´╗┐

Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Rest - Rwake (Relapse)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Rwake - Rest
Voto:
Produzione:
OriginalitÓ:
Tecnica:

Etichetta: Relapse
Anno: 2011
Produzione: Sanford Parker
Genere: metal / sludge / progressive
Scheda autore: Rwake



Li avevo dati per dispersi, dopo quel favoloso album del 2007 che risponde al nome di "voices of Omens" (ancora tutt'oggi lo ascolto con molto piacere); e mi ero dispiaciuto non poco nel non aver piu' loro notizie, perche', in definitiva, i Rwake, sono forse una delle band di punta di un modo tutto particolare di concepire la materia sludge: contaminazione tra sludge appunto, doom, tanto post-hardcore, psichedelia presa in prestito dagli acidi anni '70, sfuriate thrash, southern, space rock e progressive, tutti miscelati da un'intensità pari ad un caterpillar che investe un minuscolo topo.

"Rest" parte probabilmente da dove il precedente mastodonte aveva chiuso i battenti, ne riprende l'emozionalita' e l'intensita' debordante, ma la porta su livelli ancora piu' alti, piu' concreti, con sezioni ritmiche e cambi di tempo degne del miglior progressive d'antan: un muro di suono difficilmente scalfibile, difficilmente penetrabile, pesante, sanguinante, slabbrato, vorticoso e inarrestabile promosso da una produzione meravigliosa, sporca ma bilanciatissima, aggressiva ma definita ai massimi livelli; prendete ad esempio i 16 minuti della magnifica "The Culling": partenza malinconica, in chitarra acustica, quasi folk, bellissima; crescendo d'intensità che non arresta la sua corsa fin quando nel finale un assolo squarcia il cielo aprendo una conclusione degna dei migliori Eyehategod.

A volte potrebbero ricordare qualcosa dei succitati Neurosis, altre volte qualcosa dei primi Mastodon (quelli dell'inarrivabile Remission), altre i Baroness piu' prog oriented, e forse altre band del settore, ma quello che muove i miei gusti a promuovere con pieni voti questa perla e' il semplice fatto di ascoltare una dose di personalita' cos├Č alta da farmi ben sperare sulle sorti della musica tutta: ancora c'e' gente, anche se non con originalita' (utopia secondo me ormai), prende filoni ben avviati per farli propri, sperimentando nuove soluzioni, nuove strade possibili, avvincenti, ed emozionanti, come fatto da questi Rwake appunto.

[Lucio Leonardi]

Canzoni significative : An Invisible Thread, The Culling


Questa recensione Ú stata letta 2017 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



NEWS


20/09/2011 Streaming di Rest
17/07/2011 Rest A Settembre

tAXI dRIVER consiglia

Bongripper - Satan Worshipping DoomBongripper
Satan Worshipping Doom
Kylesa - To Walk A Middle CourseKylesa
To Walk A Middle Course
Keelhaul - Triumphant Return To ObscurityKeelhaul
Triumphant Return To Obscurity
Torche - AdmissionTorche
Admission
Superjoint Ritual - Use Once & DestroySuperjoint Ritual
Use Once & Destroy
Lair Of The Minotaur - War Metal Battle MasterLair Of The Minotaur
War Metal Battle Master
Rwake - RestRwake
Rest
Time To Burn - Starting PointTime To Burn
Starting Point
Unearthly Trance - The TridentUnearthly Trance
The Trident
Baroness - Red AlbumBaroness
Red Album