Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  [ rock ] metal punk indie experimental pop elettronica

Really From - Really From (Topshelf)

Ultime recensioni

Orange Goblin - Science Not FictionOrange Goblin
Science Not Fiction
Crypt Sermon - The Stygian RoseCrypt Sermon
The Stygian Rose
Shooting Daggers - Love & RageShooting Daggers
Love & Rage
Galg - TeloorgangGalg
Teloorgang
Haunted Plasma - IHaunted Plasma
I
Louvado Abismo - Louvado AbismoLouvado Abismo
Louvado Abismo
Ulcerate - Cutting The Throat Of GodUlcerate
Cutting The Throat Of God
Sumac - The HealerSumac
The Healer
Uboa - Impossible LightUboa
Impossible Light
The Obsessed - Gilded SorrowThe Obsessed
Gilded Sorrow
The Crypt - The CryptThe Crypt
The Crypt
Gnod - Spot LandGnod
Spot Land
Greenleaf - The Head And The HabitGreenleaf
The Head And The Habit
Robot God - Portal WithinRobot God
Portal Within
Earth Tongue - Great HauntingEarth Tongue
Great Haunting
Darkthrone - It Beckons Us AllDarkthrone
It Beckons Us All
Shellac - To All TrainsShellac
To All Trains
Julie Christmas - Ridiculous And Full Of BloodJulie Christmas
Ridiculous And Full Of Blood
Dodsrit - Nocturnal WillDodsrit
Nocturnal Will
Black Pyramid - The Paths Of Time Are VastBlack Pyramid
The Paths Of Time Are Vast

Really From - Really From
Autore: Really From
Titolo: Really From
Anno: 2021
Produzione: Sai Boddupalli
Genere: rock / post-rock / jazz

Voto:
Produzione:
Originalit:
Tecnica:



Ascolta Really From





C' chi si lamenta che il rock morto, che gli accordi sono quelli, le melodie pure, le linee vocali non sono infinite. E poi c' chi questi limiti li ha superati da tempo e sa che non c' proprio nessun limite.

Un tempo fu il post-rock a scavalcare la classica struttura rock alternativa, sebbene i pi anziani si ricordano che fin dai primordi del genere esistito il jazz-rock, la fusion, il progressive. Insomma, ognuno ascolta quello che gli capita: il rock non mai morto e non ha bisogno di ritornare.

Questa prolissa introduzione serve per presentare chi mette a frutto decenni di svalicamento del rock: i bostoniani Really From, precedentemente "noti" come People Like You. Maestri nei rispettivi strumenti (chitarra, basso, batteria, tromba) mescolano il jazz con l'emo (quello anni 90, non quello dei ragazzini depressi). Un'unione che potrebbe far storcere il naso eppure basta unire i due punti con il post-rock e il gioco fatto. Bh fatto se maneggiate gli strumenti con abilit.

Questo disco omonimo quindi un "must have" per ascoltatori curiosi e sbilenchi, che cercano sempre un modo per andare al di l. Se gli inglesi hanno i Black Country New Road gli americani hanno i Really From. E, forse, sono anche meglio.

[Dale P.]

Canzoni significative: Apartment Song, Quirk.


Questa recensione stata letta 683 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



tAXI dRIVER consiglia

deathcrash - Returndeathcrash
Return
Grails - Anches En MaatGrails
Anches En Maat
Really From - Really FromReally From
Really From
Grails - Deep PoliticsGrails
Deep Politics
Sigur Ros - Hvarf/HeimSigur Ros
Hvarf/Heim
Low - Things We Lost In The FireLow
Things We Lost In The Fire
Red Sparowes - At The Soundless DawnRed Sparowes
At The Soundless Dawn
LL'Altra
In The Afternoon
Yoo Doo Right - DonYoo Doo Right
Don't Think You Can Escape Your Purpose
 Miranda
Whale Shit