´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock metal [ punk ] indie experimental pop elettronica

Quicksand - Distant Populations (Epitaph)

Ultime recensioni

Pallbearer - Mind Burns AlivePallbearer
Mind Burns Alive
Castle Rat - Into The RealmCastle Rat
Into The Realm
Uncle Acid And The Deadbeats - NellUncle Acid And The Deadbeats
Nell'Ora Blu
Harvestman - Triptych Part OneHarvestman
Triptych Part One
Big Brave - A Chaos Of FlowersBig Brave
A Chaos Of Flowers
English Teacher - This Could Be TexasEnglish Teacher
This Could Be Texas
Iron Monkey - Spleen & GoadIron Monkey
Spleen & Goad
Maruja - ConnlaMaruja
Connla's Well
Bongripper - EmptyBongripper
Empty
Melvins - Tarantula HeartMelvins
Tarantula Heart
Inter Arma - New HeavenInter Arma
New Heaven
Whores - WarWhores
War
Couch Slut - You Could Do It TonightCouch Slut
You Could Do It Tonight
Kim Gordon - The CollectiveKim Gordon
The Collective
High On Fire - Cometh The StormHigh On Fire
Cometh The Storm
Cell Press - CagesCell Press
Cages
Pissed Jeans - Half DivorcedPissed Jeans
Half Divorced
Moor Mother - The Great BailoutMoor Mother
The Great Bailout
The Messthetics - And James Brandon LewisThe Messthetics
And James Brandon Lewis
Brat - Social GraceBrat
Social Grace

Quicksand - Distant Populations
Autore: Quicksand
Titolo: Distant Populations
Etichetta: Epitaph
Anno: 2021
Produzione: Will Yip
Genere: punk / post-hardcore / alternative

Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:



Ascolta Distant Populations





Ci sono "vecchi" che riprendono a fare dischi dopo anni di silenzio per rimpinguare il conto in banca, chi per avere una scusa per andare in tour (e rimpinguare il conto in banca). Poi ci sono quelli che lo fanno per divertimento e quelli che lo fanno per ritrovare vecchi amici. Infine ci sono coloro che lo fanno perchŔ hanno qualcosa di nuovo da dire. Vengono in mente gli Hum che si sono rimessi in moto con l'ottimo "Inlet" dopo 23 anni di silenzio. 23 anni che dividono anche "Manic Compression" e "Interiors" dei Quicksand di Walter Schreifels. Walter che non Ŕ certo rimasto con le mani in mano in tutti questi anni, basti pensare ai suoi dischi solista e al progetto Rival Schools, idem Sergio Vega che ha preso il ruolo di Chi Cheng nei Deftones e Alan Cage che fra Seaweed, Burn, New Idea Society, Wild Arrows non ha mai posato le bacchette.

E quindi Ŕ chiaro che a rimettere mano al "celebre" marchio Ŕ stata la passione e la volontÓ di avere qualcosa da dire, come Ŕ sempre stato per questi splendidi personaggi. Ammetto che non sono entrato subito nel mood del disco, mi sembrava troppo "melodico". Poi, come spesso succede, ho visto un video dal vivo registrato recentemente: oltre al trio c'Ŕ Stephen Brodsky dei Cave In alla chitarra e cori. Qui mi si Ŕ accesa la lampadina e ho capito cosa aveva in mente Schreifels quando ha scritto i pezzi: post-hardcore "pop" e vagamente psichedelico. Il risultato Ŕ ottimo, una variazione sul tema della band perfettamente riuscito e che suona attuale pur avendo parecchi piedi piantati negli anni 90.

Un disco che probabilmente piacerÓ ai fan pi¨ giovani che ai vecchi amanti dell'hardcore. Bello!

[Dale P.]

Canzoni significative: The Philosopher, EMDR.

Questa recensione Ú stata letta 1152 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

Engineer - Crooked VoicesEngineer
Crooked Voices
Barrato - Barrato
'mmerecano Siupesci˛
Laghetto - Sonate In Bu Minore Per 400 Scimmiette UrlantiLaghetto
Sonate In Bu Minore Per 400 Scimmiette Urlanti
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson
Flooding - Silhoutte MachineFlooding
Silhoutte Machine
Converge - Jane DoeConverge
Jane Doe
Antithesis - AntithesisAntithesis
Antithesis
Handsome - HandsomeHandsome
Handsome
Locust - Plague SoundscapesLocust
Plague Soundscapes
Turnstile - Glow OnTurnstile
Glow On