Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Fear Of A Blank Planet - Porcupine Tree (Universal)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Porcupine Tree - Fear Of A Blank Planet
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Universal
Anno: 2007
Produzione:
Genere: rock / progressive / psych



Fare il recensore spesso Ŕ un compito infausto. Si ha la pretesa di giudicare dei dischi freddamente, in base a tecnica, idee, originalitÓ, dimenticando spesso la componente emotiva. In realtÓ non si tratta di dimenticanza ma di una negazione necessaria per rendere il giudizio in un qualche modo universale.

Mi ritrovo quindi a parlare di un disco che tocca il massimo dei punti in ogni suo freddo giudizio ma, allo stesso modo, risulta totalizzante nel trasmettere emozioni. Emozioni mai tranquillizzanti, anzi spesso disturbanti nel trascinarti in un vortice onirico senza appigli.

Le lunge suite (ci riferiamo in particolarmodo alla lunghissima Anesthetize) hanno il dono di annullare ogni riferimento temporale, ogni normale concezione di sviluppo di una canzone travolgendo l'ascoltatore in un viaggio con destinazione ignota.

Non siamo di fronte al normale sviluppo di un album progressive, per assurdo, nell'annullare ogni riferimento di canzone in favore di ambiente e atmosfera, siamo pi¨ vicini all'idea generica di post-rock. In realtÓ solo nell' idea dato che se dobbiamo fare un paragone diretto (se dopo tanti anni di carriera Ŕ ancora doveroso farli) siamo sempre tra le parti di una versione moderna dei Pink Floyd.

Un disco perfetto da qualunque parte lo si veda ma che per la particolaritÓ di riuscire a trasmettere un mood "dark" bisogna esserne mentalmente preparati. Il rischio sarebbe di trovarsi di fronte ad un disco impalpabile.

[Dale P.]

Canzoni significative: My Ashes, Anesthetize.


Questa recensione Ú stata letta 3945 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Porcupine Tree - We Lost The SkylinePorcupine Tree
We Lost The Skyline

NEWS


09/07/2010 Video di Bonnie The Cat

tAXI dRIVER consiglia

Porcupine Tree - Fear Of A Blank PlanetPorcupine Tree
Fear Of A Blank Planet
Atto IV - Stati AlteratiAtto IV
Stati Alterati
Anima Morte - The Nightmare Becomes RealityAnima Morte
The Nightmare Becomes Reality
London Underground - Through A Glass DarklyLondon Underground
Through A Glass Darkly
The Silence - Metaphysical FeedbackThe Silence
Metaphysical Feedback
Mars Volta - De-Loused In The ComatoriumMars Volta
De-Loused In The Comatorium
Alhambra - Luna NuovaAlhambra
Luna Nuova
Skeleton Key - ObtainiumSkeleton Key
Obtainium
Mars Volta - Tremulant EPMars Volta
Tremulant EP
Area - Arbeit Macht FreiArea
Arbeit Macht Frei