´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk [ indie ] experimental elettronica

Uh Huh Her - PJ Harvey (Island)


PJ Harvey - Uh Huh Her
indie / sottogenere /

Voto:
Voto utenti (229):

Produzione:
Anno: 2004

Scheda autore: PJ Harvey



E siamo a 7. 7 dischi a suo nome. E sono anche 12. 12 anni dall'esordio. Sembra ieri che Pj Harvey era la ragazza arrabbiata nel periodo grunge. Sembra ieri che Ŕ uscito "To Bring You My Love" e invece sono giÓ passati 4 anni dall'ultimo "Stories From The City, Stories From The Sea". In 12 anni Pj Harvey si Ŕ pure trasfomata da brutto anatroccolo a splendido cigno. Ed Ŕ diventata una istituzione.

Non sbaglia un colpo, non esiste opera di Polly che non sia meno che buona. E se andiamo a vedere il quadro delle collaborazioni il quadro risulta maggiormente positivo.

"Uh Huh Her" (che vince il premio di titolo pi¨ orribile della storia, alla pari della sua copertina!) Ŕ un disco spettrale e particolarmente desertico. Pj ha certamente subito gli umori delle Desert Sessions a cui ha partecipato. Chitarre iper sature, ritmi indolenti, melodie stonate. Il disco nasce sotto forma di demo reso successivamente presentabile per la pubblicazione.

E' un disco con due faccie, quasi fosse stato pensato per il vinile. La prima parte Ŕ rock, la seconda intimista. Questa divisione rende maggiormente problematico il tuffarsi nell'asperitÓ di brani come "The Desperate Kingdom Of Love" o "It's You" in cui Polly si accompagna solo dalla sua voce e dalla sua chitarra. Risultano questi per˛ i brani pi¨ interessanti. La Harvey si mette completamente a nudo, spesso nascondendo la voce su accordi suonati con maggiore volume.

E' giusto per˛ che si sia preparata dei brani da portare live e nella prima parte ne troverete un bel po'. "The life and death of mister badmouth" ha il tipico incedere dei brani di "Bring You My Love", "Shame" Ŕ orecchiabile, "Who The Fuck" e "The Letter" sono puro robot-rock di scuola Homme, "The Pocket Knife" sarebbe bella sentita cantata da Mark Lanegan. Poi via via il disco mostra ombre e oscuritÓ in cui l'unica luce Ŕ la voce di Pj Harvey.

Un disco che al di lÓ dell'orecchiabilitÓ della prima parte risulta ostico e stimolante via via che si prosegue. Consigliatissimo, ma non il capolavoro imprescindibile di cui molti hanno scritto.

[Dale P.]

Canzoni Significative: The Letter, Who The Fuck, The Slow Drug.


Vota Questo Disco:

Questa recensione Ú stata letta 2823 volte!


Altre Recensioni

PJ Harvey - Please Leave Quietly [DVD]PJ Harvey
Please Leave Quietly [DVD]

Live Reports

19/06/2004ImolaHeineken Jammin' Festival

NEWS


02/07/2007 Album A Settembre
27/03/2006 In DVD

tAXI dRIVER consiglia

Maisie - Bacharach For President...Maisie
Bacharach For President...
Meganoidi - And Then We Met Impero EPMeganoidi
And Then We Met Impero EP
La Muga Lena - Ricoperti Da Una Finissima PeluriaLa Muga Lena
Ricoperti Da Una Finissima Peluria
Broken Social Scene - You Forgot It In PeopleBroken Social Scene
You Forgot It In People
 No Way
Demo 2003
Anatrofobia - Tesa Musica MarginaleAnatrofobia
Tesa Musica Marginale
Giorgio Canali - Giorgio Canali & RossofuocoGiorgio Canali
Giorgio Canali & Rossofuoco
Vancouver - Great News From The Foggy TownVancouver
Great News From The Foggy Town
Egokid - The Egotrip Of The EgokidEgokid
The Egotrip Of The Egokid
Ronin - RoninRonin
Ronin