Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Gigaton - Pearl Jam (Monkeywrench)

Ultime recensioni

Mantar - Grungetown Hooligans IIMantar
Grungetown Hooligans II
Fiona Apple - Fetch The Bolt CuttersFiona Apple
Fetch The Bolt Cutters
Thou - Blessings Of The Highest OrderThou
Blessings Of The Highest Order
Wrekmeister Harmonies - We Love To Look At The CarnageWrekmeister Harmonies
We Love To Look At The Carnage
Tricot - ???Tricot
???
Bada - BadaBada
Bada
Kidbug - KidbugKidbug
Kidbug
Louise Lemon - DevilLouise Lemon
Devil
Mrs Piss - Self-SurgeryMrs Piss
Self-Surgery
Vega Lee & John Nova - iSpace DramasVega Lee & John Nova
iSpace Dramas
Myrkur - FolkesangeMyrkur
Folkesange
BlackLab - AbyssBlackLab
Abyss
Witchcraft - Black MetalWitchcraft
Black Metal
Brant Bjork - Brant BjorkBrant Bjork
Brant Bjork
1000mods - Youth Of Dissent1000mods
Youth Of Dissent
Jazz Sabbath - Jazz SabbathJazz Sabbath
Jazz Sabbath
Oranssi Pazuzu - Mestarin KynsiOranssi Pazuzu
Mestarin Kynsi
Elder - OmensElder
Omens
Shaam Larein - SculptureShaam Larein
Sculpture
Shabaka And The Ancestors - We Are Sent Here By HistoryShabaka And The Ancestors
We Are Sent Here By History

Pearl Jam - Gigaton
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2020
Produzione: Josh Evans
Genere: rock / alternative / pop
Scheda autore: Pearl Jam



Sette anni separano "Gigaton" dall'ultimo lavoro della band di Seattle "Lightning Bolt". Diciotto dall'ultimo disco convincente dall'inizio alla fine ovvero "Riot Act". Ventidue dall'ultimo capolavoro, "Yield". Dal punto di vista musicale "Gigaton" si mette un po' a cavallo di questi tre lavori: c'è il rock roccioso, la ballata struggente, la sperimentazione e, finalmente, la qualità. Viene abbandonato quell'insopportabile rockettino che ricordava i pezzi brutti degli X suonati convinti di essere gli Who. Non me ne vogliano i fan della band più giovani ma i veri Pearl Jam quei pezzi non li avrebbero inseriti neanche come B-side di un singolo natalizio. A tal proposito andate ad ascoltarvi "Lost Dogs", la raccolta degli "scarti" che mette a nanna gli ultimi tre dischi.

"Gigaton" è stato composto, registrato e assemblato in un paio di anni, non come band unita ma nei ritagli di tempo di ciascun membro e messo insieme dal giovane produttore Josh Evans che fra taglia e cuci ha cercato di tirare fuori il meglio dalle saltuarie registrazioni. E c'è riuscito: i dodici pezzi del disco sono tutti convincenti. Non presentano cadute di stile, scelte facili, scivoloni e autocitazioni. Eddie è in discreta forma (benchè non sia più il ghepardo di una volta) regala parecchi brividi nelle ballate ma soprattutto ottime performance nei brani più rock. Forse perchè la maggior parte dei brani porta la sua firma. Dispiace che ormai la premiata ditta Gossard-Ament non lavori più assieme (che spreco) ma entrambi propongono una manciata di interessantissimi brani. Ament addirittura il migliore del disco: la rumorosa e groove "Quick Escape", scelta come terzo singolo. In "Alright" presenta un arrangiamento più scarno e ritmico di ispirazione "elettronica" e un refrain che rimanda a "Binaural" e ai lavori solista di Eddie. Gossard invece propone la delicata "Buckle Up", mostrando di essere un songwriter di alta classe, benchè un po' pigro. Quanto sogno un intero disco dei Pearl Jam scritto da lui! Poi c'è Matt Cameron, batterista sorprendente ma criticato per aver messo il freno a mano alla band. In "Gigaton" scrive "Take The Long Way" che a parte un ritornello un po' facilone ha un bel riff e addirittura una pennata bella grassa: chissà come l'avrebbe interpretata Chris Cornell! "Take The Long Way" si piazza a cavallo tra i Soundgarden più punk e i Wellwater Conspiracy.

Come ben sappiamo questo disco è nato anche come risposta al suicidio di Chris Cornell (sigh): la struggente "Comes Then Goes" è una "Seasons" (ricordate? Uno dei primi pezzi solista di Cornell, presente nella colonna sonora di Singles) alla Eddie Vedder. Chiudete gli occhi e ascoltate bene: si può quasi sentire l'eco di Chris in sottofondo, la voglia di averlo lì affianco, di sentirne gli acuti, di ricevere un sorriso e una pacca sulla spalla.

