Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Station - Russian Circle (Suicide Squeeze)

Ultime recensioni

Boris - & Merzbow - 2R0I2P0Boris
& Merzbow - 2R0I2P0
Dale Crover - Rat-A-Tat-Tat!Dale Crover
Rat-A-Tat-Tat!
Moon Destroys - Maiden VoyageMoon Destroys
Maiden Voyage
Celebrity Sex Scandal - The FundamentalCelebrity Sex Scandal
The Fundamental
Thou - Emma Ruth Rundle - The Helm Of SorrowThou
Emma Ruth Rundle - The Helm Of Sorrow
Maggot Heart - Mercy MachineMaggot Heart
Mercy Machine
Gatecreeper - An Unexpected RealityGatecreeper
An Unexpected Reality
Viagra Boys - Welfare JazzViagra Boys
Welfare Jazz
Onségen Ensemble - FearOnségen Ensemble
Fear
Witchfucker - Afterhour In WalhallaWitchfucker
Afterhour In Walhalla
Dystopian Future Movies - InviolateDystopian Future Movies
Inviolate
The Necks - ThreeThe Necks
Three
Lingua Ignota - The Caligula DemosLingua Ignota
The Caligula Demos
Imperial Triumphant - AlphavilleImperial Triumphant
Alphaville
Crack Cloud - Pain OlympicsCrack Cloud
Pain Olympics
Illuminati Hotties - Free I.HIlluminati Hotties
Free I.H
Rosy Finch - ScarletRosy Finch
Scarlet
Kind - Mental NudgeKind
Mental Nudge
Atomic Bitchwax - ScorpioAtomic Bitchwax
Scorpio
Primitive Man - ImmersionPrimitive Man
Immersion

Russian Circle - Station
Voto:
Produzione:
Originalità:
Tecnica:

Anno: 2008
Produzione: Matt Bayles
Genere: rock / post-rock / alternative



Il panorama heavy-post-rock attualmente sta vivendo un periodo di vacche grasse che sta però facendolo inesorabilmente sconfinare nel consueto e naturale affollamento della scena. Una situazione che rischia seriamente di bloccare la spinta evolutiva di uno degli scenari più interessanti ultimamente osservati nella musica pesante, con tante band, comprese le motrici (vedi gli ultimi, deludentissimi Pelican), intente a riciclare le idee e farsi il verso tra di loro senza quasi più cavare nulla di realmente interessante dal buco.

I Russian Circles sono una di quelle band decisamente sopravvalutate al momento della loro venuta allo scoperto con "Enter" nel 2006 e che oggi, col nuovo full-length "Station", mostrano tutti i limiti di una proposta immobile.

Smaccatamente emuli di Pelican, Mogwai ed Isis, ai tre musicisti di Chicago manca una fondamentale caratteristica che non può essere scomputata ad un gruppo che intende dedicarsi a questo tipo di sonorità, ovvero l'abilità descrittiva.

Non serve avvalersi di chitarre effettate (ed in maniera alquanto scontata in verità) quando a latitare sono proprio i temi melodici capaci di far centro, di incollarti alla sedia, di trasportarti al di fuori delle mura della stanza.

"Station" è un album che spesso tracima nella noia, piuttosto piatto, scosso leggermente qua e la da alcuni sussulti, come le pelicaniane "Harper Lewis", "Youngblood" (queste due fortemente imparentate) e "Station", tutta roba che non passerà di certo alla storia, anche perché la potenza è debitamente tenuta al guinzaglio (anche se la title-track sa far male in alcuni punti). Non c'è suspance, non c' tensione, scarso il gioco di climax ed anti-climax, alcuni momenti più che far viaggiare fanno sprofondare nell'acquitrino del già sentito e della calma piatta ("Campaign", "Versus").

Poco, pochissimo per un gruppo che dimostra di mirare più alla forma che alla sostanza: "Station" è formalmente tutt'altro che scadente, ma di contro è privo di contenuti. Più che originalità e genio innovativo al giorno d'oggi è richiesta una sana dose di cose da dire, in parole crude serve un bel pò di personalità per poter uscire dal marasma. Mi pare che i Russian Circles non ne abbiano tanta e, una volta esaurita la fiamma che alimenta il trend, difficilmente potranno restare a galla.

[Marco Giarratana]

Canzoni significative: Youngblood; Station.

Questa recensione é stata letta 4244 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


19/08/2011 Ad Ottobre Il Nuovo Album

tAXI dRIVER consiglia

Vanessa Van Basten - Vanessa Van BastenVanessa Van Basten
Vanessa Van Basten
 Miranda
Whale Shit
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Nadja - AutopergameneNadja
Autopergamene
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Jambinai - ONDAJambinai
ONDA
Ronin - RoninRonin
Ronin
Karate - Cancel/SingKarate
Cancel/Sing
Battles - Juice B CryptsBattles
Juice B Crypts
Fuck Buttons - Street HorrrsingFuck Buttons
Street Horrrsing