Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Gigaton - Pearl Jam (Monkeywrench)

Ultime recensioni

Dark Buddha Rising - MathreyataDark Buddha Rising
Mathreyata
Liturgy - Origin of the AlimoniesLiturgy
Origin of the Alimonies
Eternal Champion - Ravening IronEternal Champion
Ravening Iron
Thou - Emma Ruth Rundle - May Our Chambers Be FullThou
Emma Ruth Rundle - May Our Chambers Be Full
Golem Mecanique - Nona, Decima Et MortaGolem Mecanique
Nona, Decima Et Morta
Mr Bungle - The Raging Wrath Of The Easter Bunny DemoMr Bungle
The Raging Wrath Of The Easter Bunny Demo
Stabbing Westward - Hallowed HymnsStabbing Westward
Hallowed Hymns
AA.VV. - Dirt ReduxAA.VV.
Dirt Redux
Fuzz - IIIFuzz
III
Porridge Radio - Every BadPorridge Radio
Every Bad
Deftones - OhmsDeftones
Ohms
Tallah - MatriphagyTallah
Matriphagy
Exhalants - AtonementsExhalants
Atonements
Lump Hammer - BeastLump Hammer
Beast
Obsidian Kingdom - Meat MachineObsidian Kingdom
Meat Machine
Gargoyl - GargoylGargoyl
Gargoyl
Anna Von Hausswolff - All Thoughts FlyAnna Von Hausswolff
All Thoughts Fly
Blues Pills - Holy Moly!Blues Pills
Holy Moly!
Sprain - As Lost Through CollisionSprain
As Lost Through Collision
Thurston Moore - By The FireThurston Moore
By The Fire

Pearl Jam - Gigaton
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2020
Produzione: Josh Evans
Genere: rock / alternative / pop
Scheda autore: Pearl Jam



Sette anni separano "Gigaton" dall'ultimo lavoro della band di Seattle "Lightning Bolt". Diciotto dall'ultimo disco convincente dall'inizio alla fine ovvero "Riot Act". Ventidue dall'ultimo capolavoro, "Yield". Dal punto di vista musicale "Gigaton" si mette un po' a cavallo di questi tre lavori: c'è il rock roccioso, la ballata struggente, la sperimentazione e, finalmente, la qualità. Viene abbandonato quell'insopportabile rockettino che ricordava i pezzi brutti degli X suonati convinti di essere gli Who. Non me ne vogliano i fan della band più giovani ma i veri Pearl Jam quei pezzi non li avrebbero inseriti neanche come B-side di un singolo natalizio. A tal proposito andate ad ascoltarvi "Lost Dogs", la raccolta degli "scarti" che mette a nanna gli ultimi tre dischi.

"Gigaton" è stato composto, registrato e assemblato in un paio di anni, non come band unita ma nei ritagli di tempo di ciascun membro e messo insieme dal giovane produttore Josh Evans che fra taglia e cuci ha cercato di tirare fuori il meglio dalle saltuarie registrazioni. E c'è riuscito: i dodici pezzi del disco sono tutti convincenti. Non presentano cadute di stile, scelte facili, scivoloni e autocitazioni. Eddie è in discreta forma (benchè non sia più il ghepardo di una volta) regala parecchi brividi nelle ballate ma soprattutto ottime performance nei brani più rock. Forse perchè la maggior parte dei brani porta la sua firma. Dispiace che ormai la premiata ditta Gossard-Ament non lavori più assieme (che spreco) ma entrambi propongono una manciata di interessantissimi brani. Ament addirittura il migliore del disco: la rumorosa e groove "Quick Escape", scelta come terzo singolo. In "Alright" presenta un arrangiamento più scarno e ritmico di ispirazione "elettronica" e un refrain che rimanda a "Binaural" e ai lavori solista di Eddie. Gossard invece propone la delicata "Buckle Up", mostrando di essere un songwriter di alta classe, benchè un po' pigro. Quanto sogno un intero disco dei Pearl Jam scritto da lui! Poi c'è Matt Cameron, batterista sorprendente ma criticato per aver messo il freno a mano alla band. In "Gigaton" scrive "Take The Long Way" che a parte un ritornello un po' facilone ha un bel riff e addirittura una pennata bella grassa: chissà come l'avrebbe interpretata Chris Cornell! "Take The Long Way" si piazza a cavallo tra i Soundgarden più punk e i Wellwater Conspiracy.

Come ben sappiamo questo disco è nato anche come risposta al suicidio di Chris Cornell (sigh): la struggente "Comes Then Goes" è una "Seasons" (ricordate? Uno dei primi pezzi solista di Cornell, presente nella colonna sonora di Singles) alla Eddie Vedder. Chiudete gli occhi e ascoltate bene: si può quasi sentire l'eco di Chris in sottofondo, la voglia di averlo lì affianco, di sentirne gli acuti, di ricevere un sorriso e una pacca sulla spalla.

