Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock metal punk indie experimental [ pop ] elettronica

Ok Computer - Radiohead (Parlophone)

Ultime recensioni

Irreversible Entanglements - Who Sent You?Irreversible Entanglements
Who Sent You?
Jeff Parker - Suite For Max BrownJeff Parker
Suite For Max Brown
En Minor - When The Cold Truth Has Worn Its Miserable WelcomeEn Minor
When The Cold Truth Has Worn Its Miserable Welcome
L.A.Witch - Play With FireL.A.Witch
Play With Fire
Couch Slut - Take A Chance On Rock Couch Slut
Take A Chance On Rock 'n' Roll
Kall - BrandKall
Brand
Boris - NOBoris
NO
Phoebe Bridgers - PunisherPhoebe Bridgers
Punisher
Ils - CurseIls
Curse
Motorpsycho - The All Is OneMotorpsycho
The All Is One
Bully - SugareggBully
Sugaregg
Lina Rodrigues Refree - Lina_Raül RefreeLina Rodrigues Refree
Lina_Raül Refree
King Krule - Man Alive!King Krule
Man Alive!
Thou - A Primer of Holy WordsThou
A Primer of Holy Words
Household God - Palace IntrigueHousehold God
Palace Intrigue
A.A. Williams - Forever BlueA.A. Williams
Forever Blue
Billy Nomates - Billy NomatesBilly Nomates
Billy Nomates
Fontaines D.C. - A HeroFontaines D.C.
A Hero's Death
Zombi - 2020Zombi
2020
Protomartyr - Ultimate Success TodayProtomartyr
Ultimate Success Today

Radiohead - Ok Computer
Voto:
Anno: 1997
Produzione:
Genere: pop / brit /
Scheda autore: Radiohead



Cosa dire di questo album che non sia stato detto? Considerato da più parti come il disco più significativo degli ultimi anni (ma onestamente quelli che lo hanno scritto sono stati depennati dalla lista dei critici: quanti dischi ascoltano mediamente?), allo stesso modo provoca sensazioni di disgusto e perplessità.

La verità? Questa volta non sta nel mezzo. Il disco, lo diciamo subito per evitare fraintendimenti, è un capolavoro. Ma certo, magari aiutati dal senno del poi, non è questa pietra miliare della musica moderna. E' semplicemente un parto intelligente di una band fino ad allora parecchio modesta orientata su un brit-rock di maniera.

La svolta di Tom Yorke e soci quale è? Quella di inserire nel consueto tappeto di melodie facili (ma mai banali) e di chitarre di ispirazione grunge un po' di barocchismo prog. E lo sentiamo subito. Il riff di Airbag sembra una versione semplificata dei King Crimson. O la costruzione di Paranoid Android è un palese tributo a "Bohemian Rapsody" dei Queen. L'aspetto da nerd sfigati ce li rende più simpatici rispetto agli Yes, magari li avvicina al mondo indie (forse in USA certamente non in Europa), ma niente ci toglie dal pensiero che i nostri stanno pensando al pop in ottica prog (che per molti snob vuol dire "spazzatura").

Ecco che un titolo come "Ok Computer" ci distrae facendoci pensare alla modernità. Niente di più sbagliato. La modernità verrà plagiata nel successivo "Kid A", qua dentro potremmo essere tranquillamente negli anni 70.

Apprezziamo però il grande lavoro dietro a questo disco, i suoni (invero non perfetti), i particolari ma soprattutto le canzoni: vere protagoniste del disco.

[Dale P.]

Canzoni significative: tutte.

Questa recensione é stata letta 4738 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:


Altre Recensioni

Radiohead - AmnesiacRadiohead
Amnesiac
Radiohead - In RainbowsRadiohead
In Rainbows
Radiohead - Kid ARadiohead
Kid A
Radiohead - The King Of LimbsRadiohead
The King Of Limbs

NEWS


18/11/2011 Quattro Date In Italia
15/05/2006 Disco Solista di Tom Yorke
26/04/2005 Download Benefico

tAXI dRIVER consiglia

Stands, The - Horse FabulousStands, The
Horse Fabulous
LaLa's
La's
Radiohead - Ok ComputerRadiohead
Ok Computer
Smiths, The - The Queen Is DeadSmiths, The
The Queen Is Dead
Stereophonics - Live From DakotaStereophonics
Live From Dakota
Blur - Think TankBlur
Think Tank
Blur - Best OfBlur
Best Of
Oasis - Definitely MaybeOasis
Definitely Maybe