Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio Festival
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Jerusalem - Sleep (Music Cartel)

Ultime recensioni

Human Impact - Human ImpactHuman Impact
Human Impact
Pearl Jam - GigatonPearl Jam
Gigaton
Stone Temple Pilots - PerdidaStone Temple Pilots
Perdida
Burzum - Thulean MysteriesBurzum
Thulean Mysteries
Slift - UmmonSlift
Ummon
Major Kong - Off the ScaleMajor Kong
Off the Scale
Body Count - CarnivoreBody Count
Carnivore
Sightless Pit - Grave Of A DogSightless Pit
Grave Of A Dog
Intronaut - Fluid Existential InversionsIntronaut
Fluid Existential Inversions
Mondo Generator - Fuck ItMondo Generator
Fuck It
Insect Ark - The VanishingInsect Ark
The Vanishing
Neil Young - ColoradoNeil Young
Colorado
Shitkid - Duo LimboShitkid
Duo Limbo
Lowrider - RefractionsLowrider
Refractions
Ovo - MiasmaOvo
Miasma
Greg Dulli - Random DesireGreg Dulli
Random Desire
Frayle - 1692Frayle
1692
Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Kvelertak - SplidKvelertak
Splid
Envy - The Fallen CrimsonEnvy
The Fallen Crimson

Sleep - Jerusalem
Voto:
Anno: 1998
Produzione:
Genere: metal / doom / sludge
Scheda autore: Sleep


Compra Sleep su Taxi Driver Store


Se esiste un disco leggendario lo è sicuramente il terzo lavoro degli Sleep. Un unico brano, Jerusalem, e 45 minuti di delirio doom psichedelico.

Non si capisce come abbiano fatto ad attirare le attenzioni di una major (la London) dato il suono cavernoso e sepolcrale devoto a Black Sabbath e Saint Vitus. Certo è che la band firmerà il contratto da qualche migliaio di dollari e si rinchiuderà in studio per l'importante debutto con tonnellate di fumo.

Dalle parole di Matt Pike (ora nei High On Fire) la band spese tutti i soldi in marijuana e si chiuse in studio con il leggendario Billy Anderson per celebrare il rito psichedelico.

Ne venne fuori un brano denso e invendibile. Immaginatevi i Melvins e gli Earth in perenne stato alterato insistenti su un concetto e su di un riff. La London, ovviamente, stracciò il contratto con Pike e co ma si tenne il loro disco (evidentemente anche loro le canne se le fanno). La band frustrata dalla situazione (e loro pure ci provarono: remixarono addirittura il disco) dopo poco tempo si sciolse, non prima di aver sbloccato Jerusalem e averlo dato alla Music Cartel.

Qualche anno dopo uscì la versione con il mix originale e ancora più dilatata chiamata Dopesmoker pubblicata dalla TeePee.

La bellezza del disco è tutta nella spontaneità e nella naivitè di una band che credeva che il music business non fosse così terribile come lo si dipingeva. Sperare di pubblicare un opera, sì monumentale ma allo stesso tempo osticissima, è da pazzi fumati e a noi non possono che starci simpatici.

Un testo breve, la voce sepolcrale alla King Buzzo, la batteria che con pochi colpi devasta ogni cosa e una chitarra in perenne stato di agitazione rendono Jerusalem un'opera unica degna di essere posseduta da ogni stoners che rispetti.

Da non trascurare le carriere successive di High On Fire (Pike), Sabians (Marler) e Om (Cisneros, Hakius).

[Dale P.]

Canzoni significative: Jerusalem.

Questa recensione é stata letta 5431 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

17/05/2012PiacenzaFillmore
14/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 3

NEWS


02/04/2012 La Copertina Della Ristampa Di Dopesmoker
11/03/2012 Ristampa di Dopesmoker
08/02/2012 Due Date In Italia
06/09/2011 Headliner Del Roadburn 2012
22/03/2011 Annunciano Nuove Date
30/06/2010 Annunciano Tour Americano

tAXI dRIVER consiglia

Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
Obrero - Mortui Vivos DocentObrero
Mortui Vivos Docent
Ramesses - Take The CurseRamesses
Take The Curse
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Cough - Ritual AbuseCough
Ritual Abuse
Konvent - Puritan MasochismKonvent
Puritan Masochism
Sleep - JerusalemSleep
Jerusalem
Esoteric - Paragon Of DissonanceEsoteric
Paragon Of Dissonance
The DevilThe Devil's Blood
The Thousandfold Epicentre