Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Fear Of A Blank Planet - Porcupine Tree (Universal)

Ultime recensioni

Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_RaŘl RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_RaŘl Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today
The Beths - Jump Rope GazersThe Beths
Jump Rope Gazers
Hum - InletHum
Inlet
Jesu - Never EPJesu
Never EP
Bell Witch - & Aerial Ruin - Stygian Bough Volume IBell Witch
& Aerial Ruin - Stygian Bough Volume I

Porcupine Tree - Fear Of A Blank Planet
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Universal
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / progressive / psych



Fare il recensore spesso Ŕ un compito infausto. Si ha la pretesa di giudicare dei dischi freddamente, in base a tecnica, idee, originalitÓ, dimenticando spesso la componente emotiva. In realtÓ non si tratta di dimenticanza ma di una negazione necessaria per rendere il giudizio in un qualche modo universale.

Mi ritrovo quindi a parlare di un disco che tocca il massimo dei punti in ogni suo freddo giudizio ma, allo stesso modo, risulta totalizzante nel trasmettere emozioni. Emozioni mai tranquillizzanti, anzi spesso disturbanti nel trascinarti in un vortice onirico senza appigli.

Le lunge suite (ci riferiamo in particolarmodo alla lunghissima Anesthetize) hanno il dono di annullare ogni riferimento temporale, ogni normale concezione di sviluppo di una canzone travolgendo l'ascoltatore in un viaggio con destinazione ignota.

Non siamo di fronte al normale sviluppo di un album progressive, per assurdo, nell'annullare ogni riferimento di canzone in favore di ambiente e atmosfera, siamo pi¨ vicini all'idea generica di post-rock. In realtÓ solo nell' idea dato che se dobbiamo fare un paragone diretto (se dopo tanti anni di carriera Ŕ ancora doveroso farli) siamo sempre tra le parti di una versione moderna dei Pink Floyd.

Un disco perfetto da qualunque parte lo si veda ma che per la particolaritÓ di riuscire a trasmettere un mood "dark" bisogna esserne mentalmente preparati. Il rischio sarebbe di trovarsi di fronte ad un disco impalpabile.

[Dale P.]

Canzoni significative: My Ashes, Anesthetize.


Questa recensione Ú stata letta 3987 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Porcupine Tree - We Lost The SkylinePorcupine Tree
We Lost The Skyline

NEWS


09/07/2010 Video di Bonnie The Cat

tAXI dRIVER consiglia

Skeleton Key - ObtainiumSkeleton Key
Obtainium
Nippon And The Simbol - UniversonbangaorfeoNippon And The Simbol
Universonbangaorfeo
Guapo - Black OniGuapo
Black Oni
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
Fucking Champs, The - VIFucking Champs, The
VI
Anima Morte - The Nightmare Becomes RealityAnima Morte
The Nightmare Becomes Reality
Alhambra - Luna NuovaAlhambra
Luna Nuova
The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback
Adrian Belew - Side OneAdrian Belew
Side One
Mars Volta - Frances The MuteMars Volta
Frances The Mute