´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Porcupine Tree - Fear Of A Blank Planet (Universal)

Ultime recensioni

Returning - SeverenceReturning
Severence
Sandrider - EnveletrationSandrider
Enveletration
Big Brave - Nature MorteBig Brave
Nature Morte
Eunoia - Psyop of the YearEunoia
Psyop of the Year
Ciemra - The Tread Of DarknessCiemra
The Tread Of Darkness
Sisteria - Dark MatterSisteria
Dark Matter
... And Oceans - As In Gardens, So In Tombs... And Oceans
As In Gardens, So In Tombs
Show Me The Body - Trouble The WaterShow Me The Body
Trouble The Water
Upchuck - Sense YourselfUpchuck
Sense Yourself
BrÝi - Corpos TransparentesBrÝi
Corpos Transparentes
Thank - Thoughtless CrueltyThank
Thoughtless Cruelty
Petbrick - LiminalPetbrick
Liminal
Rigorous Institution - CainsmarshRigorous Institution
Cainsmarsh
Mis■yrming - Me­ HamriMis■yrming
Me­ Hamri
Ultha - All That Has Never Been TrueUltha
All That Has Never Been True
Boris - FadeBoris
Fade
Dead Cross - IIDead Cross
II
Just Mustard - Heart UnderJust Mustard
Heart Under
Otoboke Beaver - Super ChamponOtoboke Beaver
Super Champon
Caustic Casanova - Glass Enclosed Nerve CenterCaustic Casanova
Glass Enclosed Nerve Center

Porcupine Tree - Fear Of A Blank Planet
Titolo: Fear Of A Blank Planet
Etichetta: Universal
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / progressive / psych

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:




Fare il recensore spesso Ŕ un compito infausto. Si ha la pretesa di giudicare dei dischi freddamente, in base a tecnica, idee, originalitÓ, dimenticando spesso la componente emotiva. In realtÓ non si tratta di dimenticanza ma di una negazione necessaria per rendere il giudizio in un qualche modo universale.

Mi ritrovo quindi a parlare di un disco che tocca il massimo dei punti in ogni suo freddo giudizio ma, allo stesso modo, risulta totalizzante nel trasmettere emozioni. Emozioni mai tranquillizzanti, anzi spesso disturbanti nel trascinarti in un vortice onirico senza appigli.

Le lunge suite (ci riferiamo in particolarmodo alla lunghissima Anesthetize) hanno il dono di annullare ogni riferimento temporale, ogni normale concezione di sviluppo di una canzone travolgendo l'ascoltatore in un viaggio con destinazione ignota.

Non siamo di fronte al normale sviluppo di un album progressive, per assurdo, nell'annullare ogni riferimento di canzone in favore di ambiente e atmosfera, siamo pi¨ vicini all'idea generica di post-rock. In realtÓ solo nell' idea dato che se dobbiamo fare un paragone diretto (se dopo tanti anni di carriera Ŕ ancora doveroso farli) siamo sempre tra le parti di una versione moderna dei Pink Floyd.

Un disco perfetto da qualunque parte lo si veda ma che per la particolaritÓ di riuscire a trasmettere un mood "dark" bisogna esserne mentalmente preparati. Il rischio sarebbe di trovarsi di fronte ad un disco impalpabile.

[Dale P.]

Canzoni significative: My Ashes, Anesthetize.


Questa recensione Ú stata letta 4147 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Porcupine Tree - We Lost The SkylinePorcupine Tree
We Lost The Skyline

NEWS


09/07/2010 Video di Bonnie The Cat

tAXI dRIVER consiglia

Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Nippon And The Simbol - UniversonbangaorfeoNippon And The Simbol
Universonbangaorfeo
Anima Morte - The Nightmare Becomes RealityAnima Morte
The Nightmare Becomes Reality
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI
Mars Volta - Frances The MuteMars Volta
Frances The Mute
Area - Arbeit Macht FreiArea
Arbeit Macht Frei
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
Mars Volta - De-Loused In The ComatoriumMars Volta
De-Loused In The Comatorium
Skeleton Key - ObtainiumSkeleton Key
Obtainium
The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback