Special Defects
Sol Niger Within
Behold...The Arctopus - Nano-Nucleonic Cyborg SummoningBehold...The Arctopus
Nano-Nucleonic Cyborg Summoning
Circle Of Sighs - NarciCircle Of Sighs
Narci
Sadist - SadistSadist
Sadist
Red Rot - Mal De VivreRed Rot
Mal De Vivre