E poi c'è McCready, l'autore più classico, formidabile negli assoli ma un po' più zoppicante nel songwriting. In "Retrograde" ci mette lo zampino Eddie con una prestazione super, forse la migliore del disco, consegnando una canzone che saprà commuovere il pubblico durante i concerti.

Prima di analizzare i brani di Eddie passiamo a quelli comunitari: il singolo "Dance Of Clairvoyants" e "Seven O'Clock". Il primo è stato dato in pasto per presentare il disco e come tradizione non ne rappresenta per niente l'umore interno: è un esperimento, un funk rock sullo stile new wave di Talking Heads e il David Bowie di "Let's Dance". La band ha giocato con i suoni e con il songwriting e l'esperimento non è niente male, per quanto un po' fuori contesto; c'è qualche guizzo di Eddie che ricorda i vecchissimi tempi, come se fossimo in VS. E ricordiamo che in VS c'era roba tipo W.M.A. e Rats, quindi ce la facciamo andare bene. "Seven O'Clock" è stata costruita dal produttore a collage ma si vede uno sforzo collettivo nel dare epicità ad un brano che si guadagna il diritto di entrare tra i classici della band grazie ad uno sviluppo emozionante.

Eddie Vedder ha il compito di portare il rock in un disco altrimenti un po' chiuso su se stesso. L'eterno ragazzo è uno dei più grandi fan del genere e uno dei migliori interpreti in circolazione ma negli ultimi tre dischi si era posato su scelte vocali discutibili. In "Gigaton" riporta lo scettro a casa. "Who Ever Said" ricorda brani di "Binaural" come "Grievence","Breakerfall" e "Insignificance"; "Superblood Wolfmoon" sembra dire "scusate per World Wide Suicide, questa la faccio meglio"; "Never Destination" mostra, se mai ce ne fosse bisogno, l'amore di Vedder per le pennate di Townsend e la voce di Daltrey; di "Come Then Goes" ho già parlato. Rimane la finale "River Cross" che ha il compito di chiudere il disco con una grande prestazione di Eddie e la band in secondo piano. Metà disco è di Eddie e l'applauso se lo guadagna appieno.

"Gigaton" è un bel disco anche se, ovviamente, dividerà i fan del gruppo. Ha bisogno di tanti ascolti per essere amato ma è una prova, neanche tanto faticosa, che dona soddisfazioni. Bentornati Pearl Jam? Bentornati!

[Dale P.]

Canzoni significative: Quick Escape, Comes Then Goes, Seven O'Clock.


Questa recensione é stata letta 1403 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Pearl Jam - BackspacerPearl Jam
Backspacer
Pearl Jam - BinauralPearl Jam
Binaural
Pearl Jam - Immagine In Cornice [DVD]Pearl Jam
Immagine In Cornice [DVD]
Pearl Jam - Live At Easy Street EPPearl Jam
Live At Easy Street EP
Pearl Jam - Live At The Garden [DVD]Pearl Jam
Live At The Garden [DVD]
Pearl Jam - Lost DogsPearl Jam
Lost Dogs
Pearl Jam - No CodePearl Jam
No Code
Pearl Jam - Pearl JamPearl Jam
Pearl Jam
Pearl Jam - Riot ActPearl Jam
Riot Act
Pearl Jam - TenPearl Jam
Ten
Pearl Jam - VitalogyPearl Jam
Vitalogy
Pearl Jam - VsPearl Jam
Vs
Pearl Jam - YieldPearl Jam
Yield

Live Reports

20/06/2000VeronaArena
22/06/2000MilanoFilaforum
14/09/2006BolognaPalamalaguti
20/09/2006PistoiaPiazza Duomo
15/06/2007VeneziaHeineken Jammin Festival
24/06/2008New YorkMadison Square Garden

NEWS


08/12/2011 Annunciano Il Tour Europeo
17/07/2010 Video di Amongst The Waves
26/01/2007 Data Estiva In Italia
23/04/2006 Cinque Concerti In Italia
05/03/2006 In Arrivo il Nuovo Album
07/02/2006 Il Tour Parte Dall'Italia?
17/03/2005 Qualche Nuova Certezza
06/12/2004 Rumor Pit

tAXI dRIVER consiglia

AA.VV. - Vegetable Man Project Vol.2AA.VV.
Vegetable Man Project Vol.2
Love In Elevator - Venoma EPLove In Elevator
Venoma EP
Meganoidi - And Then We Met Impero EPMeganoidi
And Then We Met Impero EP
Melvins - ElectroretardMelvins
Electroretard
Queens Of The Stone Age - Lullabies To ParalyzeQueens Of The Stone Age
Lullabies To Paralyze
Giorgio Canali - Giorgio Canali & RossofuocoGiorgio Canali
Giorgio Canali & Rossofuoco
Algiers - There Is No YearAlgiers
There Is No Year
Fiub - Brown StripesFiub
Brown Stripes
Chelsea Wolfe - ApokalypsisChelsea Wolfe
Apokalypsis
TV On The Radio - Return To Cookie MountainTV On The Radio
Return To Cookie Mountain