Home [ Recensioni ] News Speciali Live Reports Etichetta Negozio Radio
  rock [ metal ] punk indie experimental pop elettronica

Sleep - Jerusalem (Music Cartel)

Ultime recensioni

Mizmor - WitMizmor
Wit's End
Yard Act - The OverloadYard Act
The Overload
Boris - WBoris
W
Stew - TasteStew
Taste
Fu Manchu - A Look Back Dogtown & Z-BoysFu Manchu
A Look Back Dogtown & Z-Boys
AA.VV. - Ô - A Tribute To Ô PaonAA.VV.
Ô - A Tribute To Ô Paon
Endless Boogie - AdmonitionsEndless Boogie
Admonitions
Cerce - Cowboy MusicCerce
Cowboy Music
Sugar Horse - The Live Long AfterSugar Horse
The Live Long After
Bad Waitress - No TasteBad Waitress
No Taste
Midwife - LuminolMidwife
Luminol
Nolan Potter - Music Is DeadNolan Potter
Music Is Dead
Illuminati Hotties - Let Me Do One More TimeIlluminati Hotties
Let Me Do One More Time
A.A. Williams - Arco EPA.A. Williams
Arco EP
Failure - Wild Type DroidFailure
Wild Type Droid
King Buffalo - AcheronKing Buffalo
Acheron
Papangu - HolocenoPapangu
Holoceno
Moin - Moot!Moin
Moot!
Kulk - We Spare NothingKulk
We Spare Nothing
Kaatayra - InpariquipêKaatayra
Inpariquipê

Sleep - Jerusalem
Autore: Sleep
Titolo: Jerusalem
Anno: 1998
Produzione:
Genere: metal / doom / sludge

Voto:


Compra Sleep su Taxi Driver Store


Se esiste un disco leggendario lo è sicuramente il terzo lavoro degli Sleep. Un unico brano, Jerusalem, e 45 minuti di delirio doom psichedelico.

Non si capisce come abbiano fatto ad attirare le attenzioni di una major (la London) dato il suono cavernoso e sepolcrale devoto a Black Sabbath e Saint Vitus. Certo è che la band firmerà il contratto da qualche migliaio di dollari e si rinchiuderà in studio per l'importante debutto con tonnellate di fumo.

Dalle parole di Matt Pike (ora nei High On Fire) la band spese tutti i soldi in marijuana e si chiuse in studio con il leggendario Billy Anderson per celebrare il rito psichedelico.

Ne venne fuori un brano denso e invendibile. Immaginatevi i Melvins e gli Earth in perenne stato alterato insistenti su un concetto e su di un riff. La London, ovviamente, stracciò il contratto con Pike e co ma si tenne il loro disco (evidentemente anche loro le canne se le fanno). La band frustrata dalla situazione (e loro pure ci provarono: remixarono addirittura il disco) dopo poco tempo si sciolse, non prima di aver sbloccato Jerusalem e averlo dato alla Music Cartel.

Qualche anno dopo uscì la versione con il mix originale e ancora più dilatata chiamata Dopesmoker pubblicata dalla TeePee.

La bellezza del disco è tutta nella spontaneità e nella naivitè di una band che credeva che il music business non fosse così terribile come lo si dipingeva. Sperare di pubblicare un opera, sì monumentale ma allo stesso tempo osticissima, è da pazzi fumati e a noi non possono che starci simpatici.

Un testo breve, la voce sepolcrale alla King Buzzo, la batteria che con pochi colpi devasta ogni cosa e una chitarra in perenne stato di agitazione rendono Jerusalem un'opera unica degna di essere posseduta da ogni stoners che rispetti.

Da non trascurare le carriere successive di High On Fire (Pike), Sabians (Marler) e Om (Cisneros, Hakius).

[Dale P.]

Canzoni significative: Jerusalem.

Questa recensione é stata letta 5640 volte!
Voto utenti:
Vota Questo Disco:



Live Reports

17/05/2012PiacenzaFillmore
14/04/2012TilburgRoadburn 2012 Day 3

NEWS


02/04/2012 La Copertina Della Ristampa Di Dopesmoker
11/03/2012 Ristampa di Dopesmoker
08/02/2012 Due Date In Italia
06/09/2011 Headliner Del Roadburn 2012
22/03/2011 Annunciano Nuove Date
30/06/2010 Annunciano Tour Americano

tAXI dRIVER consiglia

Godthrymm - ReflectionsGodthrymm
Reflections
Yob - AtmaYob
Atma
Bloody Panda - SummonBloody Panda
Summon
Sleep - JerusalemSleep
Jerusalem
Domkraft - Slow FidelityDomkraft
Slow Fidelity
Middian - Age EternalMiddian
Age Eternal
Salome - TerminalSalome
Terminal
Unearthly Trance - ElectrocutionUnearthly Trance
Electrocution
Devil - Time To RepentDevil
Time To Repent
Domkraft - SeedsDomkraft
Seeds