E poi c'è McCready, l'autore più classico, formidabile negli assoli ma un po' più zoppicante nel songwriting. In "Retrograde" ci mette lo zampino Eddie con una prestazione super, forse la migliore del disco, consegnando una canzone che saprà commuovere il pubblico durante i concerti.

Prima di analizzare i brani di Eddie passiamo a quelli comunitari: il singolo "Dance Of Clairvoyants" e "Seven O'Clock". Il primo è stato dato in pasto per presentare il disco e come tradizione non ne rappresenta per niente l'umore interno: è un esperimento, un funk rock sullo stile new wave di Talking Heads e il David Bowie di "Let's Dance". La band ha giocato con i suoni e con il songwriting e l'esperimento non è niente male, per quanto un po' fuori contesto; c'è qualche guizzo di Eddie che ricorda i vecchissimi tempi, come se fossimo in VS. E ricordiamo che in VS c'era roba tipo W.M.A. e Rats, quindi ce la facciamo andare bene. "Seven O'Clock" è stata costruita dal produttore a collage ma si vede uno sforzo collettivo nel dare epicità ad un brano che si guadagna il diritto di entrare tra i classici della band grazie ad uno sviluppo emozionante.

Eddie Vedder ha il compito di portare il rock in un disco altrimenti un po' chiuso su se stesso. L'eterno ragazzo è uno dei più grandi fan del genere e uno dei migliori interpreti in circolazione ma negli ultimi tre dischi si era posato su scelte vocali discutibili. In "Gigaton" riporta lo scettro a casa. "Who Ever Said" ricorda brani di "Binaural" come "Grievence","Breakerfall" e "Insignificance"; "Superblood Wolfmoon" sembra dire "scusate per World Wide Suicide, questa la faccio meglio"; "Never Destination" mostra, se mai ce ne fosse bisogno, l'amore di Vedder per le pennate di Townsend e la voce di Daltrey; di "Come Then Goes" ho già parlato. Rimane la finale "River Cross" che ha il compito di chiudere il disco con una grande prestazione di Eddie e la band in secondo piano. Metà disco è di Eddie e l'applauso se lo guadagna appieno.

"Gigaton" è un bel disco anche se, ovviamente, dividerà i fan del gruppo. Ha bisogno di tanti ascolti per essere amato ma è una prova, neanche tanto faticosa, che dona soddisfazioni. Bentornati Pearl Jam? Bentornati!

[Dale P.]

Canzoni significative: Quick Escape, Comes Then Goes, Seven O'Clock.


Questa recensione é stata letta 1285 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pearl Jam - BackspacerPearl Jam
Backspacer
Pearl Jam - BinauralPearl Jam
Binaural
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Pearl Jam - Live At Easy Street EPPearl Jam
Live At Easy Street EP
Pearl Jam - Live At The Garden [DVD]Pearl Jam
Live At The Garden [DVD]
Pearl Jam - Lost DogsPearl Jam
Lost Dogs
Pearl Jam - No CodePearl Jam
No Code
Pearl Jam - Pearl JamPearl Jam
Pearl Jam
Pearl Jam - Riot ActPearl Jam
Riot Act
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
Pearl Jam - VsPearl Jam
Vs
Pearl Jam - YieldPearl Jam
Yield

Live Reports

20/06/2000VeronaArena
22/06/2000MilanoFilaforum
14/09/2006BolognaPalamalaguti
20/09/2006PistoiaPiazza Duomo
15/06/2007VeneziaHeineken Jammin Festival
24/06/2008New YorkMadison Square Garden

NEWS


08/12/2011 Annunciano Il Tour Europeo
17/07/2010 Video di Amongst The Waves
26/01/2007 Data Estiva In Italia
23/04/2006 Cinque Concerti In Italia
05/03/2006 In Arrivo il Nuovo Album
07/02/2006 Il Tour Parte Dall'Italia?
17/03/2005 Qualche Nuova Certezza
06/12/2004 Rumor Pit

tAXI dRIVER consiglia

Meganoidi - Outside The Loop Stupendo SensationMeganoidi
Outside The Loop Stupendo Sensation
Raconteurs, The - Broken Boy SoldierRaconteurs, The
Broken Boy Soldier
Carusella - CarusellaCarusella
Carusella
Nine Inch Nails - With TeethNine Inch Nails
With Teeth
Danko Jones - We Sweat BloodDanko Jones
We Sweat Blood
Black Eyes Snakes, The - Rise Up!Black Eyes Snakes, The
Rise Up!
Martin Grech - March Of The LonelyMartin Grech
March Of The Lonely
Strokes, The - Is This ItStrokes, The
Is This It
Queens Of The Stone Age - Lullabies To ParalyzeQueens Of The Stone Age
Lullabies To Paralyze
The Ringo Jets - The Ringo JetsThe Ringo Jets
The Ringo Jets