´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Albedo - Orbe (Autoproduzione)

Ultime recensioni

Might - MightMight
Might
Appalooza - The Holy Of HoliesAppalooza
The Holy Of Holies
Dry Cleaning - New Long LegDry Cleaning
New Long Leg
A.A. Williams - Songs From IsolationA.A. Williams
Songs From Isolation
Concrete Ships - In ObservanceConcrete Ships
In Observance
Tomahawk - Tonic ImmobilityTomahawk
Tonic Immobility
Lucidvox - We AreLucidvox
We Are
Eyehategod - A History of Nomadic BehaviorEyehategod
A History of Nomadic Behavior
Really From - Really FromReally From
Really From
Shame - Drunk Tank PinkShame
Drunk Tank Pink
Worn - Human WorkWorn
Human Work
My Morning Jacket - Waterfall IIMy Morning Jacket
Waterfall II
Uada - DjinnUada
Djinn
John Carpenter - Lost Themes IIIJohn Carpenter
Lost Themes III
Constance Tomb - MCMLXXXVIIIConstance Tomb
MCMLXXXVIII
Black Country, New Road - For the First TimeBlack Country, New Road
For the First Time
Originalii - PendulumOriginalii
Pendulum
Divide And Dissolve - Gas LitDivide And Dissolve
Gas Lit
Portrayal Of Guilt - We Are Always AlonePortrayal Of Guilt
We Are Always Alone
Zola Mennan÷h - Longing for BelongingZola Mennan÷h
Longing for Belonging

Orbe - Albedo
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Anno: 2011
Produzione: Fabio Recupero
Genere: metal / post-metal / post-rock



"Albedo" degli Orbe e' una sfida. Una sfida alle distrazioni quotidiane che riducono i tempi di ascolto a meri rapporti occasionali. "Albedo", come gli altri dischi della sua razza, richiede ripetuti giri sulla giostra per poter penetrare tra le sue maglie. Tutto il contrario delle tendenze attuali in era di collage-macedonia sull'I-pod. Una meritata lode per gli Orbe quindi, quartetto che si divide tra Milano e Novara e che segue la strada tracciata dai Tool coniugandola con le derive post-rock/core dell'ultimo decennio, soprattutto Pelican.

Il territorio e' parecchio insidioso, soprattutto se ci si imbatte in ben tre composizioni su cinque di oltre dieci minuti. Ritmiche frammentate, chitarre che si sfibrano in aperture dilanianti, gli Orbe tessono una trama ricca di sfumature e molto cerebrale che fa dell'introspezione la vera e unica ragion d'essere. Il brano che esemplifica l'essenza del gruppo e' sicuramente "Amaterasu", odissea che si distende su ampie scariche di elettroni, brevi sezioni ammantate da arie jazzy, intrecci melodici e malinconia come se piovesse. Sulla stessa scia e' l'affascinante "Sisifo", chiaroscurale requiem post-metal.

Il flusso degli Orbe scorre senza particolari intoppi, anche se tenere unite le diverse parti di brani cosi' complessi richiede una cura superiore sull'unita' dei temi melodici impiegati, perche' il rischio di perdersi in una matassa piena di digressioni e' giusto dietro l'angolo. Ad ogni modo, "Albedo", masterizzato da Mauro Andreolli, e' una prova coraggiosa e snodo importante di un percorso di crescita da cui ci attendiamo conferme al prossimo passo.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Amaterasu, Sisifo

Questa recensione Ú stata letta 1989 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Battle Of Mice - A Day Of NightsBattle Of Mice
A Day Of Nights
Keelhaul - Subject to Change Without NoticeKeelhaul
Subject to Change Without Notice
A Storm Of Light - As The Valley Of DeathA Storm Of Light
As The Valley Of Death
Kongh - Shadows Of The ShapelessKongh
Shadows Of The Shapeless
Neurosis - The Eye Of Every StormNeurosis
The Eye Of Every Storm
Spotlights - Love & DecaySpotlights
Love & Decay
Briqueville - QuelleBriqueville
Quelle
Rosetta - A Determinism Of MoralityRosetta
A Determinism Of Morality
Neurosis - Given To The RisingNeurosis
Given To The Rising
Les Discrets - Ariettes OublieesLes Discrets
Ariettes Oubliees